Superlega: Perugia e Trento vincono nettamente.Colpaccio Monza che vince senza Grozer

Cisterna in rimonta. Da 0-2 a 3-2 nel deserto di Taranto

Scritto da Redazione Volleyball.it  | 
Kaziyski in attacco

MODENA - Le altre della 2a di ritorno.  Successo netto di Trento su Verona nella contro diretto di alta classifica. Perugia vince il testa coda con Siena, la Top Volley Cisterna da 0-2 a 3-2. Monza vince a Milano anche senza Grozer.

Itas Trentino - WithU Verona 3-0 (25-13, 25-13, 25-16)
Itas Trentino: Sbertoli 2, Michieletto 8, Lisinac 15, Kaziyski 11, Lavia 14, Podrascanin 8, Laurenzano (L). N.E. Pace, D'Heer, Cavuto, Berger, Dzavoronok, Depalma, Nelli. All. Lorenzetti. 
WithU Verona: Spirito 1, Keita 6, Grozdanov 1, Sapozhkov 9, Mozic 8, Cortesia 4, Bonisoli (L), Gaggini (L), Vieira De Oliveira 0, Perrin 2, Mosca 1. N.E. Zanotti, Jensen, Magalini. All. Stoytchev. 
ARBITRI: Curto, Pozzato. 
NOTE - durata set: 20', 20', 21'; tot: 61'. Spettatori: 3.385. MVP: Sbertoli.
TRENTO - Il 44° derby dell’Adige è un lungo monologo dell’Itas Trentino. I padroni di casa si si assicurano alla BLM Group Arena il match di Santo Stefano in maniera nettissima contro gli scaligeri, travolgendoli con la forza del loro servizio (13 ace in tre set, con appena 7 errori) e l’efficacia dimostrata in attacco (61% di squadra) e a muro (9 vincenti). Una prestazione pressoché perfetta da parte degli uomini di Lorenzetti, come dimostra il solo errore in attacco commesso nell’arco dei tre set senza storia. Con partenze brucianti i gialloblù mettono in chiaro il rapporto di forza sin dalle prime battute di ogni parziale, sfruttando al massimo la grande vena in regia di Sbertoli (MVP) e l’incisività a rete di Lavia, Lisinac e Podrascanin. Verona soffre sempre in ricezione senza riuscire a trovare un solo elemento in grado di passare con regolarità.
Riccardo Sbertoli (Itas Trentino): “La nostra è stata una grandissima prova e sono contento perché ce lo meritavamo e se lo meritava il nostro pubblico. Abbiamo preparato benissimo la partita e abbiamo avuto un approccio notevole. Sono contentissimo per i tre punti ma soprattutto per la prestazione: ci torneranno utili entrambe in vista del quarto di finale di Coppa Italia con Modena di mercoledì”.
Radostin Stoytchev (allenatore WithU Verona): “Sapevamo che sarebbe stata una gara difficile, ce lo siamo ripetuti più volte. Ci hanno messo sotto pressione fin da subito e con la loro battuta hanno prodotto il 54% di danno e da lì non c'è stata storia. Quando noi giochiamo male, giochiamo male tutti e dobbiamo mettere la faccia. Sappiamo cosa vogliamo fare e dove vogliamo arrivare”.

 

Sir Safety Susa Perugia - Emma Villas Aubay Siena 3-0 (25-19, 25-17, 25-16)
Sir Safety Susa Perugia: Giannelli 0, Semeniuk 13, Solé 11, Rychlicki 12, Leon Venero 9, Russo 5, Cardenas Morales 0, Colaci (L), Plotnytskyi 7, Mengozzi 2, Herrera Jaime 5, Ropret 1. N.E. Piccinelli, Resende Gualberto. All. Anastasi. 
Emma Villas Aubay Siena: Finoli 1, Petric 11, Mazzone 3, Pinali 7, Raffaelli 4, Ricci 2, Pochini (L), Pinelli 0, Bonami (L), Pereyra 0, Van Garderen 3, Biglino 0. All. Pelillo. 
ARBITRI: Brunelli, Cesare. 
NOTE - durata set: 27', 27', 26'; tot: 80'. Spettatori: 3.518. MVP: Solé.
PERUGIA - Pronostico rispettato dalla Sir Safety Susa Perugia che, nel testacoda della 2ª di ritorno di Superlega, si impone 3-0 al PalaBarton sulla Emma Villas Aubay Siena e prosegue la sua corsa in vetta alla classifica. Applausi convinti degli oltre 3500 saliti a Pian di Massiano nel giorno di Santo Stefano per gli uomini di coach Anastasi che giocano un match concreto, concentrato e di grande qualità, specialmente in fase break. Tre parziali vinti con autorevolezza dai bianconeri che conducono le operazioni praticamente per tutto l’arco del match con l’eccezione delle fasi iniziali del secondo parziale, quando Siena trova ritmo e va in vantaggio 6-9 prima di subire un break di 10-0 con Semeniuk dai nove metri. I numeri certificano la supremazia della formazione del presidente Sirci, soprattutto in attacco (57% contro 29%) e a muro (14 vincenti, 5 dei quali di Russo, contro 4). Doppia cifra in casa Sir Safety Susa per Semeniuk (13 punti col 62% in attacco), Rychlicki (12 palloni vincenti) e per l’MVP di giornata Solé che ne mette 11 con 1 ace, 4 muri e l’86% in primo tempo. Nelle file della Emma Villas Aubay degna di menzione la prova dell’ex Petric. Il capitano senese è l’ultimo a mollare e chiude con 11 punti a referto.
Gregor Ropret (Sir Safety Susa Perugia): “Una bella prestazione di tutta la squadra stasera. Abbiamo avuto pazienza, commesso pochi errori e sviluppato un’ottima fase break. Siamo contenti e speriamo che questa prova ci sia di aiuto anche per giovedì per i Quarti di Coppa Italia. Ci attende una partita molto importante per noi. L’atmosfera oggi al palazzetto? Bellissima”.
Giulio Pinali (Emma Villas Aubay Siena): "Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile. Abbiamo cercato di rimanere sul punto a punto, loro hanno spinto tanto soprattutto dopo il primo set al servizio e ci hanno messo in difficoltà con questo fondamentale. Noi abbiamo cercato di fare del nostro meglio. Secondo me siamo migliorati in molte cose e in tanti aspetti, partite come questa devono servirci proprio per cercare una crescita come squadra. I team come Perugia non ti concedono nulla. Avremo alcuni giorni per poter pensare più a noi e dove potremo migliorare, cercheremo di sfruttare questo periodo. Il nostro obiettivo è quello di preparare al meglio la gara contro Milano”.

 

Gioiella Prisma Taranto - Top Volley Cisterna 2-3 (25-13, 25-19, 24-26, 23-25, 13-15)
Gioiella Prisma Taranto: Falaschi 1, Loeppky 26, Larizza 10, Stefani 24, Antonov 17, Alletti 11, Rizzo (L), Ekstrand 0, Cottarelli 0. N.E. Pierri, Gargiulo, Andreopoulos. All. Di Pinto. 
Top Volley Cisterna: Baranowicz 0, Kaliberda 2, Rossi 2, Dirlic 21, Bayram 1, Zingel 7, Sedlacek 15, Staforini (L), Gutierrez 18, Catania (L), Mattei 5. N.E. Lostritto, Martinez, Zanni. All. Soli. 
ARBITRI: Simbari, Canessa. 
NOTE - durata set: 23', 31', 34', 32', 21'; tot: 141'. Spettatori: 656. MVP: Gutierrez.
TARANTO - Nel 2° turno di ritorno, al PalaMazzola, si consuma un altro tie break amaro per i padroni di casa della Gioiella Prisma Taranto che conducono il gioco per 2 set e poi soccombono al ritorno della Top Volley Cisterna (25-13, 25-19, 24-26, 23-25, 13-15). I rossoblù escono dal campo con il grande rammarico per il match ball in mano nel terzo parziale chiuso poi ai vantaggi dagli ospiti con due ace di Gutierrez (MVP). Lo stesso cubano e il croato Dirlic si rendono poi protagonisti della rimonta che li conduce alla vittoria, con 18 e 21 punti rispettivamente. Nel tie break è un punto a punto intenso. La Gioiella conduce al cambio campo, ma spreca tutto e si ritrova di nuovo a rincorrere, complici i numerosi errori al servizio (ben 21 per i rossoblù) e la differenza a muro dei laziali (12 muri per Cisterna, 4 per la Gioiella) che chiudono la porta sugli attacchi di Stefani e Loeppky. Un punto con una diretta concorrente che muove la classifica, nonostante l’amarezza per l’andamento e l’epilogo della contesa.
Vincenzo Di Pinto (allenatore Gioiella Prisma Taranto): “Partita tosta, un grande match disputato da parte di entrambe le compagini. Nell’arco dei cinque set avremmo meritato di vincere la partita. Nei primi due c’eravamo solo noi, poi loro hanno messo in campo la grande forza dei quattro martelli e la partita è cambiata. Abbiamo giocato tutti i parziali a buoni livelli, ma abbiamo sbagliato due o tre palle nei momenti finali in cui potevamo far meglio. Con un pizzico di lucidità in più avremmo portato a casa la vittoria, c’è tanta rabbia per la qualità del gioco espresso, ma oggi muoviamo la classifica e non è poco, ogni punto può essere determinante per il nostro obiettivo”.
Damiano Catania (Top Volley Cisterna): "E’ stata una partita molto complicata, cominciata male. Loro stavano facendo un buon lavoro, poi il coach ha optato per i cambi giusti e ci siamo presi la vittoria. Il primo obiettivo per noi è la salvezza, pensiamo partita per partita ad allungare in classifica con un pensierino ai Play Off. Abbiamo elementi esperti che stanno facendo la differenza”.

Allianz Milano - Vero Volley Monza 1-3 (18-25, 22-25, 25-22, 22-25)
Allianz Milano: Porro 4, Ishikawa 11, Loser 11, Patry 16, Ebadipour 7, Vitelli 1, Colombo (L), Bonacchi 0, Piano 1, Pesaresi (L), Mergarejo Hernandez 9, Fusaro 0. N.E. Lawrence. All. Piazza. 
Vero Volley Monza: Zimmermann 1, Davyskiba 23, Galassi 4, Szwarc 18, Maar 22, Beretta 4, Federici (L), Visic 0, Di Martino 0. N.E. Pirazzoli, Frascio, Magliano, Marttila, Rossi. All. Eccheli. 
ARBITRI: Goitre, Rossi. 
NOTE - durata set: 31', 33', 32', 32'; tot: 128'. Spettatori: 2.756. MVP: Davyskiba.
MILANO - Tarda ad arrivare il successo nel girone di ritorno per l’Allianz Milano che, tra le mura amiche dell’Allianz Cloud, non riesce a fare proprio il derby contro i cugini monzesi, vittoriosi in quattro set. Milano ci prova, ma senza fortuna, a conquistarsi contro un avversario difficile - senza Grozer - quel successo utile a respingere la risalita della squadra di coach Eccheli e mettere una distanza importante da un diretto avversario in classifica. Inizio ad handicap per Piano e compagni che vanno sotto 2-0. La grinta ritrovata nel terzo parziale permette ai milanesi di allungare il match, ma questo non basta per accarezzare l’incredibile rimonta, come era successo invece all’andata. Prova in chiaro scuro dei meneghini, in crescita i brianzoli che trovano in Davyskiba, MVP della sfida (23 punti con il 64% in attacco), un mattatore d’eccezione nella serata di Santo Stefano. Dello schiacciatore anche l’ultimo punto che decreta la fine del match.
Yuki Ishikawa (Allianz Milano): “Non abbiamo iniziato male, loro al servizio però sono stati molto forti e ci hanno messo in difficoltà. Nel terzo set ci siamo ripresi, soprattutto in battuta, e questo ci ha permesso di prendere il ritmo e fare il nostro gioco. Nel quarto abbiamo iniziato male, ma siamo riusciti a recuperare, loro hanno ricominciato a spingere con il servizio e non siamo riusciti a recuperare con la testa. Coppa Italia? Oggi è andata così, tra pochi giorni avremo una partita importante. L’hanno scorso abbiamo vinto con Civitanova in quella gara, ci aspettiamo molta aggressività da parte loro. Dobbiamo prepararci a questo, soprattutto mentalmente”.
Jan Zimmermann (Vero Volley Monza): “Siamo felici di tornare a casa con una bella vittoria contro un’ottima squadra come Milano. L’assenza di Grozer poteva rendere tutto più complicato, invece Szwarc ha fatto una bella prestazione e ci ha dato una grande mano. La correlazione muro-difesa era la chiave della gara e noi abbiamo interpretato benissimo questo fondamentale. Siamo stati anche molto pazienti, in attacco e non solo, e questo mi rende davvero felice. Possiamo migliorare tanto, ma era importante prendere la posta piena e l’abbiamo fatto giocando una bella partita”.
 



Newsletter Volleyball.it - Iscriviti / Subscribe

* indicates required

Volleyball.it will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing. Please let us know all the ways you would like to hear from us:

You can change your mind at any time by clicking the unsubscribe link in the footer of any email you receive from us, or by contacting us at [email protected] We will treat your information with respect. For more information about our privacy practices please visit our website. By clicking below, you agree that we may process your information in accordance with these terms.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.