Cev Cup: Belgorod campione. Tetyukhin saluta con un altro trofeo

Scritto da Giacomo Tarsi  | 
CEV Cup: Finale: Ritorno (10 aprile)
Ziraat Bankasi ANKARA - Belogorie BELGOROD 2-3 (25-21, 26-24, 26-28, 21-25, 11-15) (andata: 0-3)
Ziraat Bankasi Ankara: Kiyak 7, Kurek 19, Savas 13, Konarski 11, Antonov 16, K. Sahin 7, Done (L); Atli 1, Cacic 0. Non entrati: V. Yilmaz, Tayaz, Zorluer. All: Milenkoski.
Belogorie Belgorod: Grankin 1, Iereshchenko 15, Muserskiy 16, Bakun 20, Tetyukhin 11, N. Nikolov 8, N. Eremin (L); Obmochaev (L), Alexander Safonov 0, Danilov 3 , Poroshin 2, Khanipov 1, Spodobets 1. All: Kosarev.

ANKARA - Dopo un match completamente diverso da quello dell'andata e decisamente più sofferto il Belogorie Belgorod riesce comunque a rispettare i favori del pronostico e a mettere nella sua bacheca la Coppa CEV. Chiude dunque la sua carriera con un altro trofeo Sergey Tetyukhin.
Spinto dalla grande giornata in battuta di Antonov (ottimo anche in attacco nei primi 2 set prima di calare alla distanza), dall'ottima prestazione di Kurek (55% in att.) e forse anche da qualche aiutino arbitrale nel finale di 2° set lo Ziraat si porta su un sorprendente 2-0. I russi, fallosi al servizio nei primi 2 set, aggiustano la mira dal 3° (in cui presentano sin dall'inizio Poroshin in regia al posto di Grankin) e spinti da Bakun (68% in att.) e Muserskiy (67% in att.) completano la rimonta e poi vincono anche l'inutile tie-break.

Scelta estremamente casalinga per il premio MVP finito al palleggiatore Ulas Kiyak.

185211_MMK_9291