Mondiali 2022: Italia, 3-0 al Canada. Due set in scioltezza poi una salutare battaglia nel 3°

Scritto da Luca Muzzioli  | 
1 GIORNATA
ITALIA - CANADA 3-0 (25-13, 25-18, 39-37) - I tabellini set per set
ITALIA: Giannelli 3, Romanò 14, Michieletto 12, Lavia 18, Russo 7, Galassi 11, Balaso (L). Sbertoli, Recine. Ne: Bottolo, Mosca, Anzani, Pinali, Scanferla (L). All: De Giorgi
CANADA: Epp, Sclater 12, Loeppky 3, Barnes 6, Howe 4, Szwarc 6, Marshall (L), Walsh, Van Berkel 4, Maar 7, Hoag, Hofer. Ne: Elser (L). Eshenko, All: Josephson
Arbitri: Epaminondas (GRE), Mohamed Ahmed (UAE)
Durata set: 18’, 22’, 46’
Spettatori: 620
Italia: a 4 bs 17 mv 14 et 26
Canada: a 3 bs 15 mv 4 et 24

LUBIANA - Azzurri vincenti nell'avvio del campionato del Mondo con la prima partite della Pool E. Una gara dai due volti che però è risultata performante. Prima due set in scioltezza per scacciare eventuali tensioni da debutto, poi un terzo set che - tra accorgimenti tattici del Canada che ha cambiato volto con l'inserimento di Maar e un calo di tensione al servizio degli azzurri - ha riaperto momentaneamente la gara gettando gli azzurri nella centrifuga del punto a punto che ha di fatto battezzato la squadra in questo avvio di torneo dove deve essere viva la consapevolezza che ogni gara sarà da vivere al massimo.

LA PARTITA - Primo set in scioltezza. Senza Maar e Hoag il Canada accusa da subito. Dopo un iniziale 4-4 gli azzurri allungano sfruttando la meglio gli errori degli avversari e il muro dell'Italia: 10-5, 16-8, 22-11. Solo l'opposto Sclater, con non poca fatica, cerca di impensierire gli azzurri. Set senza storia, con Barns che picchia l'ultimo servizio out. Italia che vince con un 69% in attacco, 5 muri vincenti, 4 punti di Galassi e 4 di Lavia, solo 4 errori di squadra.
Secondo set ancora con inerzia azzurra. 4-1. C'è la giusta tranquillità e riescono le cose con precisione. Ancora tanti muri. Romanò attacca di forza (8-4), Giannelli mette a segno un bell'ace (12-7), Romanò infila un pallone di astuzia nel muro avversario poi ci mette un muro: 16-8. Anche Galassi si rifà sentire al centro della rete: 21-13. Altro muro del posto tre dei brianzoli. Due errori azzurri valgono il 23-17 del Canada a -6.  Maar mette piede in campo per il servizio flot sul 24-18, ma il side out di Michieletto non fa sconti: 25-18. 7 punti di Romanò. La battuta azzurra mette in affanno la costruzione canadese.
Canada che cambia le carte in tavola con Maar titolare dal 3° set. Un set che si accende e diventa battaglia punto a punto. Canada che va anche avanti grazie all'entusiasmo portato dall'ingresso del posto 4. Si procede con continui sorpassi, fino al finale di set con gli azzurri avanti nel momento chiave (24-22), ma il Canada approfitta del momento di difficoltà dell'Italia che al servizio inizia a sbagliare battute in serie. Si impatta 24-24 poi il parzialoe diventa un tunnel nella sofferenza che si spera sia formante in vista delle prossime gare.
Gli azzurri tengono in partita il Canada (buon momento di Maar, Sclater e Van Berkel) con una decina di servizi sbagliati, fino a passare da 10 match ball azzurri a 4 set ball canadesi. Lavia e Michieletto chiudono il match, non prima di un bell'ace di Romanò.


Newsletter Volleyball.it - Iscriviti / Subscribe

* indicates required

Volleyball.it will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing. Please let us know all the ways you would like to hear from us:

You can change your mind at any time by clicking the unsubscribe link in the footer of any email you receive from us, or by contacting us at [email protected] We will treat your information with respect. For more information about our privacy practices please visit our website. By clicking below, you agree that we may process your information in accordance with these terms.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.


💬 Commenti