Mondiali 2022: 21-21, 4° set. L'attacco vincente di Ropret in Francia-Slovenia è fallo.... Scopriamo perché

Scritto da Simone Serafini  | 
MODENA - Accade molto raramente. Per questo che molti spettatori, televisivi e non, non hanno colto immediatamente il perché del fischio arbitrale sul 21 pari del quarto set tra Slovenia e Francia. Il regista sloveno Ropret effettua un attacco su una palla vagante, proveniente da un palleggio del libero Kovacic. La schiacciata è vincente, ma l'arbitro assegna il ventiduesimo punto ai francesi. Sloveni smarriti, francesi che non appena Ropret sta attaccando iniziano a protestare. Cosa è successo? (In fondo il video con quello che è stato detto in telecronaca)
Attacco effettuato dopo palleggio entro i tre metri del Libero, non si può - Quando il libero sloveno ha coperto il pallone fermato dal muro francese, lo ha fatto effettuando un palleggio. Il pallone è stato poi attaccato da Ropret, e di fatto la copertura di Kovacic è diventata un'alzata. Peccato però che il Libero con i piedi era ben dentro la zona dei tre metri. Il regolamento infatti permette che l'alzata proveniente dal Libero si possa attaccare, ma non se effettuata da dentro la zona dei tre metri con la tecnica del palleggio. Se Kovacic avesse colpito il pallone in bagher, non ci sarebbero stati problemi. Per questo motivo vediamo il Libero effettuare, durante la partita, sia alzate in palleggio sia in bagher. Fuori dai tre metri, può scegliere che tecnica usare. Dentro i tre metri, se vuole che la sua alzata sia attaccabile, non ha questa libertà. Deve usare il bagher.
Però, se Ropret non avesse attaccato...sarebbe stato fallo? - Il problema per la Slovenia però non è stato in se per sé il palleggio dentro i tre metri del Libero. Perché infatti il regolamento non punisce direttamente il palleggio, ma soltanto quando un giocatore effettua l'attacco. Se Ropret avesse mandato di là il pallone senza saltare (o se avesse alzato, visto che era il secondo tocco...) il gioco sarebbe continuato. Una sorta di "scappatoia", nel senso che se, ad esempio, il Libero per sbaglio effettua un palleggio d'alzata dentro i tre metri, un compagno può non attaccare per non incorrere nel fallo. Il gioco quindi si interrompe al momento dell'attacco, non quando il Libero palleggia. Ropret invece ha optato per schiacciare, sicuramente non realizzando velocemente che il compagno aveva coperto con il palleggio. Che, sebbene fosse il primo tocco, con la sua schiacciata si è trasformata in un'alzata in palleggio. Punita puntualmente dalla coppia arbitrale.

QUELLO CHE INVECE E' STATO RACCONTATO IN TELECRONACA



Newsletter Volleyball.it - Iscriviti / Subscribe

* indicates required

Volleyball.it will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing. Please let us know all the ways you would like to hear from us:

You can change your mind at any time by clicking the unsubscribe link in the footer of any email you receive from us, or by contacting us at [email protected] We will treat your information with respect. For more information about our privacy practices please visit our website. By clicking below, you agree that we may process your information in accordance with these terms.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.


💬 Commenti