Superlega: Padova vince e affonda Siena. Salvezza a -6 per i toscani

Scritto da Gloria Turatello  | 

Pallavolo Padova - Emma Villas Aubay Siena 3-0 (25-16; 25-20; 25-20) - classifica
Pallavolo Padova: Saitta 2, Desmet 12, Volpato 2, Petkovic 17, Takahashi 15, Crosato 9, Gardini 0, Zenger (L), Guzzo 0, Zoppellari 0. N.E. Lelli, Asparuhov, Canella. All. Cuttini. 
Emma Villas Aubay Siena: Finoli 3, Petric 7, Ricci 3, Pinali 14, Van Garderen 6, Mazzone 6, Bonami (L), Raffaelli 2, Pereyra 0. N.E. Pochini, Biglino, Ngapeth, Pinelli. All. Montagnani. 
ARBITRI: Curto, Zanussi. 
NOTE - durata set: 23', 25', 26'; tot: 74'.

PADOVA - Alla Kioene Arena va in scena il recupero della 6a giornata di andata, che era stata rimandata per positività al Covid di più di 3 giocatori senesi. I padroni di casa ospitano l’Emma Villas Aubay Siena, in uno scontro importante in chiave salvezza, trovandosi le due avversarie agli ultimi due posti in classifica, quindi in piena zona retrocessione. 
Ci si aspetta grande battaglia sul campo, ma in realtà Padova si aggiudica con grande facilità il primo parziale e solo nelle fasi iniziali del secondo e terzo set si vede un certo equilibrio: dalla seconda metà delle frazioni, infatti, i veneti mettono dei break importanti che consentono di arrivare ai punti caldi con un certo margine di sicurezza. La squadra della città del Santo smuove la classifica prendendosi 3 punti preziosi in ottica classifica ed ottimi anche per tirare un sospiro di sollievo e ripartire più carichi in vista del giro di boa, mentre l'Emma Villas Aubay si trova sempre più sola in fondo al gruppo e l'ambiente si fa scuro.

I PIU’ ED I MENO - Padova gioca meglio in molti fondamentali, ma è soprattutto in attacco che si vede la differenza: 62% per i padroni di casa contro il 46% per i toscani, che soffrono un po’ meno in ricezione, dove infatti segnano il 51% di positiva, contro il 58% dei veneti. A muro un’altra importante differenza: ne mette 9 Padova (4 di Desmet), mentre i senesi chiudono la strada a rete per 4 volte. Dai 9 metri Padova sbaglia qualcosa di più, ma mette la palla a terra direttamente per 7 volte (3 ace a testa per Petkovic e Takahashi), dall’altra parte della rete sono 10 gli errori al servizio e 4 gli ace (3 di Finoli), tutti nell’ultimo parziale. Top scorer Petkovic con 17 punti, il 61% in attacco e 3 ace, seguono Takahashi con 15 punti, il 67% in attacco e 3 ace e Pinali con 14 punti ed il 54% in attacco. Ad aggiudicarsi il titolo di MVP è però il belga Desmet che mette 12 punti, 1 ace e 4 muri.

SESTETTI - La Pallavolo Padova recupera dai malanni passeggeri, schiera Saitta al palleggio con oppia con Petkovic al centro Volpato e Crosato di banda Takahashi e Desmet, libero Zenger. Dall’altra parte Siena, guidata in panchina dall’ex Montagnani a Padova per due stagioni, risponde con Finoli e Pinali opposto, Ricci e Mazzone al centro Van Garderen e Petric di banda, libero, Bonami.

LA PARTITA - La Pallavolo Padova riesce a mettere un po’ di distanza tra sè e gli avversari con un parziale di 5-0 che li orta 7-5 e covince Montagnani a chiamare time out. Takahashi nel suo lungo turno dai 9 metri trova anche un ace. L’Emma Villas Aubay è anche fallosa e resta indietro 11-3. Con Van Garderen e Ricci a muro i toscani recuperano qualche lunghezza, ma Petkovic interrompe il tentativo di rimonta (14-7). Pinali prova a tenere a galla i suoi, ma Padova incrementa il margine portandosi 21-13 con Takahashi; Mazzone si va vedere in prima linea, ma rispondono Crosato e Desmet, che portano al set ball chiuso dal nipponico con un ace.

Nel secondo set è Pinali a farsi sentire, mettendo i primi tre punti di Siena, che regala un inizio di parziale combattuto, con continui contro sorpassi. Dal 3-2 padovano al 5-6 toscano, è dal 7 pari che Padova approfittando di 3 errori avversari mette il primo allungo (10-7). I veneti arrivano anche al +4 con l’ace di Petkovic (14-10), poi l’altro serbo della partita Petric riporta i suoi a -2 e porta ad una fase centrale all’insegna del cambio palla, poi però i padroni di casa mettono un altro break con Takahashi vanno 22-17. Pochi scambi e ci pensa Crosato a chiudere anche il secondo set in favore bianconero.

Anche l’inizio della terza frazione è all’insegna dell’equilibrio, con Padova che mette avanti la testa, ma Siena che ribatte colpo su colpo e riesce a sorpassare con un ace di Pinali (5-6). Gli risponde subito Desmet con l’ace del contro sorpasso 7-6, l’Emma Villas Aubay resta in scia ancora per poco, perché i veneti accelerano e si portano 11-8 con il muro di Saitta su Petric. Finoli però non ci sta e con due ace riporta i compagni in parità a quota 11, con Cuttini che richiama i suoi a sè. Al rientro in campo il palleggiatore brasiliano ne trova un altro, che vale il vantaggio senese, ma Padova reagisce ed in un attimo Takahashi e Desmet controsorpassano e portano i padroni di casa 15-12. Il belga segna anche l’anticipo a muro che vale il 18-13.  Van Garderen interrompe la cavalcata padovana, ma ci pensa Petkovic a ritrovare a rimettere le cose in chiaro (20-15), anche se Mazzone prova ancora a dare fastidio insieme a Pinali (21-18). L’opposto azzurro è uno dei pochi a tenere vivi i toscani, ma grazie agli attacchi di Takahashi e Crosato Padova va al matchball con un buon margine e può permettersi di aggiudicarsi la partita grazie al servizio out di Finoli 25-20.



Newsletter Volleyball.it - Iscriviti / Subscribe

* indicates required

Volleyball.it will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing. Please let us know all the ways you would like to hear from us:

You can change your mind at any time by clicking the unsubscribe link in the footer of any email you receive from us, or by contacting us at [email protected] We will treat your information with respect. For more information about our privacy practices please visit our website. By clicking below, you agree that we may process your information in accordance with these terms.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.