Vetrina rosa: I più e i meno di A1 femminile. Playoff a Siena, volley-mercato "primaverile", Cuttino-Mopper, l'Europa è affare italiano

MODENA – Lente d'ingrandimento sul meglio e il peggio della serie A1 femminile.

UN VOLLEY-MERCATO ALLUNGATO - Per i meno attenti alle fasce di mercato 2018-2019 sarà certamente saltato all'occhio, grazie al colpo di mercato di Scandicci con l'acquisto di Kosheleva, l'allungamento del periodo di mercato di riparazione "invernale", che si concludeva il 12 aprile. Evento non da poco visto che i playoff scudetto sono già cominciati e mai nelle ultime stagioni la Lega si era spinta così tanto in avanti. Oltre alla squadra toscana, ad averne approfittato è stata anche Conegliano, che ha portato in Veneto l'argentina Elina Rodriguez. Molti tifosi hanno storto il naso, perché ritengono che avere questa possibilità così in avanti con la stagione potrebbe "falsare" il campionato, non rispecchiandone i valori visti durante l'arco della regular season. Posso in parte capire il discorso, ma se la regola c'è, significa che club della serie A l'hanno approvata e dubito fortemente che ci sia stata una "manina" sconosciuta che l'ha inserita nel regolamento ad insaputa della lega.

SOROKAITE SHOW - È una Sorokaite in formato playoff quella che trascina Firenze alla vittoria per 3-0 contro la più quotata Novara (ma nel bel mezzo delle sfide di semifinale di Champions). Per lei 16 i punti totali realizzati, di cui 14 in attacco su 29 tentativi (48% di efficienza) e 2 muri; la ricezione positiva è dell'82%, la perfetta del 53%.

CLASS IS NOT WATER - Durante la telecronaca Rai di Casalmaggiore-Scandicci, i telecronisti hanno risposto a domanda posta sui social, ovvero se sapessero se fosse confermato l'arrivo di Kosheleva in terra toscana; i cronisti hanno riportato che la dirigenza della Savino aveva risposto con un lapidario "fantavolley". Ovviamente fantavolley non è stato, ma non certo per colpa della coppia Rai, molto apprezzata per il loro modo di condurre le cronache delle partite. Purtroppo il messaggio non è arrivato (o non lo si è voluto capire?) a tutti. C'è chi si è divertito a rispondere con commenti spiritosi sul web e social. Il perché resta sconosciuto. La migliore risposta l'ha data Fantasia: "Class in not water".

CHE DIFESE AL PALAYAMAMAY! - Partita ad altissimo tasso di difesa quella andata in scena a Busto Arsizio domenica; soprattutto i liberi in campo si sono più volte presi la scena...d'altronde i palmarès di Leonardi ed Arcangeli parlano per loro .

[caption id="attachment_255146" align="alignleft" width="689"] Il post "Chi ha Turtù?"[/caption]

"CHI HA TURTÙ?" - Nella giornata di lunedì è comparso un post sul profilo facebook di Casalmaggiore poco "sportivo". Quest'ultimo riportava l'immagine di un videocheck chiamato per verificare se un pallone fosse caduto dentro o fuori dal campo. La descrizione riporta che la chiamate si riferisce a un momento del quarto set e quindi, per chi può rivedere la partita on demand, è chiaro che non si trattasse di un momento veramente decisivo, oltre al fatto che il pallone, anche ad occhio umano su immagine non proprio HD, sembra essere chiaramente "out". Probabilmente, le tante critiche che questo post ha provocato nei commenti sottostanti, ha fatto durare meno di un giorno la sua presenza sulla pagina ufficiale della squadra, meglio di niente...ma dunque chi aveva "Turtù"???

LE TOP SCORER DELLA A1 FEMMINILE - Egonu (punti totali ed attacco), Hancock (battuta) e Kakolewska (muro) sono le migliori realizzatrici del campionato italiano 2018-2019, dopo le 26 giornate di stagione regolare. Nello storico delle statistiche lega presenti sul sito, i record di punti nei fondamentali presi in considerazione sono: Egonu con 553 punti totali a segno nella stagione 2016-2017 (in sole 22 partite!); sempre nella stessa stagione nuovamente record di Egonu in attacco con 491 punti; al servizio comanda Virginie De Carne con 49 ace in 20 partite nella stagione 2002-2003; nella stagione 2015-2016 a guadagnarsi il primato con 108 muri è stata Jovana Stevanovic, in 22 partite complessive.

TUTTI A SIENA! - Firenze per i quarti playoff è costretta a giocare le partite casalinghe in quel di Siena, per indisponibilità del Mandela Forum nelle date del calendario stilato dalla lega. Inoltre, rumors dicono che pure Scandicci, dovesse approdare in semifinale, dovrà traslocare al PalaEstra, in quanto il palazzetto attuale è troppo ridotto per numero di posti. Inconveniente provocato anche dalla comunicazione "ritardataria" delle date del calendario playoff?

[caption id="attachment_255147" align="alignleft" width="246"] Danielle Cuttino intenta ad asciugare il traflex[/caption]

CUTTINO-MOPPER NON FA RIMPIANGERE RAHIMOVA - Sotto il naso di tutti le ottime prestazioni di Danielle Cuttino, diventata opposta titolare di Casalmaggiore dopo l'addio di Rahimova. Buonissima la sua prestazione contro Scandicci in gara 1: 21 punti per lei, 19 in attacco e 2 a muro. Esilarante la scena, sul 19-16 del quarto set, di cui si è resa protagonista la giovane americana, che dopo un suo tuffo in difesa, si affretta ad asciugare il taraflex...ad azione ancora in corso!

L'EUROPA È DI NUOVO ITALIANA - Dopo le grandi vittorie di Monza in Challenge Cup e Busto Arsizio In Coppa Cev, anche la Champions League sarà affare tutto italiano, grazie a Conegliano e Novara, e questo non può che rendere orgoglioso tutto il movimento. Una finale tutta italiana al femminile era da 14 anni che non si vedeva più, mentre era dalla stagione 2008-2009 che le 3 coppe europee non venivano vinte tutte da club italiani.

💬 Commenti