VNL F.: Muro insuperabile. Italia - Brasile 3-1

Scritto da Redazione Volleyball.it  | 
ITALIA – BRASILE 3-1 (25-17; 25-15; 14-25; 25-14)
ITALIA: Degradi 10, Bonifacio 11, Egonu 22, Bosetti 7, Lubian 10, Malinov 3, De Gennaro (Libero), Bosio, Guerra 1, Fersino. N.E.: Sylla, Chirichella, Danesi e Nwakalor. All. Mazzanti
BRASILE: Gabi 8, Da Silva 9, Kisy 12, Priscilla 4, Duarte 5, Carneiro 1, Alexandre (Libero), Julia 8, Rosamaria 1, Roberta Silva, Viezel, Ana Cristina 1. N.E.: Gambatto e Natalia. All. Ze Roberto
Arbitri: Macias Luis Gerardo (Mex) e Maroszek Wojciech (Pol)
Durata: 23’, 21’, 24’, 22'. Spettatori: 10.000. Italia: a 1, bs 12, m 15, et 8. Brasile: a 5, bs 11, m 6, et 13.

BRASILIA - In un’Arena Nilsen Nelson gremita da circa 10mila spettatori l'Italia chiude la seconda settimana di VNL con una vittoria contro le padrone di casa del Brasile, una vittoria - quattro su quattro nella tappa di Brasilia - importante in vista della qualificazione in vista della Final Eight di Ankara.
Azzurre a mille a muro (15!) con Bonifacio e Lubian titolari a dare respiro a Chirichella e Danesi. Grande partita esaltandosi in un ambiente particolarmente caldo e dimostrando di aver imboccato la strada giusta in termini di gioco e condizione in vista dei prossimi impegni estivi.
Top scorer del match Paola Egonu (22 punti) punta di diamante offensiva di un’Italia perfetta al servizio e in ricezione ed implacabile a muro nei tre set dominati.
Domani le azzurre rientreranno in Italia per godere di qualche giorno di riposo prima di ritrovarsi il 23 giugno al Centro Pavesi di Milano per preparare l’ultima decisiva Pool di VNL in programma a Sofia (Bulgaria) dal 28 giugno al 3 luglio.

LA CRONACA – Per la sfida con il Brasile il CT Mazzanti ha iniziato con Malinov come palleggiatrice, Bosetti e Degradi schiacciatrici, Lubian e Bonifacio centrali, Egonu opposto e De Gennaro libero. Le azzurre non si sono fatte intimorire dal caldo ma sportivo pubblico brasiliano e pronti via hanno provato ad imporre gioco e ritmo. I primi guizzi sottorete hanno portato la firma di Bonifacio e Degradi (5-2) trovando la risposta di Kisy, Gabi e Priscilla (9-9). Quando sono salite in cattedra Egonu, Malinov, Bosetti e Lubian le brasiliane hanno sbandato subendo il primo vero break del match (15-9). Ze Roberto è corso ai ripari mandando in campo Julia, Rosamaria e Roberta Silva. Il Brasile ha provato a rimettersi in scia ma i troppi errori in ricezione e al servizio, le giocate di Egonu e la solidità al centro di Lubian e Bonifacio, hanno consentito alle azzurre di aggiudicarsi il primo set (25-17).

La musica non è cambiata al ritorno in campo: l’Italia, a parte qualche sbavatura in ricezione, ha continuato a martellare al servizio e a muro con Bonifacio, Malinov e Lubian sempre abili a leggere l’attacco carioca. Con i 10mila dell’Arena Nilsen Nelson sempre più preoccupati, Egonu ha iniziato a prendere quota seguita da Lubian al servizio (14-6). Il CT brasiliano, Ze Roberto, ha rilanciato in campo Rosamaria ottenendo un break di 2-0. L’Italia ha risposto con Egonu a cui ha fatto seguito un attacco out di Kisy (16-8). Le azzurre hanno rimesso la freccia mandando in tilt ricezione e muro avversario: Egonu, l’ennesimo muro di Bonifacio e l’acuto in diagonale stretta di Bosetti, hanno spianato la strada verso il secondo traguardo intermedio del match (25-15).

Le brasiliane hanno aperto il terzo set con grande aggressività, e complice qualche errore di troppo a servizio e in attacco delle azzurre, sono volate sul 4-9 grazie alle giocate di Duarte, Julia e Kisy. Il forcing delle brasiliane è proseguito con Gabi (mani out) e con un uno-due firmato Duarte (muro e poi ace). Mazzanti ha provato a mettere forze fresche in campo inserendo Guerra e Bosio per Bosetti e Malinov ma la musica non è cambiata. I servizi di Duarte hanno lanciato le brasiliane sul 6-16 scatenando la torcida sugli spalti. Un gap troppo ampio da colmare che ha consentito alle padrone di casa, con Julia e Gabi sugli scudi, di aggiudicarsi il parziale allungando il match al quarto set (14-25).

Dopo aver subito il ritorno di fiamma del Brasile nel terzo set, l’Italia si è rimessa a martellare al servizio e a muro. Bene Bonifacio e Bosetti, molto produttiva Degradi, risolutrice Egonu per il break 12-3 delle azzurre. Le padrone di casa hanno incassato e provato a replicare con una ritrovata Kisy (13-7) ma Bosetti prima ed Egonu poi hanno tenuto a distanza le brasiliane (15-7) costringendo Ze Roberto a rifugiarsi nell’ennesimo timeout. Le azzurre non hanno mollato la presa continuando a spingere al servizio e mettendo in grande difficoltà a muro (super impatto di Bonifacio) un Brasile che neanche con l’ingresso di Ana Cristina è riuscito a trovare una soluzione ad Egonu (19-8). L’Italia ha preso il largo e non si è più voltata regalando un dispiacere ai 10mila del Nilsen Nelson chiudendo il match sostanzialmente dominato (25-14).

HANNO DETTO
“Abbiamo fatto davvero una partita incredibile mettendo pressione al servizio – ha esultato il CT azzurro, Davide Mazzantifacendo benissimo in muro difesa e tenendo alla grande il cambio palla. Sono davvero felice di chiudere questa pool con una vittoria così importante ed una prestazione del genere. Questo è un messaggio molto importante per noi perché questa vittoria ci dice che siamo una squadra forte e che continuando a lavorare come stiamo facendo e dobbiamo, potremo migliorare sempre più acquisendo consapevolezza anche se lo spazio per allenarci è poco. Le partite diventano fondamentali e queste vittorie velocizzano il nostro percorso di crescita. L’ambiente era fantastico e spesso quando la cornice è così le ragazze dipingono bene il quadro, questa squadra è tosta ed oggi l’ha dimostrato. Lasciamo Brasilia con quattro vittorie, il massimo che potevamo fare, ma non dobbiamo assolutamente fermarci ma anzi lavorare ancora di più per poi chiudere altrettanto bene con la tappa di Sofia. In questo momento di grande gioia per la vittoria vorrei dedicare un pensiero alle famiglie dei tecnici Enrica Macci e Serena Orsillo, tragicamente scomparse mentre si recavano al corso di secondo grado a Chianciano Terme. Alle loro famiglie va il nostro più sentito abbraccio in un momento molto difficile”.

“Abbiamo battuto fortissimo causando problemi in ricezione – ha esordito la centrale azzurra, Sara Bonifacioin muro difesa abbiamo fatto benissimo e così abbiamo preso morale rispetto alle altre gare in cui inizialmente abbiamo fatto fatica. Dopo il terzo set inoltre non ci siamo scomposte ripartendo come se niente fosse successo chiudendo la partita molto bene. Dal punto di vista personale sono felice della prestazione personale ma spero di fare sempre meglio. Rispetto alla prima tappa abbiamo fatto molto meglio anche se abbiamo ancora alcuni dettagli da sistemare ma sono certa che riusciremo a crescere ancora”.
“Sono molto felice di come sia andata perché abbiamo imposto il nostro gioco
– ha aggiunto Marina Lubian - la battuta è stata fondamentale perché ha condizionato in bene tutto il nostro gioco. Mi ha molto gasato giocare in un ambiente come questo di fronte a 10mila spettatori, sinceramente non mi aspettavo di avere un impatto così buono e sono strafelice sia dal punto di vista personale che, soprattutto, di squadra”.

 


Newsletter Volleyball.it - Iscriviti / Subscribe

* indicates required

Volleyball.it will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing. Please let us know all the ways you would like to hear from us:

You can change your mind at any time by clicking the unsubscribe link in the footer of any email you receive from us, or by contacting us at [email protected] We will treat your information with respect. For more information about our privacy practices please visit our website. By clicking below, you agree that we may process your information in accordance with these terms.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.


💬 Commenti