Mondiale 2022 F.: Il presidente Fipav Manfredi, "Non è in agenda nessuna sostituzione, percorso delle ragazze molto positivo"

Ansa e Italpress riassumono l'incontro con la stampa tenutosi oggi dal presidente federale

Il presidente Manfredi con le azzurre

APELRDOORN (Olanda) - “Al momento non è in agenda nessuna sostituzione. Ne parleremo quando sarà il momento. Il ct Davide Mazzanti ha un contratto che scade nel 2024”
Così il presidente della Federvolley, Giuseppe Manfredi, in una conferenza stampa ad Apeldoorn - video -  dove alle 16 le azzurre disputeranno la finale per il terzo posto dei Mondiali. “Il percorso delle ragazze è stato molto positivo - ha aggiunto -, il cambio dell'allenatore non è in agenda” riporta l'Ansa

“Volevo ringraziare tutti quelli che si sono impegnati per le nostre nazionali, in particolare le nostre ragazze - ha aggiunto il n.1 della Fipav -, sono sei mesi che si stanno allenando e giocando. Vengono da una stagione incredibile in cui abbiamo vinto per la prima volta nella storia la Nations League, siamo comunque tra le prime quattro al mondo. Non possiamo che dire che questa è sicuramente una stagione molto ma molto importante: in agenda non c'è nessuna sostituzione di allenatori, staff”

Del futuro della nazionale “ne parleremo quando sarà il momento, se sarà necessario - ha sottolineato Manfredi - ma solo nell'interesse delle nazionali. Non dimentichiamo che dall'altra parte della rete c'è sempre un avversario: noi, a parte la Nations League, col Brasile abbiamo sempre perso. Sono orgoglioso delle ragazze ed è l'unica cosa che ho detto loro”. “Con Mazzanti abbiamo un contratto fino alle Olimpiadi - ha ribadito il presidente della Federvolley - e non c'è alcuna sostituzione in vista, non c'è questa esigenza. A fine anno valuteremo l'annata di tutte le nazionali, ragioneremo con calma e tranquillità. Se ci sono state problematiche ascolteremo tutti, è probabile che ci sarà qualcosa da sistemare e da mettere a posto anche se abbiamo vinto tutto”.

Italpress scrive: "In agenda non c'è alcuna sostituzione di tecnici, sono cose che valutiamo a fine attività tutti insieme e oggi non c'è questo tipo di situazione. Ne parleremo quando sarà il momento, se ci sono situazioni da chiarire nell'interesse del movimento e delle nostre nazionali". 

Giuseppe Manfredi, presidente della Federvolley, fa chiarezza da Apeldoorn in merito alle voci sul possibile divorzio da Mazzanti dopo la sconfitta nella semifinale mondiale. "Con lui abbiamo un contratto fino a fine 2024, a dopo le Olimpiadi. Per statuto affronteremo nel prossimo consiglio federale la valutazione di tutta l'annata delle squadre nazionali e se ci sono state delle problematiche ascolteremo tutti, ci potrebbe essere qualcosa da sistemare anche nel settore maschile". 

Per Manfredi anche la stagione delle donne "è da ricordare: da sei mesi le nostre ragazze si stanno allenando con professionalità e il percorso fatto quest'anno è più che soddisfacente. Vengono da una stagione incredibile che ci ha visto vincere per la prima volta la Volley Nations League e arrivare fra le prime quattro al mondo. Col Brasile, tranne in VNL, abbiamo sempre perso ma le ragazze ce l'hanno messa tutta e le ringrazio".



Newsletter Volleyball.it - Iscriviti / Subscribe

* indicates required

Volleyball.it will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing. Please let us know all the ways you would like to hear from us:

You can change your mind at any time by clicking the unsubscribe link in the footer of any email you receive from us, or by contacting us at [email protected] We will treat your information with respect. For more information about our privacy practices please visit our website. By clicking below, you agree that we may process your information in accordance with these terms.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.


💬 Commenti