Ultimo punto, l’Italia sale sul podio con il sorriso – foto © Tarantini rip.vietata
Italia – Bulgaria 3-1 (25-19 23-25 25-22 25-21) – il tabellino

LONDRA – L’Italia porta a casa la medaglia di bronzo. Vince una gara sofferta ma meritata con la Bulgaria di Placì. Otto anni dopo l’argento di Atene gli azzurri tornano sul podio.

Il motivo – L’Italia mostra molto di più di quello che ci aveva sin qui fatto vedere. La Bulgaria, avversario a sorpresa per una finale per il bronzo, alla distanza non si è rivelata un avversario da sottovalutare. Nel secondo set e a tratti dei restanti due parziali, il terzo in special modo, la squadra guidata da Placì ha impensierito gli azzurri, capaci di uscire dalle ‘pesti’ grazie ancora a Lasko e Savani e all’ottimo apporto di Parodi e Birarelli subentrati nel momento di appannamento dei compagni.   

Travica guida l’Italia al bronzo – foto © Tarantini, rip. vietata
I + e – –  Savani e Lasko in attacco sono i due punti più alti dell’Italia che vince il bronzo. Il capitano mette a segno 23 punti personali, ha un 12 su 29 in attacco, ma soprattutto 7 ace e 4 muri. Lasko chiude con 18 punti un 13 su 29 in attacco con il 31.03% di efficienza, 3 muri e due ace. Di squadra l’Italia brilla per 11 ace e 10 muri. Determinante anche la staffetta tra i due liberi per la ricezione, anche se Bari chiude con in 52% di tutto rilievo. La Bulgaria fa meglio a muro 13, ma non punge dai nove metri, 1 solo ace.  Sokolov (11/25 in attacco) e Nikolov (10/27) non riescono a dare una svolta al match.  
   
Gruppo di bronzo – foto © Tarantini – rip.vietata
Uomo a cinque cerchiSavani. Capitano di nome e di fatto. E’ stato determinante in tutti i momenti belli dell’Italia in questi giochi e anche oggi ha fatto la differenza nell’atteggiamento prima ancora che nel bottino punti sul tabellino. 

Sestetti
Italia: Zaytsev, Fei, Lasko, Savani, Mastrangelo, Travica, Bari (L)
Bulgaria: Nikolov N., Sokolov, Skrimov, Yosifov, Bratoev G., Aleksiev, Salparov (L)

La partita

1° set – Il servizio azzurro fa male sin dal fischio d’inizio. Nella prima rotazione il fondamentale dai nove metri manda in tilt il gioco bulgaro che appare addormentato. Al time out tecnico siamo 8-5, Mastrangelo piazza il muro del 14-9, Savani quello del 17-9 su Sokolov. Il giovane opposto esce per Nikolov e la Bulgaria ha una scossa, si porta a -4 (20-16) ma è ancora Savani che firma un nuovo +6. Il parziale lo chiude Lasko. Italia con 3 ace e 2 muri, usufruisce anche di nove errori bulgari. Bene Savani (5, Fei e Lasko a 4 punti). 

Lasko attacca tra le mani del muro bulgaro – foto © Tarantini – rip.vietata
2° set – La Bulgaria torna in campo con Vlado Nikolov titolare. L’opposto si fa subito sentire con quattro punti pesanti, di cui uno a muro su Savani. Placì – coach ombra della Bulgaria – chiede al muro di invadere, gli azzurri commettono qualche errore di troppo in appoggio (Travica costretto al fallo) e al servizio (Fei e Savani), è 7-11. Azzurri bravi a restare attaccati al match. Nikolov regala in parallela out, Lasko mura Aleksiev: 14-14. Zaytsev sbaglia al servizio e lascia il campo a Parodi. Gara riaperta ma la Bulgaria sfrutta il momento e allunga subito 14-16 poi 15-18 con Nikolov a muro su Savani che poi si fa murare anche da Aleksiev. E’ un serrato punto a punto che si gioca sulla forza con Savani che stavolta scardina il muro bulgaro (18-18). E’ il momento di Papi per Savani, ma il break lo firma Parodi, con un uno-due del sorpasso 21-22. Bulgaria che conquista il 23-23. Berruto lascia Papi in prima linea, ‘Samu’ si trova ad attaccare gli ultimi palloni azzurri. Un fallo in palleggio di Lasko, dopo difesa di Travica, un attacco di Samuele ritenuto non toccato dal muro bulgaro da Loderus (ma lo era!), regala il parziale ai bulgari: 23-25.

Italia – Bulgaria, live.
3° setParodi titolare per Zaytsev in avvio, ma la Bulgaria fa subito 0-4 con i posti quattro Skrimov e Aleksiev. Con calma la squadra azzurra, trascinata dal turno di servizio di Lasko riacciuffa il match con tre ace: 5-5. Savani lo imita e passiamo avanti 7-6. Italia che cade in affanno. Giovi resta anche per la ricezione, azzurri che subiscono l’iniziativa bulgara sempre ben ispirata da Nikolov. Birarelli entra per Fei (8-12).
Set ancora in equilibrio con Mastrangelo che mette il suo primo muro, poi arriva quello di Travica su Aleksiev: 16-15. E’ ancora il muro azzurro che risolve con Savani (stop a Nikolov). Ritorna Sokolov, azzurri che allungano, ancora con il servizio di Savani al quarto ace personale della gara: 20-16. Sul 23-20 Zaytsev rileva Lasko nel ruolo di opposto, Sokolov sfrutta subito le mani del posto due: per un mani out. E’ un cambio lampo dura fino al 24-21 firmato da Birarelli in un raro attacco da posto 3. Savani chiude la contesa. Per l’Italia 5 ace e 3 muri nel parziale, contro 1 muro per i bulgari.

4° set – Set aspro in avvio. Parodi fa bene, azzurri che tengono l’iniziativa, nonostante qualche indecisione. 14-12.  E’ il parziale azzurro, la Bulgaria non riesce a incidere e all’Italia le cose funzionano. Parodi viene messo nel mirino in ricezione e fatica, l’Italia regala due errori: 16-16 con Parodi e Lasko, Zaysev rileva Lasko ma è un altro cambio di respiro per l’opposto che rientra due azioni dopo: 17-17. Savani protagonista a tutto campo, copre dietro al muro in due occasioni e contrattacca: 19-17. Italia che allunga. Un attacco di Mastrangelo, ace di Savani (23-19). Italia sul podio, chiude Birarelli.