“Papi e Zlaty Day”: Che festa a Piacenza!

Al PalaBanca di Piacenza grande festa per celebrare il finale di carriera di Papi e Zlatanov: standing ovation per O’ Fenomeno, il Club Biancorosso ritira il numero 11 di Zlatanov

1383
Zlatanov tra Pighi e Molinaroli, i vertici di Piacenza

PIACENZA – Ci sono tanti personaggi che hanno fatto la storia del volley al PalaBanca per festeggiare Samuele Papi e Hristo Zlatanov nel pre partita di gara 3 Quarti Play Off Challenge con Latina.

L’ora X dei festeggiamenti riservati ai due biancorossi prossimi ad appendere le scarpe al chiodo è scoccata alle 17:57 di domenica 9 aprile, quando il riscaldamento di Piacenza-Latina si è interrotto per onorare due personaggi che hanno segnato un’epoca, fatto sognare gli appassionati della pallavolo ad ogni match e onorato ogni maglia indossata.
Oltre 20 anni di carriera sono stati festeggiati da un PalaBanca gremito che ha applaudito e si è inchinato a O’ Fenomeno e a quella che per ben 14 anni è stata la bandiera della LPR Piacenza.

Papi con la maglia dell'esordio della Sidis Baker Falconara
Papi con la maglia dell’esordio della Sidis Baker Falconara

Numerose standing ovation hanno accompagnato le parole di Nicola Gobbi, speaker LPR Piacenza,  capaci di emozionare e raccontare in poco più di 20 minuti due sportivi che sono stati in grado di regalare a  Piacenza una Top Team Cup (2006), un Campionato (2009), una Supercoppa (2009), una Challenge Cup (2013) e una Coppa Italia (2014).
Oltre 800 gare tra Campionato e Coppe, 46 trofei tra club e Nazionale, questo è quanto Papi ha regalato agli appassionati della pallavolo: O’ Fenomeno ha rivissuto tutto questo indossando in successione le maglie di Falconara, Cuneo, Treviso, quella degli esordi in Nazionale e, per finire, proprio quella di Piacenza.

Per lui anche i video di Marco Paolini, Marco Pistolesi, Bruno Da Re, Robertlandy Simon e del Presidente Fipav Bruno Cattaneo, impossibilitati ad essere presenti al PalaBanca.

I video saluti di Marco Meoni e Davide Marra hanno aperto la strada al momento dedicato a Hristo Zlatanov: due World League conquistate, i suoi 30 punti per la conquista dello Scudetto 2009, atleta in assoluto più premiato con il titolo di MVP (ben 75 volte) e miglior realizzatore italiano nella storia della pallavolo italiana con i suoi 9688 punti.  

Per lui riconoscimenti importanti da parte del Comune di Piacenza, dai Lupi Biancorossi, ma quello più importate arriva dalla LPR Piacenza: il ritiro della maglia numero 11. I Presidenti Guido Molinaroli e Roberto Pighi hanno infatti consegnato l’ultima maglia numero 11 proprio a Zlatanov: con questo gesto la Società LPR Piacenza ha ritirato ufficialmente per sempre il numero che per 14 anni è stato sulle spalle di Zlatanov. Per lui anche l’abbraccio virtuale di Sergio, Nikola Grbic, Federica Lisi ed Alessandro e Arianna Bovolenta.

“Papi e Zlaty Day”: Hristo Zlatanov e Samuele Papi al termine di gara 3 Play Off Challenge

“Papi e Zlaty day”: Il saluto di Samuele Papi

 

“Papi e Zlaty day”: Il saluto di Zlatanov

 

“Papi e Zlaty Day”: La loro storia e i saluti degli ex compagni

 

“Papi e Zlaty Day”: Dimitar Zlatanov parla della carriera di suo figlio Hristo

 

Sostieni Volleyball.it