A1 F.: Perugia esulta contro una baby Conegliano: 3-2. Bidias-Montibeller 24 a testa

RECUPERO 9°GIORNATA
BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA – IMOCO VOLLEY CONEGLIANO 3-2
(25-15, 23-25, 25-18, 17-25, 15-10)
BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA: Lazic 12, Casillo 4, Montibeller 24, Bidias 24, Strunjak 5, Demichelis 1, Cecchetto (L), Menghi 3, Pascucci 1, Angeloni, Raskie. Non entrate: Taborelli, Bruno, Mio Bertolo. All. Bovari.
IMOCO VOLLEY CONEGLIANO: Botezat 11, Enweonwu 8, Geerties 13, Ogbogu 21, Gennari 3, Sorokaite 16, Fersino (L), Cagnin 3, Eze, Eckl. Non entrate: De Gennaro, Cortella, Natalizia. All. Santarelli.
ARBITRI: Gasparro, Cesare.
NOTE – Spettatori: 1200, Durata set: 26′, 30′, 27′, 24′, 16′; Tot: 123′.

PERUGIA – Cinque partite in sei giorni, con l’euforia e l’adrenalina per il titolo iridato ancora alle stelle. Conegliano si è presentata a Perugia con la pancia piena ed una formazione in cui la parola turn-over rende poco l’idea. Nessuna in campo delle grandi protagoniste in terra cinese e prima sconfitta stagionale, maturata al tie-break contro una Bartoccini Perugia che ha sfruttato l’occasione, conquistando due punti indispensabili per restare a ridosso della zona salvezza. Escludendo Sorokaite, l’età media delle titolari di Santarelli è stata inferiore ai 22 anni; numeri importanti per Chiaka Ogbogu, a referto 21 volte. Le ragazze di Bovari conquistano così la seconda vittoria in campionato e respirano, pur restando all’ultimo posto; prossima sfida a Novara, mentre la Imoco se la vedrà con Chieri.

PIU’ E I MENO – Perugia attacca meglio (38% a 31%); equilibrio a muro (11 a 12) ed al servizio (2 a 2 gli ace). Mvp Bidias; nella Bartoccini in doppia cifra anche Lazic (12 punti). Otto muri per Ogbobu, ottima anche in attacco (54%); 16 centri ma anche tanti errori per Sorokaite (22%).

LA CHIAVE – E’ stata la coppia Montibeller-Bidias a dare la spinta decisiva alla Bartoccini, con quest’ultima on-fire nel tie-break (cinque volte a segno) ed incisiva anche a muro (tre vincenti). Saranno loro i punti cardine per coach Bovari in vista della seconda parte di stagione, per inseguire l’obiettivo salvezza.

SESTETTI – Bovari schiera Demichelis-Montibeller diagonale di posto due, Strunjak-Casillo centrali, Bidias e Lazic a schiacciare e ricevere e Cecchetto libero. Santarelli risponde con Gennari in regia e Enweonwu opposta, Ogbogu e Botezat centrali, Sorokaite e Geerties a schiacciare e ricevere, Fersino a comandare la seconda linea.

LA PARTITA – In apertura l’equilibrio dura solo nei primi minuti (11-10), poi Montibeller sale in cattedra (8 centri; dall’altra parte solo Ogbogu e Sorokaite superano quota due e Perugia scappa (14-10). Bidias trova il jolly dai nove metri (18-11), Conegliano continua a soffrire (3% contrattacco) e la Bartoccini alza il muro (5 a 2 i vincenti); lo strappo si allarga a dismisura (24-14); è Montibeller a chiudere.

Nel secondo set le perugine continuano ad insistere (7-4), Botezat impatta (8-8); il tira e molla continua fino all’ace di Sorokaite che mette la freccia (17-18). L’opposta azzurra va a referto sette volte, due in più di Bidias; le locali con Montibeller pregustano il raddoppio (22-19), ma non basta (22-22). L’ace di Geerties ed il tocco sotto rete di Ogbogu (cinque centri) impattano.

Nel terzo parziale la Bartoccini riparte bene (9-6); le ragazze di Bovari stavolta non tremano e attaccano bene (54%), Bidias ne mette 6 col 62% e allarga il divario (16-10). Sorokaite non incide (11%), Ogbogu (4 centri, 60%) scuote le compagne (19-17); stavolta però la rimonta non riesce, Perugia non sbaglia nulla e raddoppia con Bidias.

Si riparte con Menghi per Strunjak e Cagnin per Enweonwu. Conegliano spinge forte in avvio (2-6); Perugia reagisce ed impatta con Bidias (7-7), restando a galla fino all’11 pari. Ogbogu cambia marcia (7 punti, 75%), Geerties la imita (un punto in meno e stessa percentuale) e le ospiti scappano (14-19); Bovari getta nella mischia Angeloni e Pascucci, senza fortuna (15-22); è il muro di Geerties a rimandare la sentenza.

Errori da ambo le parti nel set decisivo, Geerties trova il break (5-7) e permette alle compagne di girare avanti al cambio campo (6-8); la Bartoccini resta a ruota e sfrutta un’infrazione delle rivali per impattare (10-10). Bidias fa esultare per tre volte consecutive il PalaBarton, prima dell’ace di Lazic che fa scorrere i titoli di coda.

Sostieni Volleyball.it