piacenza_morho_400PIACENZA – Parola d’ordine: riscatto. E’ questo il sostantivo più ricorrente nel giorno della prima campanella per il nuovo Copra Elior, che oggi si è ritrovato al PalaBanca di Piacenza per dare il via alla preparazione.

Assenti giustificati i nazionali Holt, Nikolov, Penchev, Sidibe e Zhekov, erano presenti i confermati Jacopo Massari, Luca Tencati e capitan Hristo Zlatanov, affiancati dai nuovi arrivi Federico Marretta (un ritorno il suo), Jiri Kral e Samuele Papi, mentre è slittato in extremis l’arrivo del secondo regista Ryan Ammerman.

Accanto allo staff tecnico guidato da Angelo Lorenzetti, presente anche la società con in testa il presidente Guido Molinaroli, il vice Stefano Gatti e il general manager Paolo Maffi, che ha condotto la breve e informale presentazione.

“E’ un inizio d’anno diverso – ha esordito Molinaroli iniziamo la preparazione nella palestra di Carpaneto, come in occasione del primo anno in A1 e lì fu la svolta di un nostro ciclo. Speriamo di fare almeno come l’anno scorso, così saremmo sicuri dei play off, altrimenti vorrebbe dire essere retrocessi. A parte gli scherzi, quest’anno il campionato presenta una formula molto particolare e spero che possa favorire una squadra come la nostra, un mix tra giovani ed esperti. Sono convinto che faremo buone cose e speriamo divertirci di più dell’anno scorso, anche se non ci vorrà molto (ride rivolgendosi a Lorenzetti)”.

Se il patron biancorosso è vulcanico, il suo braccio destro Gatti non è da meno. Play off è la sua partenza, seguita da un “finale” che sa molto di goliardico (con inevitabili scaramanzie), ma sotto sotto anche di speranze e ambizioni. “Molinaroli – confessa Gatti – mi ha sorpreso allestendo questa nuova squadra dopo la “tragedia” dell’anno scorso. Ho visto all’opera in tv i tre bulgari, l’allenatore è una garanzia e sono convinto di far molto bene quest’anno”.

“Innanzitutto – è l’esordio del tecnico Angelo Lorenzetti, che sta iniziando la sua quinta stagione a Piacenza – vogliamo sdebitarci delle paure che abbiamo generato l’anno scorso e vogliamo recuperare insieme alla squadra le emozioni. Abbiamo una rosa abbastanza esperta, che per essere un valore aggiunto non deve essere vecchiaia, ma l’essere pronti a cambiare qualcosa se serve. Penso e spero che sia la squadra giusta. Sappiamo che sarà un campionato difficile e il calendario ce lo fa capire subito, con primi impegni difficili non solo dal punto di vista tecnico, ma anche caratteriale”.

“La nuova avventura – ha concluso il capitano Hristo Zlatanov riparte in un clima ottimale: chi è rimasto è in cerca di riscatto, i nuovi, a cui va un grandissimo benvenuto, sono qui con la voglia di dimostrare il loro valore anche se non ce ne sarebbe bisogno. Pensiamo di non essere quelli dell’anno scorso nonostante abbiamo trascorso tutti i giorni in palestra a lavorare. La squadra allestita è ottima ed è stato compiuto un piccolo salto per avvicinarci agli standard degli ultimi anni”.

Intanto, è stato abbozzato il calendario delle amichevoli: si partirà il 23 o il 24 agosto in casa (forse con Modena), mentre il 31 agosto al PalaBanca arriverà la Marmi Lanza Verona, che a sua volta ospiterà i biancorossi il 17 settembre. L’8 e il 22 settembre saranno le date dei due test (uno a Piacenza, uno in Brianza, con ordine da definire) contro Monza ; infine l’11 settembre il Copra Elior parteciperà al torneo di Carpi, mentre il 14 settembre ospiterà al PalaBanca il Segrate.