Play Off A2: Finale gara1. Reggio Emilia si ripete… 3-1 a Cuneo. Cantagalli MVP

1456
Cantagalli, MVP in gara1 di finale play off

GARA 1 FINALE Play Off A2 CREDEM BANCA
BAM Acqua S.Bernardo Cuneo – Conad Reggio Emilia 1-3 (20-25, 22-25, 25-21, 18-25)
BAM Acqua S.Bernardo Cuneo: Pedron 2, Botto 15, Sighinolfi 12, Andric 17, Preti 4, Codarin 7, Vergnaghi (L), Tallone 4, Bisotto (L), Filippi 0. N.E. Lilli, Cardona Abreu, Rainero. All. Serniotti.
Conad Reggio Emilia: Garnica 0, Held 11, Sesto 8, Cantagalli 22, Cominetti 14, Zamagni 11, Marretta (L), Morgese (L), Scopelliti 0, Suraci 0, Mian 0. N.E. Cagni, Catellani. All. Mastrangelo.
ARBITRI: Cavalieri, Prati.
NOTE – durata set: 32′, 27′, 29′, 32′; tot: 120′.

CUNEO – Come nella finale di Del Monte Coppa Italia. Nella gara1 di finale dei play off promozione Reggio Emilia vince ancora a Cuneo 3-1 aprendo al meglio la serie sulla distanza delle cinque gare in programma per conquistare il pass di Superlega.
Ispiratori del successo i figli d’arte Cantagalli (MVP) e Held. A Cuneo mancano i punti di Andric e Preti oltre a manifestare enormi problemi di ricezione sulle battute dei reggiani di coach Mastrangelo.
Gara 2 è in programma al PalaBursi di Rubiera (Reggio Emilia) giovedì’ 19 maggio alle 20.00. Poco conta che in caso di promozione in Superlega nella sua città la Conad non abbia un impianto adeguato a disposizione. Garnica e c. sembrano al meglio rappresentare l’assunto del calabrone che non potrebbe volare, ma siccome lui non lo sa vola ugualmente.

SESTETTI – Lo starting six di Cuneo: Pedron palleggio, Andrić opposto, Sighinolfi e Codarin centro, Botto (K) e Preti schiacciatori; Bisotto (L). Coach Mastrangelo schiera: Garnica (K) palleggio, Cantagalli opposto, Zamagni e Sesto centro, Held e Cominetti schiacciatori; Morgese (L).

LA PARTITA – Il primo ace di serata è firmato da Sesto, risponde in attacco Andrić e si conquista il turno dai nove metri. Un botta e risposta in campo e poi la parità al 6° punto con il muro di Sighinolfi su Cantagalli. Al servizio capitan Botto che fa ace su Morgese (7-6), prova a recuperare Cantagalli, ma la palla schizza in tribuna. Cambio palla e poi è ancora il centrale biancoblù, questa volta in attacco a trovare il punto dell’8-7 e conquistare il turno alla battuta. Preti e Andrić portano Cuneo a +2 (10-8). Ace per Codarin sul 13-10 ed è time out per Reggio. Il muro di Cuneo infiamma gli spalti (15-11). Doppietta di Cantagalli che rosicchia nel parziale, poi Preti in attacco sentenzia (16-13). Cambio palla ed è ace per Held che porta Reggio a -1 (16-15) e coach Serniotti chiama il time out. Si rientra in campo e lo stesso Held, sempre dai nove metri porta avanti i reggiani 16-17. Entra Tallone per Preti. Primo videocheck dell’incontro su una possibile invasione di Cantagalli nell’attacco, ma non viene ravvisata ed è ancora Held alla battuta (16-18). Se è vero che S.Giovanni non fa inganni… out il servizio di Held e dai nove metri va Sighinolfi per Cuneo che la mette out e sfata il detto o per lo meno pareggia (17-19). Ace di Sesto (17-20) e rientra Preti per Tallone. Ottima ripresa di Reggio, Cominetti picchia forte sul muro ed è time out per Cuneo (17-21). Andrić riprende palla e va al servizio (18-22). Entra Filippi per Pedron ad alzare i cm a muro. Punto Cuneo e coach Mastrangelo per spezzare il ritmo all’opposto biancoblù chiama il time out. Non serve, Leo mette a segno il break. Poi Cantagalli passa il muro di Preti e va al servizio. Entra Scopelliti per Garnica e rientra Pedron per Filippi (20-23). Invasione di Pedron ed è set ball per Reggio con Cantagalli (20-24), ma Cuneo chiede il videocheck per invasione sotto rete dei reggiani che non viene ravvisata. Out l’attacco di Andrić confermato anche dall’occhio elettronico e il primo set si chiude 20-25.

Parte avanti Reggio, ma con il cuore Cuneo e il piede del suo Capitano in ricezione, si porta a -1 (3-4). Doppio muro per i reggiani, poi l’invasione di Zamagni manda Codarin al servizio per i biancoblù, ma è out (4-7). Ace di Zamagni; entra Tallone per Preti (4-8). Altro ace per il centrale della Conad e coach Serniotti chiama il time out (4-9). Un super Pedron alza per Botto che trova un attacco in diagonale (5-9). Cantagalli interrompe, ma Sighinolfi e Tallone infiammano il palazzetto! Bel break per Botto al servizio (7-10). Slash per Cominetti (7-13). D’astuzia Tallone recupera palla e manda Sighinolfi dai nove metri (8-13), ma Cantagalli trova il lungolinea. Perfetto Botto in ricezione su Cantagalli e poi ottima l’intesa tra Pedron e Codarin (10-15). D’esperienza Pedron con l’attacco di seconda che gli vale il turno alla battuta (13-17). Monster block di capitan Botto su Sesto (14-17) e poi la spacca Andrić (15-17). Botto e Andrić mantengono Cuneo attaccato. Sul 18-20 entra Filippi per Pedron; dai nove metri l’opposto biancoblù. Azione lunga e intensa (18-21) rientra Pedron, mentre nell’altra metà campo entra Scopelliti per Garnica e Cantagalli mette giù l’ace del 18-22. Time out Cuneo. Si rientra ed è out il servizio dell’opposto reggiano. Rientra Garnica. Gioco veloce per Pedron e Codarin che mette a segno il 20-23 e va alla battuta. Pallonetto di Held ed è set ball Reggio; esce Zamagni ed entra Mian (20-24). Sighinolfi lo annulla e manda Pedron dai nove metri (21-24). Andrić replica e coach Mastrangelo chiama time out (22-24). Held chiude il secondo set 22-25.

Cuneo mantiene Tallone in campo. Reggio parte avanti poi il break di Andrić al servizio con 2 ace porta alla parità (6-6) e capitan Botto in attacco a +1. Gioco punto a punto e gli spalti incontenibili. Cambio palla e Codarin trova l’ace del 10 pari, poi è il compagno di reparto a mettere a segno il +1. Monster block di Botto su Cantagalli e così via ad alternarsi il centrale e il capitano (14-14). Cominetti sbaglia la battuta e Held commette invasione; time out Reggio (16-15). Si rientra in campo ed è out il servizio di Andrić, ma ci pensa Tallone a recuperare e conquistarsi il turno dai nove metri (17-16), ma termina in rete. Errori per entrambe le compagini (18-18). Doppietta per Andrić e break per Pedron (20-18). Ovazioni al palazzetto per il muro di Sighinolfi su Cantagalli (21-18); time out per coach Mastrangelo. Videocheck non utile per Cuneo sul 21-19 confermato a favore di Reggio, che inserisce Suraci al servizio al posto di Sesto che la mette out e rientra Sesto (22-19). Botto alla battuta per Cuneo e poi chiude ancora lui in pipe (23-19). Cominetti interrompe con un mani out e manda il suo opposto al servizio; entra Scopelliti per Garnica. La battuta out di Cantagalli è set ball per i biancoblù e dai nove metri Sighinolfi. Cantagalli riprende il punto perso e annulla il primo set ball cuneese. Time out per Cuneo a interrompere l’entusiasmo reggiano (24-21). Out il servizio di Cominetti e si riapre la partita a Cuneo (25-21).

Il primo punto è di Cuneo con il primo tempo di Sighinolfi, poi Reggio recupera con Cantagalli ed errori dei biancoblù (2-3). Videocheck richiesto per invasione, ma non ravvisato e quindi punto ai reggiani (2-4). Al terzo errore in attacco coach Serniotti chiama il time out (2-5). Si procede punto a punto con gli avversari avanti. Azioni lunghe, recuperi di Bisotto da standing ovation sugli spalti. Ancora una volta sono Sighinolfi e Botto a tenere il parziale aggiornato (8-12). Ace per Held (9-15), poi Tallone prende palla e manda Andrić dai nove metri (10-15); entra Filippi per Pedron. Out la battuta di Andrić; non è serata per l’opposto croato. Botto in attacco, Codarin a Muro e Pedron al servizio mantengono in vita il punteggio cuneese, ma Held trova il match ball (16-24). Al servizio Mian entrato per Zamagni ma sbaglia. Ace per Botto che annulla il secondo match ball (18-24). La chiude in pipe Cominetti 18-25.

HANNO DETTO
Al termine della partita Coach Serniotti: “L’atteggiamento dipende anche da come risolvi alcune situazioni tecniche, noi oggi alcune cose le abbiamo fatte meglio ed altre peggio. Complimenti a loro che hanno fatto una buona partita, anche nel primo set in cui eravamo avanti noi hanno trovato una rotazione per metterci in difficoltà. Impareremo da questa partita per migliorare sia come atteggiamento, ma prima ancora particolari tecnici. Queste sono sfide che si giocano su più partite, quindi devi imparare sempre da quella precedente“.

Sostieni Volleyball.it