Play Off: Bolzano-Firenze 3-1, ai Quarti vanno Sorokaite e c.

Firenze esulta, va ai Quarti di finale dei play off

SUDTIROL BOLZANO – IL BISONTE FIRENZE 3-1 (25-23, 25-19, 16-25, 25-22) 
SUDTIROL BOLZANO: Bertone 4, Bruno (L), Ikic 5, Bauer 6, Papa 9, Pincerato 4, Popovic-gamma 15, Bartsch 24, Zambelli 4. Non entrate Rossi Matuszkova, Spinello. All. Salvagni.
IL BISONTE FIRENZE: Sorokaite 17, Bechis 3, Bayramova 13, Norgini, Enright 10, Bonciani, Melandri 10, Parrocchiale (L), Repice 2, Pietrelli 2, Calloni 5. Non entrate Brussa. All. Bracci.
ARBITRI: Lot, Florian.
NOTE – durata set: 30′, 26′, 28′, 28′; tot: 112′.

BOLZANO – Che non sarebbe stato facile lo sapevano tutti, ma in questo caso Il Bisonte è sceso addirittura fino alle porte dell’inferno prima di risorgere e regalarsi l’incredibile zampata che gli ha garantito il paradiso e il passaggio ai Quarti di finale.

SESTETTI – Marco Bracci parte con Bechis in palleggio, Sorokaite opposto, Enright e Bayramova in banda, Melandri e Calloni centrali e Parrocchiale libero. Salvagni risponde con Pincerato in palleggio, Popovic-Gamma opposto, Papa e Bartsch schiacciatrici laterali, Bauer e Zambelli al centro e Bruno libero.

LA GARA – Sfiorato il sogno già nel primo set, poi sfuggito da una situazione di 22-23, Firenze ha perso tutte le sue certezze mentre Bolzano ha guadagnato sempre più autostima, anche grazie al grande calore del PalaResia: sul 2-0 e 12-7 sembrava di essere nel peggiore degli incubi e il golden set era davvero vicino, poi però è scattato qualcosa e un super break di 0-7 ha fatto ritrovare il ritmo alle toscane, che non si sono più fermate e hanno annichilito Bolzano, chiudendo 16-25 con un parziale di 4-18.

E poco importa che alla fine il quarto accademico set sia andato al Sudtirol, con la sua conseguente vittoria per 3-1: quel che più conta è che Il Bisonte ha tagliato un traguardo storico, qualificandosi per i Quarti di finale dei play off scudetto dove affronterà le campionesse d’Italia di Conegliano: gara uno è in programma sabato alle 20.30 al Mandela Forum.

HANNO DETTO
Marco Bracci, coach Il Bisonte: “Siamo tutti molto felici e contenti perché abbiamo raggiunto un grandissimo traguardo: adesso dobbiamo festeggiare per un giorno e da mercoledì ci ritroveremo per preparare la serie contro Conegliano. Quella di stasera è stata una partita molto difficile, e se non fossimo state preparate a un tipo di gara così ci avremmo lasciato le penne. Dopo due set e mezzo in cui poco stava andando per il verso giusto, ho preso la decisione di puntare anche sulla difesa inserendo Giulia Pietrelli: le ragazze avevano già iniziato a prendere il ritmo anche in attacco, con la crescita di Sorokaite, Enright e delle centrali, e a quel punto siamo riusciti a vincere il set che ci serviva e nel quarto ho giustamente dato spazio a tutte. Sul 12-7 nel terzo pensavo solo a che cosa potevo fare per aiutare le ragazze: non l’ho mai data per persa, anche perché se non avessimo vinto il terzo ci sarebbe stato anche il golden set”.

Francois Salvagni, coach Sudtirol: “Credo che Il Bisonte sia stato bravissimo dopo, ma noi in quel terzo set abbiamo avuto due o tre situazioni nelle quali dovevamo essere più cinici. Ma, onestamente, come facciamo stasera a trovare il pelo nell’uovo? Credo che guardando a tutta questa serie ci è mancato il vincere un set a Firenze, quel primo parziale o uno dopo… un set che ci avrebbe dato la possibilità di sbagliare oggi. Perché questa sera siamo stati perfetti al 99%, purtroppo non è bastato per centrare la qualificazione ai quarti di finale. Ma come abbiamo sempre fatto in 22 gare di campionato questa squadra ha dimostrato carattere, ha dimostrato di crederci sempre e di provarci sempre, fino in fondo. E di questo devo dire grazie a tutti: alle ragazze, allo staff, alla società, a questo pubblico… a tutti noi che abbiamo sempre creduto in questo gruppo”.

Sostieni Volleyball.it