Play Off: Gara 4. La voce dei protagonisti. Lisinac, Lorenzetti, Blengini, Simon, Rychlicki, Juantorena e De Cecco

245
Kamil Rychlicki conquista il pass per la sua prima finale scudetto

TRENTO – Le dichiarazioni post gara dopo Trento – Civitanova, gara 4 di semifinale.  

Srecko Lisinac (Trento): “Siamo ovviamente rammaricati per aver concluso qui il nostro percorso nei Play Off ma stasera non siamo riusciti ad essere incisivi nei momenti in cui la palla era importante. Complimenti alla Cucine Lube per la qualificazione ma obiettivamente dovevamo e potevamo fare di più”.

Angelo Lorenzetti (coach Trento) “Nel secondo e terzo set dovevamo essere in grado di gestire meglio i vantaggi che faticosamente ci eravamo costruiti, ma non ci siamo riusciti. Dopo un primo parziale difficile, eravamo stati bravi a rialzare la testa, ripartendo ma cedendo alla distanza. Ora dovremo essere bravi a smaltire le scorie di questa serie per programmare al meglio il periodo di lavoro che ci porterà a giocare la Finale di Verona”.

Gianlorenzo Blengini (coach Civitanova): “Trento ci ha sempre provato e ha dimostrato di essere una squadra con grandi giocatori che non mollano mai. Questa sera nel terzo set l’Itas è sempre rimasta in gara. Sul nostro fronte Yant sta facendo enormi passi avanti e chance come quella di oggi sono momenti decisivi per la crescita di un atleta. Il ragazzo è rimasto in campo con qualità fornendo l’apporto anche dai nove metri. Non abbiamo solo un sestetto, ma grandi giocatori. Posso contare su di tutti. Ora abbiamo una settimana per prepararci, è oro che cola. Perugia ha più giorni di recupero, ma ora dobbiamo raffreddare la testa, consapevoli che affronteremo i primi classificati della Regular Season. Loro avranno il fattore campo a favore”.

Robertlandy Simon (Civitanova): “Abbiamo vissuto dei momenti duri nell’arco della stagione, alcuni compagni sono rimasti fermi per il Covid-19 e ci siamo responsabilizzati. Ora giochiamo bene, di squadra, il nostro è un grande gruppo. La Finale con Perugia sarà dura, conosciamo bene il sestetto umbro e sappiamo che ci darà del filo da torcere. Dobbiamo giocare la nostra pallavolo senza pensieri. Abbiamo dimostrato di esserci nei momenti clou. Oggi avevo dall’altra parte della rete un bravissimo centrale come Lisinac, quando riesco a limitare giocatori così forti sono felice. Ora me la vedrò con Solé? Gioco nel campionato più bello del mondo, ci sono tanti campioni”.

Kamil Rychlicki (Civitanova): “La mia prima serie di Semifinale Play Off è andata bene, ora tocca alla mia prima serie di Finale Scudetto. Con Trento siamo partiti male in Gara 1 perché loro erano più aggressivi, ma nei successivi match abbiamo alzato il livello, siamo stati più forti. Non abbiamo centrato la Champions League ma siamo andati fino in fondo negli altri tornei disputati…c’è poco da cambiare in questa squadra. Sono il primo e forse unico lussemburghese del volley italiano, i miei genitori saranno orgogliosi. Il servizio e l’attacco sono i punti di forza di Civitanova e Perugia, sarà una Finale molto interessante sotto questo aspetto”.

Osmany Juantorena (Civitanova): “Sarà la quarta finale consecutiva per noi. Sono felicissimo di esserci e di quello che ha fatto questo gruppo in rimonta nella serie e questa sera a Trento. Vincere così non era facile. Faccio i complimenti a tutti e soprattutto a Yant, che sembrava un veterano. Abbiamo la possibilità di difendere lo Scudetto. Nella mia carriera ho centrato tanti obiettivi, ma vivrò la serie con Perugia come se fosse l’ultima”.

Luciano De Cecco (Civitanova): “Nella prima gara Trento ci aveva messo in grande difficoltà, poi abbiamo cambiato l’atteggiamento, la formazione in campo e la mentalità nel gestire i momenti difficili. Il risultato è questo. Siamo contenti e felici, andiamo avanti. Ora siamo in Finale. Perugia? Non penso agli avversari, ma penso a godermi la vittoria e da venerdì a preparare la prossima partita per mettere in campo quello che sappiamo fare”.

Sostieni Volleyball.it