Polonia: Il Presidente Swiderski, “Non ho chiamato Sirci, come lui non chiamò noi dello Zaksa quando ci porto via Nikola”

1191
Sebastian Swiderski

POLONIASebastian Swiderski, Presidente della Federazione polacca, intervistato in merito alla nomina di Nikola Grbic al ruolo di Ct della nazionale maschile biancorossa, fa riferimenti anche al ruolo di Nikola sulla panchina di Perugia.

“Prima di tutto, sono contento che il gruppo di lavoro, che si è occupati della ricerca degli allenatori delle nazionali, abbiano consigliato Nikola Grbić e che il consiglio l’abbia approvato. È un allenatore valutato molto bene dai giocatori, come ho scoperto nello ZAKSA, con grande competenza e carisma. Anche guardando la partita di Perugia in questa stagione, puoi vedere che ha qualcosa per spronare i giocatori e ottenere il massimo da loro. Nikola è un allenatore che ha iniziato la sua carriera solo pochi anni fa e sta ancora imparando, ma grazie al duro lavoro e ai buoni rapporti con i giocatori, ha ottenuto il più grande successo nella storia recente della pallavolo per club polacca, vincendo la Champions League, battendo per strada grandi squadre come Zenit Kazan, Cucine Lube Civitanova o Trento”  ha detto Sebastian Świderski.

Le aspettative per Grbic sono chiare: prima di tutto, rompere la “maledizione dei quarti di finale” ai Giochi Olimpici e finire queste partite sul podio. Naturalmente, per noi, l’obiettivo di ogni evento è lottare per una medaglia. La medaglia olimpica è l’aspettativa più importante. Ricorda che ci sono anche i campionati del mondo in arrivo, dove difenderemo l’oro. Sarebbe un grande successo se salissimo sul gradino più alto del podio per la terza volta consecutiva. Aspettiamo anche i Campionati Europei. Grbic vuole introdurre lentamente i giovani, non solo per lavorare in un gruppo ampio. Abbiamo un fantastico gruppo U22 che quest’anno disputerà gli Europei in Polonia”. 

Si discute molto sul doppio incarico tra Nazionale e club, Perugia. Qual è l’approccio di Sebastian Swiderski su questo tema? “Se il lavoro nel club e e in Nazionale non crea problemi all’allenatore, non vedo nessun problema. Quanto a Lavarini, nessun problema: lavorerà in Italia e nella nazionale polacca. Se Nikola Grbic non potesse guidare contemporaneamente Perugia e la nostra squadra, lascerebbe il club. Penso però che il presidente Gino Sirci si renda conto di quanto Grbic possa dare alla sua squadra e quali successi ottenere, quindi gli permetterà di continuare a lavorare con club e nazionale”.

Il presidente del PZPS non ha affrontato il tema Grbic-doppio incarico con il presidente Sirci: Il presidente Sirci non mi ha chiamato quando in primavera parlava del trasferimento di Grbic, nostro allenatore dal Kędzierzyn-Koźle al Perugia (Swiderski allora era il presidente del Grupa Azoty ZAKSA, ndr), quindi non ci ho pensato e lo faccio tuttora. Non ho ritenuto di dover fare una telefonata a Sirci”

Sostieni Volleyball.it