Polonia: Ottavo scudetto per lo ZAKSA di Gardini. Varsavia sconfitto anche in gara 3

Finale 1°-2° posto: Gara 3 (4 maggio)
1° vs. 2°: ZAKSA Kędzierzyn-Koźle – ONICO Warszawa 3-1 (25-22, 19-25, 32-30, 25-19) Serie: 3-0
ZAKSA Kędzierzyn-Koźle: Toniutti 2, Deroo 8, Wisniewski 5, Kaczmarek 19, R. Szymura 16, Bieniek 16, Zatorski (L); Koppers 0, Stepien 0, Sliwka 7. Non entrati: Kalembka, K. Szymura (L), Sacharewicz. All: A. Gardini.
ONICO Warszawa: Brizard 5, N. Penchev 8, Vigrass 9, Muzaj 25, P. Lukasik 17, Wrona 8, Wojtaszek (L); Janikowski 0. Non entrati: Vernon-Evans, Kowalczyk, Buczek, Jaglarski (L), J. Nowakowski. All: Antiga.
MVP: R. Szymura.

KEDZIZERZYN-KOZLE – Lo ZAKSA Kędzierzyn-Koźle vince anche gara 3 di finale scudetto e chiude sul 3-0 la serie contro l’Onico Varsavia. Per lo ZAKSA è l’ottavo scudetto complessivo, il terzo negli ultimi 4 anni, il primo con Andrea Gardini in panchina.

Decisivo per l’esito del match è il terzo set in cui i padroni di casa rimontano dal 16-21 e chiudono 32-30 dopo aver salvato 4 set point.

PIU’ E MENO – Szymura, schierato nuovamente titolare al posto di Sliwka, prende il premio di MVP (per lui 16 punti, 45% di vinc. e 24% di eff. in att., 1 muro e 5 err. in battuta) anche se lo avrebbe meritato maggiormente Bieniek (17 punti, 70% in att., 1 muro, 2 ace e saldo di +15). Buona prova per Kaczmarek, top scorer dei suoi con 19 punti. Per gli ospiti discreta prova di Lukasik che pur faticando in ricezione chiude con 17 punti, il 57% di vinc. ed il 39% di eff. in attacco. Troppo falloso invece Muzaj (6 errori in attacco, 5 murate e 4 errori in battuta) che pur essendo il top scorer con 25 punti non brilla nelle percentuali (43% di vinc. e 18% di eff. in att.). In ombra Penchev: solo 1 ace con 4 errori in battuta, appena 7 su 18 in att. anche se con 0 murate e 1 solo errore.

LA PARTITA
1° set: Equilibrio fino all’8-8 poi lo ZAKSA allunga col contrattacco di Bieniek (10-8) e l’ace di Toniutti (13-10). Kaczmarek firma il nuovo massimo vantaggio (16-12), ma Varsavia torna sotto con Muzaj (18-16) ed un errore di Deroo (19-18). Nel finale lo ZAKSA torna ad allungare con il contrattacco di Wisniewski (22-19) ed il muro di Kaczmarek su Lukasik (23-19) per poi chiudere anche se solo alla 3° palla set con il muro di Szymura (anche oggi in sestetto al posto di Sliwka) su Muzaj.

2° set: Dal 7-7 stavolta è Varsavia ad allungare (7-10), ma lo ZAKSA ritrova la parità a quota 14-14. Il break decisivo degli ospiti arriva con un muro di Muzaj su Deroo (16-18) ed un attacco out del belga (16-19). Muzaj (17-21) e Lukasik (contrattacco e muro, 17-23) ampliano il gap e l’attacco out di Kaczmarek chiude il set: 19-25.

3° set: Varsvia subito avanti 1-4, ma lo ZAKSA torna in scia (8-9). Muzaj e Lukasik con 2 punti a testa allungano (8-13) mentre un Deroo in difficoltà lascia il posto a Sliwka (sull’8-12). Muzaj regala 2 palle out (11-13), ma Varsavia tocca il +6  con 2 muri di Brizard (11-15, 11-17) e nel mezzo un contrattacco di Lukasik (11-16). Lo ZAKSA recupera un paio di break point (14-17) mentre sul 15-18 Gardini si gioca il doppio cambio con Stepien e Koppers. La mossa non pare dare risultati (16-21), ma quando il canadese arriva in battuta (e Kaczmarek rientra in prima linea) si fa sentire con servizi pesanti ed arriva la svolta: contrattacco di Sliwka (18-21), doppio muro su Muzaj (20-21), contrattacco di Kaczmarek (21-21), attacco out di Penchev (22-21). Varsavia ha la forza di tornare avanti (22-23) e di annullare 3 set point (24-24, 25-25, 28-28), ma se ne fa annullare a sua volta 4 (26-26, 27-27, 29-29, 30-30). Alla fine decidono il contrattacco di Wisniewski (31-30) e l’attacco out di Muzaj (32-30).

4° set: Varsavia parte bene (1-4), ma si fa riprendere subito (4-4). Gli ospiti reggono il punto a punto sino al 15-15 e poi crollano sul turno di battuta di Sliwka (confermato per Deroo nel 4°): contrattacco di Szymura (16-15), slash di Kaczmarek (17-15), ace (18-15), doppio contrattacco di Kaczmarek (20-15). Il punto scudetto è una palla out di Muzaj: 25-19.

Formula
Si è giocato al meglio delle 3 vittorie su 5 incontri.

Sostieni Volleyball.it