Polonia: Scudetto allo Skra Belchatow di Piazza. ZAKSA ko in casa 1-3

Per lo Skra è il nono scudetto, ma non vinceva dal 2013-'14. Il Gdansk di Anastasi è terzo, il Bydgoszcz vince i play out e si salva

1148
Nono scudetto per lo Skra Belchatow

POLONIA – Disputate quest’oggi le gare 2 delle finali per il podio della Plusliga che sono anche risultate decisive.

Nel pomeriggio il Trefl Gdansk di Anastasi ha battuto 3-1 l’Olsztyn di Santilli con Szalpuk MVP e top scorer e chiuso dunque la serie sul 2-0 conquistando la medaglia di bronzo.

In serata nella più importante sfida scudetto il PGE Skra Belchatow di Piazza ha sbancato in 4 set in rimonta il campo dello ZAKSA Kedzierzyn-Kozle di Gardini e Falaschi che così si è visto detronizzare di fronte ai propri tifosi dopo 2 scudetti consecutivi. Per lo Skra Belchatow che non si laureava campione di Polonia dalla stagione 2013-’14 è il nono scudetto.

Il primo set ha visto lo ZAKSA dominare 25-15 con 6 ace di squadra ed il 65% in attacco. La squadra di casa di casa è partita al meglio anche nel 2° set (12-8), ma poi 2 ace consecutivi di Ebadipour (12-11) hanno riaperto la partita e la striscia di punti è proseguita fino al sorpasso firmato Penchev (da poco entrato per Bednorz): 12-13. Un ace di Lisinac (13-15), un muro di Penchev (13-16) ed un contrattacco di Ebadipour (14-18) hanno lanciato lo Skra verso il successo nel set arrivato sul 20-25 (ancora Ebadipour). Nel terzo set (confermato Penchev per Bednorz) fa cilecca Torres (2 murate e 1 errore su 4 attacchi) e Gardini lo cambia con Jungiewicz sul 5-10. Sul 8-13 (ace di Lisinac) è il turno di Szymura per lo spento Buszek, ma sono un contrattacco (11-14) e 2 muri di Deroo (13-14) a riaprire il parziale. Con Wlazly sottotono in attacco (32% di vinc. e 14% di eff.) è il solito Ebadipour a riportare i suoi a +3 (14-17), ma Deroo gli risponde subito (16-17). Nel finale decide il servizio di Lisinac che prima propizia il muro di Wlazly (18-21) e poi ottiene 2 ace diretti: 18-23. Il 21-25 è di Penchev.

Piazza esulta
Piazza esulta

Nel 4° set restano in campo Jungiewicz da una parte e Penchev dall’altra mentre Buszek torna al posto di Szymura. Il primo break è dello Skra che scappa con un ace di Ebadipour (7-9) ed un errore di Jungiewicz (7-10). Deroo non si arrende ed il suo turno di battuta rianima i suoi: contrattacco di Buszek (12-13), muro di Jungiewicz (13-13), ace di Deroo (14-13). Jungiewicz prende coraggio e firma il 16-14, ma l’ottimo Ebadipour risponde con l’ace del pari (17-17) e nonostante un malinteso tra Lomacz e Lisinac in rigiocata (palla del possibile 17-18) il sorpasso ospite è solo rimandato con l’iraniano decisamente in serata di grazia che mette anche il 20-20 ed il 20-21. L’errore in attacco di Jungiewicz è il break decisivo (20-22), Ebadipour è un cecchino (21-23 e 22-24) e la battuta in rete di Jungiewicz (22-25) chiude i giochi.

Allo ZAKSA non bastano dunque i 20 punti di Deroo (57% in att., 2 muri e 2 ace), mentre nello Skra i migliori sono l’MVP Lomacz, il solito Lisinac (16 punti, 59% in att., 1 muro e 5 ace) ed il top scorer Ebadipour (17 punti, 46% di vinc. e 39% di eff. in att., 4 ace).

Giocata quest’oggi anche la gara 3 dei play out con la vittoria del Luczniczka Bydgoszcz che chiude i giochi salvezza.

L’ultimo punto dello Skra

Risultati 5 maggio
Finale 1°-2° posto: Gara 2
ZAKSA Kędzierzyn-Koźle – PGE Skra Bełchatów 1-3 (25-15, 20-25, 21-25, 23-25) Serie: 0-2
ZAKSA Kędzierzyn-Koźle: Toniutti 0, Deroo 20, Wisniewski 8, Torres 9, Buszek 8, Bieniek 13, Zatorski (L); Szymura 0, Jungiewicz 9, Semeniuk 0. Non entrati: Rejno, Falaschi, Maziarz, Banach (L). All: A. Gardini.
PGE Skra Bełchatów: Lomacz 0, Ebadipour 17, Lisinac 16, Wlazly 10, Bednorz 4, Klos 8, Piechocki (L); Janusz 0, Romac 1, Czarnowski 0, N. Penchev 6. Non entrati: Katic, Nedeljkovic, Milczarek. All: Piazza.
MVP: Lomacz.

Finale 3°-4° posto: Gara 2
Trefl Gdańsk – Indykpol AZS Olsztyn 3-1 (25-16, 20-25, 25-19, 25-18) Serie: 2-0
Trefl Gdańsk: Sanders 2, Mika 16, McDonnell 6, Schulz 8, Szalpuk 21, P. Nowakowski 16, Olenderek (L); Ferens 0, Jakubiszak 0, Kozlowski 2. Non entrati: Niemiec, Grzyb, Majcherski (L), Gunter. All: Anastasi.
Indykpol AZS Olsztyn: Woicki 1, Andringa 8, Kochanowski 10, Hadrava 16, Buchowski 5, Zniszczol 7, Zurek (L); Kanczok 2, Makowski 0, T. Rousseaux 11. Non entrati: Plinski, Scheerhorn, Zablocki (L). All: Santilli.
MVP: Szalpuk.

L’ultimo punto del Gdansk

Formula
Quarti di finale, semifinali 1°-4° posto, finale 5°-6° posto, finale 3°-4° posto e finale 1°-2° posto tutte al meglio delle 2 vittorie su 3 incontri.

Play Out: Risultato
Gara 3 (5 maggio)
AZS Częstochowa – Łuczniczka Bydgoszcz 1-3 (20-25, 19-25, 27-25, 22-25) Serie: 0-3
Top Scorer: Stolc 15, Recko 14, M’Baye 13; Filipiak 27, M. Ananiev 10, Gorchaniuk 8, Sacharewicz 8.

Formula
Nei play out si affrontano in una serie al meglio delle 3 vittorie su 5 incontri la 14° classificata della Plusliga e la prima classifica della I.Liga per l’ultimo posto nella prossima Plusliga.

Sostieni Volleyball.it