Polonia: Skorupa accusa… “L’atleta omossessuale è una seconda scelta…”

POLONIA – In una intervista rilasciata al portale polacco Przeglad Sportowy Katarzyna Skorupa lancia un allarme: “Gli omosessuali sono spesso discriminati da club o federazioni. A volte una lesbica è la seconda scelta, anche se il suo atteggiamento in campo indica che dovrebbe essere la prima”.

Nel marzo dello scorso anno, l’atleta ha rivelato nel settimanale “Wprost” di essere lesbica e ha sottolineato di sentirsi discriminata. L’omosessualità è ancora tabù nello sport. I giocatori spesso nascondono il loro orientamento. Tuttavia, Skorupa sottolinea che il problema non esiste solo in campo: Viviamo in una società xenofoba, omofoba e chiusa. Un modello familiare, una lingua, un colore, una fede. Come cittadino di questo paese, non ho gli stessi diritti degli altri” ribadisce la palleggiatrice.

In seguito alla foto del “bacio” a Egonu, gesto spettacolarizzato dalla Gazzetta dello Sport lo scorso anno (foto in prima pagina e addirittura in apertura di pagina nel giorno del successo di Conegliano di Supercoppa, la cui immagine del successo di squadra era ridotta in un taglio basso) la giocatrice successivamente ha dichiarato apertamente al settimanale Wprost di essere omosessuale ribadendo poi di sentirsi discriminata nell’ambiente sportivo.

Ho fatto delle scelte e le ho pagate

L’ex regista della nazionale polacca è una delle poche giocatrici che ha deciso di parlarne. Nell’ambiente sportivo, l’omosessualità rimane tabù.

“Ho capito subito che ero lesbica, anche se non è stato facile. Non c’era accesso universale a Internet, così tante informazioni disponibili, campagne per le persone LGBT, per non parlare dell’educazione sessuale. L’omofobia si nutre di ignoranza e paura. Il problema è alla radice. Sfortunatamente, nella maggior parte dei casi, i genitori omofobi crescono bambini omofobi che ridicolizzano e maltrattano i loro coetanei a scuola. In questo modo, il giovane cresce nella convinzione che l’omosessualità è un motivo di vergogna, qualcosa di brutto, indesiderato, qualcosa per cui tacere”.

La giocatrice di pallavolo sottolinea che si sente discriminata non solo sul campo. “Incontro l’odio ogni giorno. Non si tratta solo di insultare le persone su Internet o per strada. Come cittadino di questo paese, non ho i diritti degli altri. Un terzo della Polonia è una zona libera da LGBT. Certo, tutto ciò che accade non cambierà chi sono e il mio valore come essere umano” afferma Skorupa.

L’articolo completo

Sostieni Volleyball.it