Russia: Due sconfitte a tavolino per l’ASK Nizhniy Novgorod. Fomin (giustamente) protesta

662
Dmitriy Fomin

RUSSIA – Senza una regola chiara che valga per tutti proseguono le disparità di trattamento della federazione russa nei confronti dei team colpiti dal coronavirus.
Oggi l’ASK Nizhniy Novgorod si è visto assegnare dalla federazione due sconfitte a tavolino per i match che avrebbe dovuto giocare contro Dinamo Mosca e Fakel Novy Urengoy l’8 e 10 ottobre scorsi perché non ci sarebbe la possibilità di rimetterli in calendario in altra data.
Trattasi di una evidente disparità di trattamento rispetto a quanto avvenuto per esempio nella Coppa di Russia con lo Zenit San Pietroburgo (addirittura avanzato ad organizzatore della F4) o nel campionato femminile col Lokomotiv Kaliningrad (i cui match sono stati tutti posticipati incluso quello con l’Uralochka, squadra impegnata con le coppe europee e che non aveva dato disponibilità al rinvio) verso la quale punta il dito il direttore dell’ASK Dmitry Fomin: “Vogliamo giocare secondo regole pubblicate, chiare e valide allo stesso modo per tutti. In questo momento non sta assolutamente accadendo. Come mai lo Zenit San Pietroburgo o il Lokomotiv Kaliningrad non hanno ricevuto sconfitte a tavolino? Noi non ci opponiamo alle sconfitte a tavolino in generale, ma allora dovrebbero valere sempre per tutti. La federazione dice che fa del suo meglio per trovare altre date, ma non abbiamo visto questo sforzo nei nostri confronti. Si potevano lasciare le partite in sospeso o rendere valida per il campionato la prossima partita del girone di semifinale della Coppa di Russia o giocare 2 partite consecutive nel girone di ritorno.

Sul sito della federazione sono poi spariti i 2 punti in classifica conquistati sul campo dall’ASK Nizhniy Novgorod: “Speriamo si tratti di un errore, non ci hanno comunicato nessuna penalità” ha dichiarato Fomin.

Sostieni Volleyball.it