Russia: Musersky parla del caso di doping e positività alla metilexanamina. “Squalifica ingiusta e tardiva figlia della lotta tra Rusada e Wada”

818

RUSSIA – Musersky in un’intervista a BO Sport ha raccontato come ha reagito alla squalifica, e ha spiegato perché il processo è stato comunicato solo ora.
Era possibile prevedere che qualcosa non andava in Dmitry Musersky anche prima dell’inizio delle Olimpiadi di Tokyo. Il 4 luglio la Federazione Russa, tramite il suo Segretario Generale Alexander Yaremenko aveva comunicato di come “Musersky avesse subito una ricaduta del suo infortunio. In seguito ci daremo più informazioni, ma è impossibile la sua partecipazione alle Olimpiadi”.
Oggi è più chiaro a cosa si riferisse il funzionario sulle presunte “maggiori informazioni”, mai arrivate però, se non grazie al comunicato del suo club giapponese, i “Suntory Sunbirds”, in cui si rendeva noto che Musersky era stato squalificato per 9 mesi dopo che ci sono stati nuovi controlli di un test antidoping effettuato nel maggio 2013.

LA METILXANAMINA – Le sostanze riscontrate dai controlli antidoping sono la metilexanamina (conosciuto anche come metilesamina, 1,3-dimetilamilammina, 1,3-DMAA, dimetilamilammina, e DMAA; nomi commerciali Forthane e Geranamine) è un indiretto farmaco simpaticomimetico inventato e sviluppato da Eli Lilly and Company e commercializzato come inalato decongestionante nasale dal 1948 fino al ritiro volontario dal mercato negli anni ’70. Dal 2006 la metilexanamina è stata ampiamente venduta sotto molti nomi come stimolante o potenziamento energetico integratore alimentare. È vietato da molte autorità sportive e agenzie governative. Nonostante le molteplici lettere di avvertimento della FDA, a partire dal 2019, lo stimolante rimane disponibile negli integratori per lo sport e per la perdita di peso.

Nell’aprile 2019, la RUSADA (l’agenzia russa dell’antidoping) ha puntato l’attenzione sul fatto che un gran numero di violazioni delle norme antidoping è associato alla metilexanamina. Il motivo, ha affermato l’agenzia in un comunicato, “potrebbe essere un integratore e/o un’alimentazione sportiva contaminati”. L’organizzazione sconsigliò l’uso di integratori alimentari e ricordò che la metilexanamina appartiene alla classe degli stimolanti.

Si noti che nel 2016 il nome di Musersky è apparso nei documenti pubblicati da Grigorij Michajlovič Rodčenkov,  chimico russo e direttore del laboratorio nazionale russo di antidoping, sospeso dall’ Agenzia mondiale antidoping nel novembre 2015 per aver facilitato il programma di doping sponsorizzato dallo stato della Russia, poi diventato un informatore della WADA per la quale ha testimoniato sul programma statale per sostenere il doping in Russia. Alcuni dei nomi degli atleti non sono stati cancellati nei suoi documenti. Ad esempio, lo sciatore Alexander Legkov e Musersky. Accanto al nome del giocatore di pallavolo c’era la stessa metilexanamina.

INNOCENTE FINO A PROVA CONTRARIA – Il general manager della nazionale russa di pallavolo, Sergei Tetyukhin, ha detto che non ci sono prove della colpevolezza di Musersky e che tutto si basa sulla lista di Rodčenkov.
“La storia è incomprensibile. Per quanto ne so, non ci sono prove e tutto si basa sulla lista di Rodčenkov. Finora non si parla di una sostanza specifica, per quanto ho capito. Ora dobbiamo dimostrare che non sei colpevole, come molti altri atleti di questa lista. Nessuno sa quanto siano affidabili queste informazioni. Sono sicuro che andrà tutto bene”, ha dichiarato ieri Tetyukhin a RIA Novosti.

Muserskiy in VNL

E LA VNL 2021? La squalifica di Musersky è valida dal 5 aprile 2021 al 4 gennaio 2022. La cosa più incredibile però è che a giugno Musersky ha giocato 5 partite con la Russia nella VNL di Rimini prima di lasciare. Senza di lui la nazionale ha colto il 5° posto nella VNL e l’argento nella finale olimpica contro la Francia.

L’INTERVISTA – Ad Almaz Khairov, sul portale russo Sport Business Gazeta, Musersky parla del suo caso.
– Dmitry, quando hai saputo della squalifica?
“È stato in estate quando mi sono infortunato nella VNL”.
– Cioè, l’infortunio non è inventato?
“L’infortunio era vero, ma non così grave”.
– La squalifica può essere impugnata?
“Questo è l’aspetto più sorprendente e offensivo. Non ho avuto l’opportunità di dimostrare la mia innocenza. Ad esempio, verificare un secondo campione. Anche il risultato del test antidoping, effettuato appena due settimane dopo nella World League 2013, è stato completamente ignorato. È pulito, come tutti i campioni che mi sono stati prelevati durante la mia carriera. Per quanto ho capito, hanno ricontrollato tutto”.
“La WADA non ha tenuto conto della nota ufficiale dell’azienda farmaceutica americana, che nel 2015 ha dichiarato pubblicamente che alcuni dei suoi farmaci nel 2013 sono stati contaminati accidentalmente. I farmaci che ho indicato quando ho superato il test antidoping contenevano quello che è stato poi ufficialmente riconosciuto come contaminato. La società si è scusata, ma molti atleti hanno pagato le conseguenze”.
– Di che sostanza stiamo parlando?
“Non ricordo il nome chimico ora. Questa sostanza vegetale è o estratto di geranio o olio di geranio. Come ho appreso in estate, è ampiamente utilizzato dai pasticceri e potrebbe entrare nel corpo non solo attraverso additivi biologici, ma attraverso prodotti da forno: torte e muffin. La concentrazione di una sostanza proibita nel mio test antidoping indica semplicemente che questa sostanza è entrata accidentalmente nel mio corpo. Ce n’è davvero poca”.
– Perché non sei stato squalificato nel 2013?
“Come ho appreso quest’estate, un test antidoping effettuato dalla RUSADA alla fine del Campionato Russo 2013 ha dato esito positivo. Ma poi è stato nascosto a me e alla WADA. Non capisco perché, perché poi la squalifica massima sarebbe di soli tre mesi”.
“Come risultato del conflitto tra RUSADA e WADA, i dati sono arrivati ​​alla WADA e, probabilmente, hanno trovato lì un test antidoping positivo. Non conosco tutti i dettagli. Ma la WADA ha affermato che i dati ricevuti non richiedevano alcuna prova”.
“In un modo o nell’altro, nel 2021, devo essere ritenuto responsabile del fatto che nel 2013 si è verificato un incidente e il risultato è stato nascosto. Mi sembra che questo sia estremamente disonesto. Ora la mia indignazione è già minore rispetto a quella che ho provato in estate, ma ritengo che l’intera situazione sia ingiusta nei confronti di me stesso”
, ha affermato Musersky.

Sostieni Volleyball.it