Russia: Settima Supercoppa per Kazan. 3-1 al San Pietroburgo senza Camejo

858

Supercoppa e 5° giornata reg. season (17 novembre)
Zenit Kazan – Zenit San Pietroburgo 3-1 (25-16, 21-25, 25-15, 25-20)
Zenit Kazan: Butko 2, Anderson 12, Samoylenko 6, Mikhaylov 26, Ngapeth 13, Volvich 13, Verbov (L). Non entrati: Surmachevskiy, L. Alekno, Likhosherstov, N. Alekseev, Kononov, Krotkov (L), Spiridonov. All: V. Alekno.
Zenit San Pietroburgo: Pankov 3, Sivozhelez 10, Chervyakov 1, Grozer 12, L. Divis 11, Ashchev 6, Zelenkov (L); Pirainen 0, Makarenko 1, Krivitchenko 0, Aleksey Safonov 7, A. Volkov 0. Non entrato: Antipkin. All: Klimkin.

KAZAN – Dopo i 5 titoli (grande slam) della passata stagione lo Zenit Kazan mette in bacheca anche il primo trofeo di quella corrente battendo 3-1 lo Zenit San Pietroburgo in una partita che valeva sia per l’assegnazione della Supercoppa che per la 5° giornata di reg. season. Per Kazan è la settima supercoppa, la quarta consecutiva dopo il tris 2010-2012.
Anche senza Leon la formazione di Alekno si conferma una formazione di primissimo livello in tutti i fondamentali e la partenza del cubano viene in parte bilanciata oltre che dall’arrivo di Ngapeth (oggi troppo falloso in attacco soprattutto nel 2° set perso, ma comunque positivo in seconda linea) da un Anderson molto più coinvolto in attacco rispetto alle stagioni passate. Nel match odierno lo Zenit San Pietroburgo ha poi pagato l’assenza del cubano Camejo (ora naturalizzato russo), presente solo in borghese a bordo campo per un problema alla spalla.

STATISTICHE – Migliore in campo Mikhaylov con 26 punti, il 67% in att. (0 errori e solo 2 muri subiti) e 4 ace. “Doppiato” Grozer: 12 punti, 37% in att. (17% di eff.), 1 ace, 6 err. in battuta. Buono il 69% in att. di Sivozhelez. Per Ngapeth 50% in att. (30% di eff.) e per Anderson 48% di vinc. e 19% di eff.

LA PARTITA 
1° set: San Pietroburgo fa il primo break con un muro su Mikhaylov (1-2), ma Kazan sorpassa con un ace di Anderson (4-3) e vola via sull’ottimo turno di battuta di Mikhaylov: contrattacco di Volvich (7-5), pipe di Anderson (8-5), ace diretto (9-5) e slash di Ngapeth (10-5). Grozer (13-10) e Divis (13-11) provano a riportare sotto gli ospiti, ma un errore di Volkov (entrato in prima linea per Sivozhelez) (16-12) ed un ace di Samoylenko ristabiliscono le distanze: 17-12. Nel finale Kazan dilaga con l’errore di Grozer (19-13) e 2 contrattacchi di Anderson (22-15 e 23-15) e poi chiude alla prima palla set con Samoylenko: 25-16.

2° set: Kazan apre con 2 break point (2-1, 3-1), ma Grozer pareggia con un ace: 3-3. Circoletto rosso per l’attacco spettacolare di Ngapeth (5-4) e poi contrattacco di Mikhaylov (6-4), ma Ngapeth concede il 6-6. Muro su Grozer (8-6) e contrattacco di Volvich (9-6), ma Ngapeth non chiude 2 palle in attacco e Sivozhelez ne approfitta in contrattacco: 9-8 e 9-9. Safonov (in campo per Chervyakov dal 2° set) firma il sorpasso punendo un errore in ricezione: 9-10. Kazan ricuce per 2 volte uno svantaggio di 2 punti (10-12, 12-12, 12-14, 14-14), ma San Pietroburgo torna a +2 (16-18) ed allunga ulteriormente con un erroraccio di Ngapeth: 16-19. Sbaglia anche Grozer (18-19), ma Pankov trova l’ace del nuovo +3: 18-21. Errore di Anderson ed è 19-23. Volvich accorica le distanze con un ace, ma San Pietroburgo chiude al primo set point con un muor di Ashchev su Mikhaylov: 21-25.

3° set: San Pietroburgo resta in scia solo sino al 2-2, poi con Anderson al servizio arrivano un errore di Divis (5-3), un muro 6-3 ed uno slash di Ngapeth: 7-3. Ancora Ngapeth (11-6) e poi Mihaylov (12-6) ampliano le distanze. San Pietroburgo recupera 3 break point con Divis (12-8), un errore di Anderson (12-9) ed un ace di Grozer (15-13), ma la rimonta si ferma lì. Ngapeth firma il contrattacco del 18-14 ed il turno di battuta di Mikhaylov (3 ace) è interminabile e si prolunga fino al 24-14. Alla seconda palla set chiude Ngapeth: 25-15.

4° set: Contrattacco di Divis per lo 0-2, ma Mikhaylov pareggia subito (2-2) e Ngapeth sorpassa con un ace: 7-6. Grozer punisce una ricezione lunga (8-9), ma Divis prende la murata dell’11-10. Ace di Samoylenko su Sivozhelez (13-11) e contrattacco di Mikhaylov (14-11). Ngapeth concede 2 errori consecutivi in attacco e si torna in parità: 15-15. Le speranze degli ospiti però vengono subito sopite da 2 contrattacchi di Anderson: 17-15, 18-15. Divis firma la resa (20-16), Butko affonda l’ace del 22-17. San Pietroburgo recupera un break (22-19), ma serve a poco. Chiude Volvich dopo un altro mezzo punto in battuta di Samoylenko: 25-20.

Totolo e il resto dello staff con la coppa

Sostieni Volleyball.it