foto
MODENA – A partire dalle Semifinali e per tutte le gare di Finale, saliranno da 12 a 18 gli obiettivi del Video Check System collocati intorno al campo, per un totale di registrazione pari a 2630 fotogrammi al secondo, a controllare in/out, fallo al servizio, invasione a rete e (per le ultime partite della Stagione) i tocchi del muro.

Il Video Check va chiamato da uno dei due allenatori in campo entro 7 secondi dal termine dell’azione, con la richiesta che può arrivare dalla sola squadra che subisca il punto a seguito della decisione arbitrale.

Rispetto alle tre tipologie in vigore fino ai Quarti, sono quattro le possibili chiamate dalle Semifinali:

PALLA DENTRO O FUORI per controllare l’impatto del pallone vicino alle righe perimetrali del campo;

FALLO DI SERVIZIO: per controllare il fallo di “pestata” di un giocatore in battuta;

FALLO DI INVASIONE A RETE: per controllare il contatto di un giocatore con la rete;

TOCCO DEL MURO: per controllare il tocco del pallone con il muro dei giocatori a rete

Ogni squadra avrà a disposizione 2 “chiamate” per set. Se il controllo delle immagini porta ad un cambiamento della decisione arbitrale in favore della squadra che lo richiede, il numero delle chiamate a disposizione in quel momento per la squadra richiedente rimarrà inalterato per quel set; qualora invece, dopo il controllo delle immagini, venga confermata l’iniziale decisione arbitrale, il numero di chiamate a disposizione in quel momento per la squadra richiedente verrà ridotto di uno.

Il pubblico può osservare le immagini tramite i megaschermi posizionati all’interno dei palazzetti: dettaglio per dettaglio, il Video Check System racconterà il perché della decisione. Stessa visione per il pubblico da casa, che in TV potrà osservare le immagini dello speciale replay grazie alla RAI e a tutte le televisioni estere collegate.

Dalle semifinali come già avvenuto in occasione delle quattro gare disputate alla Del Monte Coppa Italia Final Four lo scorso febbraio ad Assago, la FIPAV designerà nuovamente per le tutta la Serie di Semifinali e Finali Play Off Scudetto il “terzo uomo”, di fatto arbitro di riserva ma con funzione decisiva sulle chiamate Video Check.

Seduto vicino agli Addetti Video Check, anche loro arbitri, il terzo fischietto controllerà le immagini comunicando il responso via radio per un più rapido giudizio, senza visione al monitor da parte del secondo arbitro. Per questa comunicazione si utilizzeranno i walkie-talkie digitali criptati di proprietà della Lega, usati anche in Champions League.