Supercoppa A1 F.: Busto Arsizio conquista il pass per la finale. 3-1 a Novara

908

SEMIFINALE
UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO – IGOR GORGONZOLA NOVARA 3-1 (23-25 25-18 25-22 25-22)
UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO: Escamilla 6, Olivotto 4, Mingardi 20, Gennari 12, Stevanovic 14, Bonelli 4, Leonardi (L), Herrera Blanco 4, Piccinini. Non entrate: Poulter, Bulovic, Cucco. All. Fenoglio.
IGOR GORGONZOLA NOVARA: Washington 6, Hancock 6, Herbots 21, Bonifacio 5, Zanette 2, Daalderop 15, Sansonna (L), Smarzek 11, Bosetti 1, Chirichella 1, Battistoni, Populini. Non entrate: Costantini, Napodano (L). All. Lavarini.
ARBITRI: Lot, Florian.
NOTE – Durata set: 34′, 30′, 28′, 27′; Tot: 119′.

VICENZA – Sarà Busto Arsizio, questa sera alle 21.15, a sfidare l’Imoco Conegliano nell’edizione “flop” della Supercoppa di A1 femminile. 

Si giocherà al palaGoldoni, abbandonata la location di Piazza dei Signori.

La cronaca della seconda parte del match. Si riprende dalle stesse formazioni schierate in campo al momento della sospensione. La UYBA è più rapida a scattare dai blocchi di partenza e sale 6-3 con due muri di Stevanovic, arma che si rivelerà decisiva per le sorti del match. La imitano Daalderop e Chirichella per il sorpasso Igor. Si prosegue a ondate: errore di Herbots e colpo di Mingardi, doppio vantaggio bustocco; muro di Hancock su Escamilla e avanti Novara 17-19. Fuori la fast di Chirichella, favoloso diagonale stretto di Mingardi e 22-20. Smarzek pesta la linea dei 3 metri, hancock mette in rete il servizio e 24-22. Chiude un altro muro di Stevanovic per il 25-22. 

In avvio di quarto set c’è Zanette al posto di Smarzek, eppure la tendenza non cambia. Stevanovic realizza in fast, al servizio e con un bagher rovesciato per l’8-4. Massimo vantaggio sul 12-6 quando Escamilla piazza l’ace. Si riavvicinano le piemontesi con la parallela di Herbots e la pipe di Daalderop (mentre rientra Smarzek), ma sono ancora Mingardi e Stevanovic ad allungare fino al 16-11. Tocco intelligente di Bonelli e la UYBA conferma il gap (18-13). Lavarini inserisce Bosetti. Olivotto di astuzia fa 19-15. Sbaglia Escamilla, slash di Bonifacio e in un attimo è 19-18. Out dai nove metri Herbots, la imita Mingardi e 22-21. L’opposta si rifà immediatamente con il punto del 23-21. Fast di Stevanovic murata sull’asta per i due match point. L’ennesimo muro, questa volta di Olivotto, mette la parola fine al match: altro 25-22 e Unet E-Work in finale.  

I PRIMI DUE SET GIOCATI SABATO SERA

La cronaca dei primi due set. Fenoglio non ha Poulter, in regia Bonelli. Lavarini schiera in banda Daalderop, con Bosetti inizialmente in panchina. Il match si apre nel segno di Gennari e Daalderop. La capitana dell’UYBA sigla il 2-0, l’olandese dell’Igor schiaccia tre volte per il 4-5. Si prosegue in equilibrio, con grande energia su entrambi i lati del campo. Washington con fast e ace per il doppio vantaggio 8-10, mani out di Zanette e +3. Volo di Sansonna, Herbots scarica il fulmine del 9-13 e time out per Fenoglio. Leonardi si esalta in difesa, Zanette sbaglia e UYBA a -2 (12-14). Daalderop scatenata, suoi i punti verso il 13-16. Murato il primo tempo di Olivotto e 15-19. L’ace di Gennari vale il -1, ma la Igor riparte con Washington, che realizza la fast e favorisce con il servizio . Sul 17-21 dentro Bosetti da una parte e Piccinini dall’altra. Zanette sull’astina, le subentra Smarzek. Le farfalle sono ancora lì, 21-22 e coach Lavarini ferma il gioco. Il Video Check – chiamato a ripetizione da entrambe le panchine – certifica pareggio e sorpasso dell’UYBA (parziale di 5-0) ma Novara nel momento decisivo rialza la testa e con Smarzek e l’ace di Herbots sigilla l’1-0 (23-25). 

Rientra Escamilla tra le bustocche, che ripartono di slancio e salgono 4-0 sui muri di Mingardi e Stevanovic. Pipe di Mingardi che colpisce Herbots, fast ancora di Stevanovic e 7-3. Lavarini stoppa tutto sull’ennesimo muro biancorosso (10-4). Out la parallela di Gennari, ace di Hancock per il -4 novarese (12-8). Gennari di polso indovina il punto del nuovo allungo, rintuzzato dalla diagonale di Daalderop: 16-13. Dentro Bosetti e Smarzek, quindi sul -5 esordisce anche Chirichella. Mingardi con pallonetto e bordata, 21-16. Ace di Escamilla, la imita Herrera Blanco e si arriva al set point. Il 25-18 è di Mingardi. 

 

 

Sostieni Volleyball.it