Supercoppa: Conegliano armata insuperabile? 3-1 a Novara

1931
La festa dell'Imoco a quinto trofeo
La festa dell'Imoco a quinto trofeo

IMOCO VOLLEY CONEGLIANO – IGOR GORGONZOLA NOVARA 3-1 (25-21 25-17 17-25 25-23)
IMOCO VOLLEY CONEGLIANO: Easy 7, Danesi 7, Fabris 21, Sylla 16, De Kruijf 11, Wolosz 3, De Gennaro (L), Hill 10, Nagaoka 1, Tirozzi, Fersino. Non entrate: Moretto, Folie, Bechis. All. Santarelli.
IGOR GORGONZOLA NOVARA: Bartsch 10, Veljkovic 11, Egonu 30, Nizetich 3, Chirichella 13, Carlini, Sansonna (L), Piccinini 2, Bici, Zannoni. Non entrate: Plak, Camera, Stufi. All. Barbolini.
ARBITRI: La Micela, Cerra.
NOTE – Spettatori: 3900, Durata set: 27′, 25′, 24′, 26′ ; Tot: 102′.

TREVISO – L’Imoco Conegliano bissa il successo della Supercoppa 2016 e centra così il 5° trofeo della propria storia. 3-1 all’Igor Gorgonzola e successo per le venete di coach Santarelli. Non bastano alle piemontesi i 30 punti di Egonu, l’Imoco si aggrappa alla coralità: 21 di Fabris, 16 dell’azzurra Sylla in primis. La squadra campione d’Italia cala nel terzo set (“abbiamo smesso di giocare” ammette Fabris) poi il ritorno che vale il successo finale.  

SESTETTI – Venete in campo con Wolosz in palleggio e Fabris opposta, De Kruijf e Danesi centrali, Easy e Sylla schiacciatrici e De Gennaro libero. Novara con Egonu in diagonale alla regista Carlini, Chirichella e Veljkovic al centro, Nizetich e Bartsch-Hackley in banda e Sansonna libero.

LA CRONACA

Il primo set comincia all’insegna dell’equilibrio: dopo una serie di errori in battuta da ambo le parti l’Imoco viene fuori con un parziale di 3-0 ma Novara ribatte colpo su colpo. Danesi è protagonista di uno spettacolare scambio sul 7-7 riuscendo a realizzare ben 3 muri tra cui quello dell’8-7. Le venete allungano a metà del set con muro-difesa che fa la differenza e un altro parziale di 3-0 suggellato da una super parallela di Fabris e da un muro di Easy per il 15-12. Novara cerca di ricucire il gap e ci riesce con un ace di Bartsch che finisce a terra aiutato dalla rete. Da questo momento sale in cattedra Samanta Fabris (miglior giocatrice del match) che si carica la squadra sulle spalle (10 punti nel set) e riporta le Pantere sul +4, un vantaggio sufficiente per portare a casa l’1-0, suggellato da una schiacciata al centro di De Kruijf per il 25-21.

[ngg src=”galleries” ids=”121″ display=”basic_thumbnail”]

Nel secondo set parte ancora forte Novara con tre punti consecutivi di Egonu, Veljkovic (ace) e Nizetich ma le Pantere trascinate dall’entusiasmo del Palaverde rispondono colpo su colpo e si mantengono sempre in partita. Nonostante l’efficacia di Chirichella sotto rete l’Imoco rimonta 3 punti e grazie a un attacco chirurgico di De Kruijf si porta sull’11-11 dopo uno scambio pirotecnico. La stessa centrale olandese, con un morbido pallonetto, regala il primo vantaggio delle Pantere, margine che diventa di +3 con due “monster block” di Miriam Sylla e capitan Wolosz (15-12). E’ il momento chiave del set per l’Imoco che con un diagonale di Easy (17-13) e due aces consecutivi di De Kruijf si regala il 20-14 che spiana la strada verso la conquista del secondo parziale. Nel finale da segnalare altri tre punti dell’ottima Fabris e una serie di muri gialloblù (4 in totale di Danesi) per il 25-17.

Nel terzo set ancora la partenza sprint di Novara con Paola Egonu (miglior realizzatrice del match con 30 punti) che porta il parziale sul 6-2. Sylla si mette in evidenzia con 3 punti in rapida successione ma le piemontesi sembrano determinate a riaprire il match e con una serie di aces allungano sul 10-4 costringendo Santarelli al time-out tecnico. Buon impatto di Kim Hill che entra nella fase centrale del match e sigla subito 2 punti, l’Igor Novara però sfodera il meglio del suo repertorio e mantiene un margine di sicurezza. Reazione dell’Imoco con uno spettacolare muro di Danesi su Egonu e un doppio punto consecutivo di Fabris (diagonale e muro) per il 15-10. Novara interrompe il parziale gialloblù vincendo uno scambio lunghissimo con delle difese ai limiti dell’impossibile da parte dell’Imoco con De Gennaro scatenata. Coach Santarelli ci prova ruotando la sua panchina (dentro anche Tirozzi e Nagaoka) e il muro della giapponese per il 23-17 (il primo punto per la schiacciatrice nipponica con la maglia gialloblu) è l’ultimo sussulto delle Pantere, ma è Novara ad aggiudicarsi il set con la fast di Chirichella che vale il 25-17 finale.

Inizia il quarto e decisivo set e già dai primi scambi si capisce che sarà una battaglia: Novara trascinata da Egonu e Veljkovic si porta sul 2-5, poi rientra Sylla per Tirozzi, in campo dall’inizio con Hill nella diagonale delle schiacciatrici. L’inerzia del set sembra a favore delle piemontesi che toccano il +5 ma una schiacciata di Sylla e due punti consecutivi di una Kim Hill protagonista di un quarto set stellare riportano sotto l’Imoco a -2 (8-10). E’ la schiacciatrice americana a prendere per mano le sue compagne in una vibrante rimonta. Il muro di Danesi su Veljkovic vale il 12-14 e nulla può l’opposizione delle centrali di Novara sul missile di Fabris che porta l’Imoco sul -1. L’attacco di Hill deviato dal muro avversario vale l’aggancio (17-17). Un’azione fotocopia chiusa ancora da Hill su assist al bacio di Wolosz vale il primo vantaggio del set per l’Imoco: 19-18. Palaverde in ebollizione. Accompagnate da un tifo indiavolato le campionesse d’Italia non si fanno più raggiungere nonostante i missili di Egonu, anzi, allungano con due punti fondamentali di Fabris (21 punti) che valgono il 24-21. Egonu annulla due palle match ma sul cambio palla Miriam Sylla la mette giù accompagnata dall’urlo di gioia di un incredibile Palaverde.

Sostieni Volleyball.it