Superlega: Civitanova torna in vetta, 3-0 al Cisterna. Sabbi duro: “Nei primi due set non siamo scesi in campo”

631

Recupero 9° giornata
Cucine Lube Civitanova – Top Volley Cisterna 3-0 (25-23, 25-15, 25-17) – tabellino statistico e classifica
Cucine Lube Civitanova: De Cecco 0, Juantorena 15, Anzani 6, Rychlicki 13, Leal 8, Simon 8, Marchisio (L), Hadrava 0, Balaso (L), Larizza 0, Yant Herrera 5. N.E. Diamantini, Kovar, Falaschi. All. De Giorgi.
Top Volley Cisterna: Seganov 0, Tillie 6, Szwarc 7, Sabbi 10, Randazzo 3, Krick 5, Rondoni (L), Sottile 0, Cavaccini (L), Cavuto 1, Rossato 0, Onwuelo 0. N.E. Rossi. All. Kovac.
ARBITRI: Saltalippi, Brancati.
NOTE – durata set: 30′, 24′, 23′; tot: 77′.

CIVITANOVA – Cucine Lube Civitanova vittoriosa nel recupero della 9ª giornata di andata della SuperLega Credem Banca. Ai campioni del mondo in carica sono bastati tre set e poco più di un’ora di gioco per avere la meglio della Top Volley Cisterna  e mettere in cassaforte i tre punti che li riportano in vetta alla classifica, in attesa che Perugia scenda in campo domani sera per il recupero con Modena. 

SESTETTI – Fefè De Giorgi apre con De Cecco in regia opposto a Rychlicki, laterali Juantorena e Leal, al centro Anzani e Simon, con Balaso libero. In avvio Boban Kovac ripropone in palleggio Seganov in diagonale con Sabbi, di banda Tillie e Randazzo, al centro Krick e Szwarc con Cavaccini libero. 

LA PARTITA – Partita tutta in discesa sin dal primo set per la squadra di Ferdinando De Giorgi, che ripropone Rychlicki nel sestetto titolare dopo il turno di riposo concessogli domenica scorsa. Nel primo parziale i marchigiani staccano subito l’avversario col turno al servizio di Leal, che firma il 7-3 mettendo a terra in sequenza un ace ed un contrattacco da seconda linea. Martella bene dai nove metri la Cucine Lube, che trova buone risposte in attacco anche dal rientrante opposto lussemburghese (6 punti, 71% di efficacia), e scrive il massimo vantaggio quando l’ex Sabbi schiaccia out un lungo linea da posto 2. Sul 19-13 Kovac prova a raddrizzare la situazione piazzando il veterano Sottile in regia al posto di Seganov, e la risposta da parte dei suoi effettivamente arriva, ma con la battuta di Szwarc (5 punti con un ace e il 100% di efficacia sulle schiacciate). Che mette in netta difficoltà la seconda linea di casa (solo 21% di positive) rialzando Cisterna fino al -1 (21-20), prima di lasciare di nuovo strada alla Lube, che vola sul 22-20 col cambio palla firmato da Leal e scrive subito un nuovo break con Simon che mura Sabbi (23-20). Finisce 25-23 con una battuta in rete di Randazzo.

Totalmente a senso unico il secondo set, con il tecnico De Giorgi che sul 16-6 pesca il promettente martello cubano Yant dalla panchina, per concedere un po’ di riposo a Leal. Chiuderà Juantorena sul 25-15, mettendo a referto 5 punti con il 75% di efficacia sulle schiacciate, in un parziale che vede Civitanova attaccare addirittura col 63% di efficacia contro il misero 16% dei laziali, che subiscono anche due ace e tre muri.

Alza la voce Boban Kovac, ma la rabbia dell’allenatore ospite serve a scuotere i suoi solo fino al rientro. Nel terzo set (con Yant sempre in campo nella Lube, chiuderà il match con 5 punti, 67% in attacco) Cisterna tiene botta fino a quota 11, poi un ace di Simon e il successivo errore di Tillie spianano ai marchigiani, guidati in cabina di regia da uno strepitoso Luciano De Cecco, la strada verso il 25-17 che vale il 3-0. Festeggiato insieme al debutto del giovane centrale di casa Jacopo Larizza, gettato nella mischia unitamente a Marchisio nel finale.
Osmany Juantorena è l’MVP: per lui 15 punti totali, con il 62% di efficacia in attacco, 3 ace e 2 muri.

HANNO DETTO 

Osmany Juantorena (Civitanova): “Dobbiamo rimanere concentrati sul Campionato perché sabato andremo a Ravenna. Poi penseremo alla bolla di Champions in Francia. Grazie al nostro ritmo di gioco abbiamo reso facile la sfida con Cisterna e abbiamo preso i 3 punti. Siamo in crescita, ma dobbiamo rimanere più tranquilli se non vogliamo subire rimonte come nel primo set. D’altronde tutti danno il massimo contro di noi e dobbiamo anche saper soffrire”

Ferdinando De Giorgi (Civitanova): “Ogni tanto abbiamo qualche pausa, come è capitato nel primo set, e questo è sicuramente un aspetto che va migliorato. Però sono molto contento della prestazione e naturalmente del risultato, maturato coinvolgendo anche diversi elementi partiti dalla panchina. Con tanti impegni ravvicinati abbiamo bisogno del contributo di tutti. Ora pensiamo a Ravenna, che affronteremo sapendo che ci sarà molto da battagliare perché si tratta di una squadra molto giovane e grintosa. Lo abbiamo visto molto bene nella sfida di andata”.

Giulio Sabbi (Cisterna): “Partite come queste sono difficili ma noi dobbiamo provare a fare il nostro meglio, secondo me questa volta nei primi due set non siamo scesi in campo. Loro mettono in difficoltà qualsiasi squadra ma noi ci abbiamo provato veramente poco: non dobbiamo cercare alibi perché altrimenti non usciremo da questa situazione. Sono cresciuto con l’ottica del lavoro, solo così può riuscire da questa difficoltà: abbiamo giocato tutto il girone d’andata senza un punto di riferimento, ha fatto molto bene Szwarc quando non c’ero io, ma ripeto non ci sono scuse. Abbiamo tutto il girone di ritorno, andiamo a sfidare una diretta concorrente come Padova. Il valore nella nostra squadra c’è, lo abbiamo dimostrato giocando fino al tie-break contro una squadra forte come Modena”.
 
Kamil Rychlicki (Civitanova): “Se un avversario vuole vincere da noi, deve fare qualcosa di speciale, oggi mi sembrava che a loro mancava anche il gioco base, questo forse anche perché noi non abbiamo lasciato tanto spazio: è stata una partita perfetta per noi della Lube”.
 

Sostieni Volleyball.it