Superlega: Come picchia Civitanova. Zaytsev ace e difesa, Lucarelli e Yant oltre il 70% in attacco. Monza troppo fragile senza Grozer

902

Cucine Lube Civitanova – Vero Volley Monza 3-0 (25-19, 25-16, 25-17)
Cucine Lube Civitanova: De Cecco 2, Santos De Souza 12, Diamantini 4, Zaytsev 15, Yant Herrera 19, Simon 6, Anzani 0, Marchisio (L), Balaso (L). N.E. Garcia Fernandez, Penna, Jeroncic, Sottile. All. Blengini.
Vero Volley Monza: Orduna 0, Karyagin 7, Beretta 2, Davyskiba 17, Dzavoronok 6, Galassi 4, Gaggini (L), Katic 0, Grozdanov 0, Federici (L). N.E. Gianotti, Magliano, Grozer. All. Eccheli.
ARBITRI: Florian, Zanussi.
NOTE – durata set: 26′, 26′, 25′; tot: 77′.

CIVITANOVA – E’ una Cucine Lube Civitanova che mostra di essere gruppo con degli anticorpi che hanno gli attributi. La mazzata di Coppa Italia, seppur dolorosa per un team costruito per eccellere su tutti i fronti, pare stata assorbita in casa dei cucinieri capaci di infliggere una netta sconfitta al Vero Volley Monza che rilancia così i biancorossi di Blengini subito in scia della capolista Perugia. E’ una gara che Civitanova vince al servizio, grazie ad 8 ace totali (con Zaytsev che oltre a firmarne 5 risulta determinante anche per i tanti contrattacchi generati) e anche per le percentuali di attacco della coppia Yant- Lucarelli straordinari entrambi oltre il 70%.
Monza paga il non poter disporre di Grozer anche se il bielorusso Davyskiba il suo contributo da posto 2 lo porta, seppur non pari alle potenzialità del tedesco titolare del ruolo, e soprattuto la giornata opaca di Dzavoronok sul tasto “off” rispetto a precedenti prove offerte in altre occasioni (22% in attacco, 44% in ricezione positiva, 19% perfetta). Sostanzialmente Vero Volley oggi non pervenuto.

Sestetti – Blengini ripropone il sestetto che mercoledì scorso ha sbancato Piacenza, con Lucarelli e Yant in banda, Zaytsev in posto 2 opposto al regista De Cecco e Diamantini al centro con Simon. I lombardi con Orduna in regia, Davyskiba opposto, Karyagin e  Dzavoronok in 4, Beretta e Galassi al centro, Federici libero.

La partita – Pronti via, 7-1. Il set è già segnato: la Lube tiene largo vantaggio per tutto il parziale. Lo “Zar”  si fa sentire dai nove metri, Yant chiude attacchi con decisione. Monza sbaglia troppo, eccelle solo Galassi con 3 muri, ma è troppo poco.
Nel secondo parziale l’opposto della Lube firma due ace in avvio (5-4 e 6-4). Eccheli cambia libero entra Gaggini ma la Lube oggi è una squadra che gira bene coralmente. Ivan Zaytsev difende, il caraibico di posto 4, Yant, contrattacca: 7-4. Dzavoronok non è a disposizione di Orduna, nel senso che non incide. La Lube tiene le redini del parziale e Lucarelli chiude con un ace. Nel primo era stata la volta dell’ace di De Cecco.
Nel terzo set equilibrio fino al 10-10 poi la Lube decide che deve essere una gara flash: 15-10. La gara prende la direzione dei padroni di casa. De Cecco esalta tutta la squadra fino alla vittoria finale.

Hanno detto
Ivan Zaytsev (Cucine Lube Civitanova): “La prestazione è stata ottima, molto concreta dal punto di vista mentale. Siamo stati molto aggressivi e sono contento che siamo riusciti a migliorare qualche aspetto del gioco che ci era mancato a Piacenza. Continuiamo a lavorare, cercando di resistere in questo momento poco fortunato: andiamo avanti perché abbiamo tante partite da affrontare. Mercoledì torniamo in campo contro il Maribor, stasera ci riposiamo e poi la prepariamo per bene. Siamo in testa al girone ed è una competizione importante: la Coppa Italia ci è sfuggita, ora ci concentriamo su campionato e Champions League”.
Filippo Federici (Vero Volley Monza): “Siamo entrati in campo con l’obiettivo di replicare la Semifinale della Supercoppa ma purtroppo non ci siamo riusciti. Oggi non è andato un pò tutto: dobbiamo rimetterci al lavoro per far quadrare la squadra. Abbiamo avuto diverse assenze nell’ultimo periodo e questo non ci ha aiutato. Vogliamo riuscire a fare prestazioni diverse rispetto a quelle che abbiamo fatto oggi. Cosa hanno fatto loro meglio di noi? Direi la fase break ha inciso in modo determinante. Siamo andati in difficoltà sia nel primo che nel terzo set e quando inizi male diventa difficile riprendere squadre del genere”.

Sostieni Volleyball.it