Superlega Credem Banca: Vincono Modena e Piacenza (prima da tre punti)

233
Dick Kooy, la prossima stagione a Trento
Dick Kooy, la prossima stagione a Trento

Globo Banca Popolare del Frusinate Sora – Leo Shoes Modena 0-3 (13-25, 19-25, 20-25)
Globo Banca Popolare del Frusinate Sora: Radke 0, De Barros Ferreira 14, Caneschi 5, Miskevich 5, Grozdanov 8, Di Martino 0, Sorgente (L), Van Tilburg 5, Alfieri 0, Mauti (L), Fey 0. N.E. Battaglia, Scopelliti. All. Colucci.
Leo Shoes Modena: Christenson 2, Anderson 14, Bossi 8, Zaytsev 10, Kaliberda 11, Mazzone 11, Iannelli (L), Rossini (L), Estrada Mazorra 1, Pinali 1, Salsi 0. N.E. Bednorz, Sanguinetti. All. Giani.
ARBITRI: Spinnicchia, Rapisarda.
NOTE – durata set: 22′, 25′, 25′; tot: 72′. Spettatori: 1.287. MVP: Anderson.

Il 2020 pallavolistico del PalaCoccia si apre con la vittoria della Leo Shoes Modena in tre set contro la Globo Banca Popolare del Frusinate Stora nella terza giornata del girone di ritorno. La squadra di casa avrebbe voluto riproporre il gioco di mercoledì sera a Ravenna, ma non ha potuto nulla contro gli uomini di Giani. Con Anderson MVP, 8 muri e 6 ace di squadra, il 69% in attacco e il 58% in ricezione, i gialloblù sbrigano la pratica in 70 minuti. Allo starting player mister Giani, come nella gara di giovedì scorso contro Piacenza, non può schierare il suo sestetto tipo a causa della defezione di Max Holt, vittima di una sindrome influenzale. Al suo posto in zona 3 va Bossi assieme a Mazzone.

La diagonale è quella formata da Christenson e Zaytsev, i martelli sono Anderson e Kaliberda, Rossini il libero. Coach Colucci schiera il palleggiatore Radke opposto a Miskevich, i centrali Caneschi e Di Martino, la coppia di schiacciatori Grozdanov e capitan Joao Rafael, i liberi Sorgente (ricezione) e Mauti (difesa).

Primo set senza storia con Modena che accelera al servizio fino al 13-25. Continuano per Sora i problemi in ricezione nei primi scambi del secondo set con Anderson a tutto fuoco dai nove metri e la prima linea spietata di Zaytsev, Bossi e Kaliberda. Gli ospiti controllano fino al 19-25. Nel terzo set Sora per la prima volta mette il naso avanti fino al 12-11. L’ace di Mazzone e due attacchi vincenti di Kaliberda riportano avanti Modena con il +3 del 13-16, senza spazio per una rimonta. Anche il terzo e decisivo parziale va ai canarini (20-25).

HANNO DETTO
Maurizio Colucci (allenatore Globo Banca Popolare del Frusinate Sora): “Bene Modena nel primo set. Alla fine ci ha concesso poco. Potevamo sicuramente fare meglio, sia in ricezione che in battuta, fondamentali nei quali siamo stati discontinui. Abbiamo recuperato un po’ poi nel secondo e nel terzo in ricezione, ma comunque ci sono mancati il muro e il servizio. Ci aspettavamo tutti qualche cosa in più dopo la scorsa partita in cui avevamo giocato bene almeno per tre set, invece oggi ci è mancato qualcosa anche dal punto di vista dell’aggressività”.
Salvatore Rossini (Leo Shoes Modena): “Siamo stati bravi perché l’anno scorso su questo campo abbiamo lasciato un punto, quindi sapevamo che non sarebbe stata una partita come invece il risultato dice. Abbiamo comunque mantenuto sempre un atteggiamento positivo e la tensione alta, i risultati lo dimostrano. Li abbiamo messi in difficoltà e non sono riusciti a esprimere il gioco mostrato mercoledì a Ravenna”.

Gas Sales Piacenza – Calzedonia Verona 3-1 (25-23, 26-24, 20-25, 25-15)
Gas Sales Piacenza: Cavanna 2, Berger 9, Krsmanovic 12, Nelli 15, Kooy 17, Stankovic 13, Fanuli (L), Scanferla (L), Paris 0, Fei 1, Botto 1. N.E. Yudin, Tondo, Pistolesi. All. Gardini.
Calzedonia Verona: Spirito 3, Muagututia 10, Solé 7, Boyer 18, Asparuhov 11, Cester 10, Donati (L), Kluth 1, Marretta 0, Bonami (L), Chavers 0. N.E. Aguenier, Birarelli, Franciskovic. All. Stoytchev.
ARBITRI: Boris, Canessa.
NOTE – durata set: 32′, 33′, 29′, 25′; tot: 119′. Spettatori: 1.956. Mvp: Kooy.

Nella terza giornata di ritorno del Campionato di SuperLega Credem Banca la Gas Sales Piacenza riesce finalmente a trovare quella vittoria da tre punti che mancava da inizio stagione. Sotto gli occhi di mister Blengini, presente al PalaBanca, i ragazzi di coach Gardini confermano i segnali positivi intravisti giovedì sera e confezionano una prestazione autorevole: il muro biancorosso è in serata di grazia con ben 16 punti mentre Kooy e Nelli dimostrano di avere il braccio caldo con rispettivamente 17 e 15 punti. Dall’altra parte della rete Verona fa un passo indietro rispetto alla partita con Perugia: gli uomini di Stoytchev faticano a contenere gli attacchi dei padroni di casa, nonostante un Boyer top scorer del match con 19 palloni messi a terra.

Nel primo set partono meglio proprio i veronesi che trovano un break importante, ma la Gas Sales Piacenza è brava a non scomporsi e con pazienza riesce a rientrare, pareggiando i conti sul 19-19 con un bel muro che ferma l’attacco degli scaligeri. Una giocata vincente di Berger consegna il parziale ai padroni di casa. La seconda frazione di gioco vede partire meglio sempre gli ospiti, ma Piacenza ancora una volta dimostra di essere una squadra capace di reagire: le squadre si battono punto a punto e nel finale è la Gas Sales Piacenza ad avere la meglio. Nel terzo set la Calzedonia Verona macina subito punti che le permettono di trovare un break importante: Piacenza prova a ripetere quanto fatto in precedenza, ma questa volta ai biancorossi non riesce la rimonta e il parziale finisce in favore degli ospiti. Parte meglio la Gas Sales nel quarto set: Nelli e compagni mettono a segno punti decisivi, spinti soprattutto dal tifo sugli spalti del PalaBanca. Verona accusa il colpo e non riesce a rientrare in partita. Per i biancorossi si apre la festa sull’errore di Boyer.

HANNO DETTO
Leonardo Scanferla (Gas Sales Piacenza): “Quella di questa sera contro Verona è una vittoria che volevamo da tempo: grazie alla pausa abbiamo risolto qualche situazione che non andava. Siamo molto contenti: Anche se non abbiamo giocato benissimo, abbiamo messo in campo cuore e grinta. Fattori che ci hanno permesso di portare a casa questi tre punti cercati e molto voluti. Siamo soddisfatti”.
Sebastian Solé (Calzedonia Verona): “Quella di oggi è stata una partita che tutte e due le squadre hanno cercato di vincere fino all’ultimo. Secondo me nel primo set ci è mancata la voglia di chiuderlo e loro sono stati molto bravi a recuperare. La battuta non è mai stata la nostra arma migliore e oggi si è visto purtroppo. Nel terzo set siamo riusciti a riprenderci, ma non è bastato. Oggi non abbiamo giocato bene e il risultato è meritato: ha vinto chi ci ha creduto di più. Ora torniamo a lavorare sodo in palestra per preparare al meglio la sfida con la Lube”.

Sostieni Volleyball.it