Superlega: Grozer top scorer, Piacenza si riscatta a Ravenna

206
Grozer top scorer di giornata

1, GIORNATA
Consar Ravenna – Gas Sales Bluenergy Piacenza 1-3 (20-25, 25-20, 23-25, 19-25)
Consar Ravenna: Redwitz 2, Loeppky 10, Grozdanov 8, Pinali 15, Recine 11, Mengozzi 7, Pirazzoli (L), Koppers 1, Kovacic (L), Zonca 0, Batak 0, Arasomwan 0. N.E. Giuliani, Rossi. All. Bonitta.
Gas Sales Bluenergy Piacenza: Hierrezuelo 4, Clevenot 12, Polo 5, Grozer 29, Russell 15, Candellaro 2, Fanuli (L), Scanferla (L), Tondo 5, Antonov 0. N.E. Botto, Shaw, Izzo. All. Bernardi.
ARBITRI: Canessa, Santi.
NOTE – durata set: 27′, 29′, 32′, 30′; tot: 118′. Spettatori: 272. MVP: Clevenot

RAVENNA – L’arrivo di coach Bernardi dà la scossa a Piacenza. Dopo le tre sconfitte in Del Monte Coppa Italia, la Gas Sales si rianima con l’avvio della SuperLega Credem Banca e passa al Pala De Andrè, nella rivincita del match di Coppa, battendo 3-1 una Consar comunque coriacea e combattiva. A rappresentare il cambiamento di Piacenza è soprattutto Grozer: l’opposto tedesco, con una partita molto regolare, trascina i suoi griffando 29 punti, ben sorretto da Clevenot, che va a prendersi il titolo di MVP con 13 punti, un 71% in attacco e un 47% in ricezione. In casa ravennate, non bastano i punti di Pinali e Recine (26 in due), la crescita di Loeppky (10 punti al suo esordio in SuperLega) e l’incessante lavoro a muro di Grozdanov e Mengozzi. Sconfitta a parte, l’anima verde di Ravenna lancia segnali molto incoraggianti anche in questo Campionato.

La Gas Sales mostra subito uno spirito e un piglio diverso e un Grozer in grande spolvero: 8 punti e un 70% in attacco nel primo set, che Piacenza fa suo con un break di 5 punti nel finale con cui vanifica lo sforzo della Consar, tenace nell’acciuffare il pari sul 20-20 dopo il primo allungo ospite. All’inizio del secondo set la Consar si avventa su Piacenza piazzando un break di sei punti che scava il solco decisivo. Pinali aumenta le sue percentuali in attacco (67%), Grozdanov e Mengozzi cementano il muro, mentre Piacenza non trova spazi con Grozer meno incisivo. L’ace di Pinali e l’errore al servizio di Grozer riportano in parità la gara. Ravenna si spinge fino al +4 nel terzo set (7-3), ma la Gas Sales ha il merito di non arrendersi: aggancia la parità a quota 10 con un ace di Clevenot e poi piazza il sorpasso sul 14-16. Nuova parità a quota 20, firmata da due punti consecutivi di un Recine particolarmente incisivo, e poi finale equilibrato risolto da Russell con un tocco fortunoso. Quarto set equilibrato e con qualche punta di nervosismo. Piacenza scappa a +3 (8-11) ma, dopo il time out di Bonitta, la Consar si rifà subito sotto e si tiene aggrappata al match, prima della successiva accelerata di Piacenza che arriva sul 13-17 e allunga archiviando l’incontro.

HANNO DETTO

Marco Bonitta (allenatore Consar Ravenna): “Non potevamo pensare che loro giocassero due partite consecutive come hanno fatto in Coppa Italia mercoledì e così è stato. Onore a loro perché gli avversari hanno fatto una bella partita con un Grozer a grandi livelli: un opposto che fa 29 punti la dice lunga. Oggi abbiamo giocato bene tre set e avuto il rammarico nel terzo set, parziale che si poteva vincere. Quando set così hanno quell’andamento nove volte su dieci lo vince la squadra più esperta. In effetti è stato così, ma abbiamo avuto l’occasione”.

Lorenzo Bernardi (allenatore Gas Sales Bluenergy Piacenza): “Sono molto soddisfatto perché questa squadra aveva bisogno di vincere una partita e ha saputo farlo anche in un momento di grande difficoltà. Quando siamo andati sotto nel secondo set, abbiamo commesso sei errori consecutivi senza poi recuperarli. Abbiamo iniziato male il terzo set, ma siamo rientrati nel match e questo penso sia un segnale importante per il futuro. C’è tantissimo da fare, lo sapevamo, e questa partita non cambia la mia opinione sul lavoro che ci aspetta. Le vittorie, però, portano morale: va bene vincere anche quando non si gioca molto bene”.

Sostieni Volleyball.it