11 GIORNATA – ANTICIPO
Cucine Lube Civitanova – Sir Safety Conad Perugia 3-1 (28-26, 25-20, 24-26, 25-22)
Cucine Lube Civitanova: Mossa De Rezende 5, Juantorena 15, Anzani 6, Ghafour 15, Leal 20, Simon 14, Marchisio (L), Balaso (L), Rychlicki 0, D’Hulst 0, Kovar 0. N.E. Bieniek, Massari, Diamantini. All. De Giorgi.
Sir Safety Conad Perugia: De Cecco 0, Leon Venero 24, Podrascanin 6, Atanasijevic 20, Lanza 14, Russo 4, Burnelli (L), Plotnytskyi 0, Zhukouski 0, Colaci (L), Hoogendoorn 0. N.E. Piccinelli, Taht, Montanaro. All. Heynen.
ARBITRI: Puecher, Pozzato.
NOTE – durata set: 37′, 27′, 34′, 28′; tot: 126′.

CIVITANOVA – L’Eurosuole Forum di Civitanova Marche quasi gremito (3980 spettatori, incasso 56.374 Euro) resta un catino inespugnabile in campionato, anche con la corazzata Sir Safety Perugia nella metà campo opposta a quella della Cucine Lube.

I campioni d’Italia e d’Europa battono gli umbri 3-1 nella super sfida anticipo della 11. di SuperLega Credem Banca (28-26, 25-20, 24-26, 25-22), portando il proprio ruolino di marcia a cinque partite vinte su cinque e staccando la formazione di Heynen di ben 8 punti in classifica, a parità di partite giocate.

Per la Sir è la seconda sconfitta stagionale, giornata in cui i  Block Devils segnano il passo al termine di un match combattuto con due set chiusi ai vantaggi, ma nel quale la formazione di De Giorgi ha trovato maggiore continuità e concretezza soprattutto nei fondamentali del muro e dell’attacco.

NUMERI – Senza Ricci (infortunio alla mano sinistra per il centrale romagnolo, in tribuna con la stecca, da valutare i tempi di recupero) e con almeno un paio di altre situazioni non al top, la squadra umbra ha lottato, cercando di tenere soprattutto con i suoi principali terminali offensivi Leon ed Atanasijevic, ha retto bene in attacco, mancando però al servizio e soprattutto a muro.  Top scorer del match è il cubano di Perugia con 24 punti, 65% in attacco, a quota 20 Atanasijevic (64%) così come il cubano naturalizzato brasiliano Leal, top scorer della Lube, al 55%. Nella Lube spicca poi la prova di Bruno con 4 ace vincenti, Simon con 4 muri e un 9 su 13 in attacco.  Nel terzo set vinto dalla Sir incidono i 10 errori punto della Lube.

LA GARA – La buona prova offerta giovedì sera contro Latina convince De Giorgi a confermare Ghaour nel sestetto iniziale, opposto a Bruno. Ed entrambi saranno grandi protagonisti nel parziale d’apertura: il primo è ispiratissimo in regia ma regala anche ai suoi il break sul 10-6 con 2 ace ed un muro vincente, tutti su Leon; il secondo attacca col 71% di efficacia e mette invece a terra il punto del definitivo 28-26, maturato dopo che la Sir (che schiaccia col 68% di squadra) aveva pareggiato i conti a quota 23 e fallito due set point.

Il secondo parziale è un monologo della Cucine Lube, che oltre allo strepitoso lavoro là dietro di Balaso, e sulle percentuali siderali del trio d’attacco d’origine cubana, può contare anche da un Ghafour apparso decisamente a suo sui palloni servitegli da Bruno (100% di efficacia in attacco nel parziale, alla pari del bravo Anzani). Un muro a uno di Leal su Atanasijevic regala il primo gap di una certa consistenza ai marchigiani (12-7), che sigillano il 2-0 con anticipo sul tabellone grazie ai due muri di fila firmati rispettivamente da Simon e Juantorena, il primo su russo e il secondo su Atanasijevic (24-19). Chiuderà un primo tempo del centralone cubano sul 25-20. 

Prova la reazione Perugia nel terzo set con la grinta di Lanza (3-5). La Lube impatta a quota 6. Ace di Juantorena, Lube avanti (9-8). In confusione Perugia (11-9). L’errore di Ghafour riporta le squadre in parità (12-12). Contrattacco di Atanasijevic (13-14). Ace di Bruno (16-15). Tornano avanti i Block Devils con Lanza in battuta (16-17). Si gioca punto a punto (19-19). Errore di Leal (19-21). Leal pareggia (22-22). Ace di Bruno e match point Civitanova (24-23). Lanza pareggia (24-24). Muro di Leon (24-25). Ace di Lanza, Perugia accorcia (24-26).

Ma solo per un ulteriore set, il quarto, in cui gli umbri sì reagiscono dopo il momentaneo +5 dei padroni di casa (22-17), prima di alzare definitivamente bandiera bianca sul primo set-ball Lube (24-22), trasformato grazie a un errore in attacco di Atanasijevic. Mvp della partita Yoandy Leal, autore di 20 punti, con 55% in attacco, 1 ace e 1 muro vincente.