Superlega: La Lube subito vincente. 3-0 al Padova, Juantorena MVP

Per Civitanova arrivano i primi tre punti stagionali dopo un match inizialmente in salita

Osmany Juantorena MVP

KIOENE PADOVA – CUCINE LUBE CIVITANOVA 0-3 (21-25 18-25 14-25)
Kioene Padova: Travica 1, Louati 12, Polo 4, Torres 5, Randazzo 9, Volpato 6, Bassanello (L), Danani La Fuente (L), Cirovic 0, Premovic 2. N.E. Ferrato, Lazzaretto, Sperandio, Cottarelli. All. Baldovin.
Cucine Lube Civitanova: Mossa De Rezende 3, Juantorena 18, Stankovic 6, Simon 5, Leal 12, Cester 7, Marchisio (L), Balaso (L), Sokolov 2, D’Hulst 0, Diamantini 1, Massari 0. N.E. Cantagalli, Sander. All. Medei.
ARBITRI: Pozzato, Gnani.
NOTE – durata set: 30′, 24′, 22′; tot: 76′.

MVP: Osmany Juantorena
Spettatori: 3.345

PADOVA – Sulla carta una partita proibitiva per la Kioene e così è. Niente sgambetto ad una grande nella prima di campionato, la Cucine Lube trascinata da un sempre efficiente Juantorena, rispetta i pronostici e chiude la pratica in 3 set, senza troppo faticare.

SESTETTI – Per la Kioene Padova si parte con capitan Travica in diagonale con il nuovo opposto Torres, al centro i confermatissimi Volpato e Polo, schiacciatori l’azzurro Randazzo e Louati, libero l’argentino Danani. Medei risponde con la diagonale Bruninho-Simon, preferito ad un Sokolov ancora non al top, gli schiacciatori Leal e Juantorena, i centrali Stankovic e Cester, chiudendo il sestetto con il libero Balaso, a Padova fino alla scorsa stagione.

Simon non fa sconti e mura

I PIU’ E I MENO – Male al servizio la Kioene, che in tre set sbaglia per ben 15 volte, a fronte di 1 solo ace, mentre dall’altra parte Macerata commette solo 7 errori, ma chiude 12 ace. Anche a muro la differenza è netta: 10 per i marchigiani contro i 3 di Padova. Migliore anche in ricezione e in attacco la Cucine Lube, con un 54% di vincenti in attacco contro il 46% della Kioene. Mvp il top scorer Juantorena, con 18 punti, di cui 4 muri e 2 ace, ed il 57% in attacco.

COSA VI SIETE PERSI – Sono due le curiosità da segnalare: nel terzo set un punto di Danani in difesa, coadiuvato dalla finta di Travica che inganna Juantorena e vale il 10-16. Nel secondo set il 4° punto marchigiano è un tocco di Polo su attacco di Juantorena, che il centrale dichiara, meritandosi il primo cartellino verde della stagione padovana.

LA PARTITA  – Si comincia con le squadre che si studiano e procedono con equilibrio, poi Padova sfrutta qualche errore di troppo della Cucine Lube e si porta 8-5. Civitanova recupera palla con Juantorena, poi il turno al servizio di Bruno favorisce il sorpasso marchigiano 11-13. Tre errori di fila della Cucine Lube e Padova torna avanti, costringendo Medei al time out (16-14). Anche la Kioene è un po’ imprecisa e gli ospiti impattano: si procede punto a punto, poi Civitanova allunga e chiude con Stankovic.

Randazzo vs muro Lube

Padova prova anche in avvio di secondo set a mettere un po’ di distanza tra sè e gli ospiti, ma la Cucine Lube resta sempre attaccata, fino a sorpassare 12-13. Louati prova a tenere i compagni in scia, ma Juantorena & co. conquistano un margine di sicurezza e nemmeno il cambio di Premovic per Torres sortisce effetto, lasciando alla Cucine Lube il parziale.

Terza frazione con la Cucine Lube a prendere subito il largo grazie a Juantorena; Randazzo prova a riportare in equilibrio la situazione, ma Padova è fallosa, mentre Cester conquista punti anche al servizio portando Civitanova sull’8-13. Alzano il muro i marchigiani e lasciano sul posto i padroni di casa, che affondano sotto i colpi del martello italocubano, uscito sull’11-20 per la passerella. Sokolov (dentro per il doppio cambio) e ancora Cester chiudono in favore marchigiano la frazione per 14-25.

HANNO DETTO

Valerio Baldovin (allenatore Kioene Padova): “Abbiamo giocato bene per un set e mezzo, poi purtroppo abbiamo subito il loro servizio – soprattutto con Leal e Juantorena – faticando in ricezione. Come avevo detto già prima dell’inizio della stagione, ora dobbiamo cercare di trovare quella continuità che ancora ci manca”.

Osmany Juantorena (coach Cucine Lube Civitanova): “Padova è una buona squadra e credo che lo abbia dimostrato nel primo set quando ci ha messo in vera difficoltà. Era importante partire con una vittoria ma c’è ancora molto lavoro da fare. Ci stiamo allenando da poco tutti insieme, per cui i meccanismi di gioco sono ancora da perfezionare”.

Sostieni Volleyball.it