Superlega: Milano a forza otto. Supera Siena e per una sera aggancia Modena

Milano festeggia l'ottava vittoria consecutiva
Milano festeggia l'ottava vittoria consecutiva

Revivre Axopower Milano – Emma Villas Siena 3-1 (18-25, 25-12, 32-30, 25-22)
Revivre Axopower Milano: Sbertoli 3, Clevenot 11, Kozamernik 5, Abdel-Aziz 21, Maar 17, Piano 11, Hoffer (L), Izzo 0, Pesaresi (L), Hirsch 4, Bossi 0. N.E. Gironi, Basic. All. Giani.
Emma Villas Siena: Marouflakrani 3, Ishikawa 10, Van De Voorde 3, Hernandez Ramos 24, Maruotti 12, Cortesia 2, Caldelli (L), Vedovotto 0, Giovi (L), Gladyr 10, Savani 1, Giraudo 0. N.E. Mattei, Spadavecchia. All. Cichello.
ARBITRI: Canessa, La Micela.
NOTE – durata set: 25′, 23′, 40′, 29′; tot: 117′. – La classifica

BUSTO ARSIZIO – E sono otto. La Revivre Axopower Milano centra l’ottava vittoria consecutiva nel girone di ritorno e si impone per 3-1 sull’Emma Villas Siena al termine di quasi due ore di gioco. È stata partita vera quella andata in scena nell’impianto varesotto, dove le due squadre hanno messo in campo un grande spettacolo pallavolistico con l’intento di dare seguito ai rispettivi obiettivi stagionali. Milano si è dimostrata più volitiva di Siena per portare a casa il successo pieno che lancia la formazione di coach Giani a quota 42 punti, in coabitazione con Modena che domani sarà impegnata in trasferta a Civitanova.

L’obiettivo, alla vigilia del match, era quello di non sottovalutare l’avversario e i valori in campo sul taraflex del PalaYamamay hanno dimostrato quanto l’Emma Villas sia una squadra ostica e temibile. L’approccio, forse un po’ troppo morbido del primo set, ha permesso alla formazione toscana di allungare nel momento decisivo del parziale, trovando in Ishikawa ed Hernandenz due armi taglianti per la retroguardia di Milano. È però l’iniziale vantaggio degli ospiti a svegliare la Powervolley che, caricata sul braccio di uno scatenato Nimir a servizio (ben 6 ace nel secondo set), trova l’immediato pareggio.

Quello che potrebbe essere il preludio al bis, si trasforma però in una mancanza di cinismo di Milano che spreca un vantaggio di 6 punti (23-17), aprendo la strada alla stoica rimonta di Siena (23-24), incapace tuttavia di capitalizzare le palle set a disposizione. La vittoria, sofferta, ai vantaggi per 32-30 apre la strada al definitivo successo della Revivre Axopower che trova in Pesaresi un autentico leader della seconda linea (il libero marchigiano si aggiudicherà la palma di MVP) e chiudendo la partita che consegna altri tre punti da mettere in cassaforte. Milano la vince al servizio (saranno 11 gli ace totali di squadra), mentre non bastano a Siena i 24 punti di Hernandez. Sbertoli porta in doppia cifra quattro suoi compagni (Nimir 21, Maar 17, Piano e Clevenot 11), ma i punti in campionato della formazione ambrosiana diventano 42, come quelli di Modena, raggiunta in classifica in attesa che la squadra di Velasco giochi in trasferta a Civitanova.

A commentare il match ci pensa il francese Clevenot, insignito del premio di MVP del mese di gennaio ad inizio partita: “Eravamo consapevoli che la partita contro Siena non era da sottovalutare e i valori in campo degli avversari lo hanno dimostrato. Abbiamo approcciato male il primo set, poi grazie alla serie in battuta di Nimir nel secondo parziale abbiamo girato a nostro favore la gara. Dobbiamo però guardare a quello che non è andato, perché non possiamo permetterci di sprecare il vantaggio che avevamo nel terzo game e rischiare di compromettere la partita. Siamo felici per l’ottava vittoria consecutiva, ma dobbiamo e possiamo fare meglio”.

Manuel Cichello (Allenatore Siena): “E’ stata anche oggi una bella partita che purtroppo ci ha penalizzato nel risultato. Abbiamo iniziato molto bene nel primo set, poi Nimir con quel filotto di battute ci ha messo in difficoltà. Siamo rammaricati perché nella rimonta del terzo set abbiamo avuto anche le occasioni per girare la gara a nostro favore, ma se sprechi certe palle con una squadra di livello come Milano le paghi. Non molliamo, dobbiamo migliorare e lavorare sulla nostra lucidità per portare a casa qualche punto in chiave salvezza”.

LA PARTITA  – Il primo allungo del match porta la firma di Ishikawa che in diagonale sigla il 3-6. Il time out chiamato da Giani non sveglia i suoi, che vanno sul -5 sul primo tempo di Cortesia. Tre punti consecutivi di Nimir provano a dare la scossa a Milano, che accorcia sul 6-9. Siena, con Ishiwaka ed Hernandez, riesce a conservare il +3 di vantaggio (11-14), che diventa +4 sul muro di Van de Voorde su Nimir (13-17), con conseguente secondo time per Giani. Due break point consecutivi per Milano portano la Revivre Axopower sul 16-17, ma Hernandez blocca a muro Maar per il nuovo +3 (16-19). Siena mette una serie ipoteca sul set sull’errore di Maar, preceduto dall’ace di Ishikawa (16-21), con Gladyr a chiudere il parziale 18-25, murando Hirsch.

È il doppio ace di Nimir a provare a spaccare il secondo game, con Cichello a rifugiarsi nel primo time out sul 6-2. È ancora Nimir a forzare e a trovare il 10-2 con un triplo ace. Siena prova a rifarsi viva, ma Piano in primo tempo dice 14-5. È ancora Milano a forzare a servizio con Sbertoli che trova il 16-6, e scappa via con il muro di Kozamernik per il 19-8. Siena non si arrende e con Hernandez e Savani trova il 20-11, ma ancora Nimir con un ace trova il 23-11. È Hirsch, poi, a chiudere il set 25-12.

Grandissimo equilibrio nella prima fase del game, con Hernandez ed Ishikawa a trovare la risposta di Nimir e Maar (6-6). Fluido cambio palla tra le due squadre, con il cubano Hernandez a spingere con il mani out del 9-10. La Powervolley non ci sta e trova il doppio break di Clevenot per il 12-10, ma il muro di Van De Voorde porta tutto di nuovo in parità. Milano trova il 15-13 con l’ace di Piano e la diagonale di Clevenot, con Cichello a chiamare time out. Il +3 porta la firma di Maar (18-15), dopo una grande difesa di Pesaresi, seguito dalla pipe di Clevenot che vale il 20-16. Allungo ulteriore per i padroni di casa che con il muro di Maar trovano il 22-16. Ace di Gladyr per il 23-19, con Siena che recupera fino al 23-23, sfruttando il turno al servizio del polacco, trovando addirittura il vantaggio per 23-24. Clevenot spreca la palla break del possibile 27-26, ma Hirsch trova l’ace del 28-27. È Maar a chiudere i conti di un emozionante set (32-30).

Ace di Kozamernik per il primo break di Milano (8-6), con Piano che trova il +3 con il servizio vincente del 13-10. Siena è però in partita e trova il -1 grazie all’ace di Gladyr prima e ai colpi di Hernandez poi (16-15). Maar colpisce in parallela per il 19-17, con Clevenot che trova il mani out del 22-19. Siena blocca a muro Kozamernik ed è 22-21, ma è Nimir a chiudere per il 25-22.

Sostieni Volleyball.it