Superlega: Milano che battaglia. E’ un combattuto 3-0 con Verona

1267

3ª Giornata Turno Preliminare Play Off SuperLega Credem Banca
Allianz Milano – NBV Verona 3-0 (25-18, 25-23, 25-23)
Allianz Milano: Sbertoli 2, Ishikawa 13, Kozamernik 7, Patry 14, Urnaut 11, Piano 2, Pesaresi (L); Daldello 0, Weber 0, Basic 0, Maar 7, Mosca 3. N.E. Meschiari, Staforini (L). All. Piazza.
NBV Verona: Spirito 4, Kaziyski 14, Aguenier 3, Jensen 14, Jaeschke 6, Caneschi 3, Zingel 0, Bonami (L), Magalini 1. N.E. Donati (L), Asparuhov, Zanotti, Peslac. All. Stoytchev.
ARBITRI: Piana, Santi.
NOTE – durata set: 24′, 36′, 32′; tot: 92′.

MILANO – La Powervolley continua a regalarsi grandi soddisfazioni. Dopo aver raggiunto la finale di Challenge Cup mercoledì scorso, centra anche il passaggio del turno dei playoff battendo per 3-0 Verona e chiudendo la serie sul 2-1. Una grande prova di forza per la squadra di Piazza, che nel corso della partita è stata costretta a compiere due grandi rimonte, nel secondo e nel terzo set. Per Milano, adesso, c’è in programma la sfida con Perugia (questo mercoledì in trasferta).

PIÙ E MENO – Tra le fila di Milano il top scorer è Patry, autore di 14 punti complessivi. Tra questi ci sono soprattutto l’attacco del pareggio e la battuta del sorpasso nel finale del decisivo terzo set. Stesso numero di punti anche per Kaziyski, che però fatica a trovare continuità (42% su 31 tentativi con 2 errori e 4 murate). Poco incisivo anche l’altro schiacciatore di Stoytchev, Jaeschke, che chiude col 25% su 20 palloni.

SESTETTI – Nessuna sorpresa da ambo le parti, con gli allenatori che confermano in toto le formazioni di partenza di gara 1 e 2. Piazza comincia con Sbertoli-Patry sulla diagonale principale, Ishikawa-Urnaut in banda, Piano-Kozamernik al centro e libero Pesaresi. Stoytchev risponde invece con Spirito al palleggio, Jensen opposto, Jaeschke-Kaziysky schiacciatori, Caneschi-Aguenier centrali e libero Bonami.

LA GARA – L’inizio della partita è molto equilibrato e ben giocato da entrambe le formazioni. Alla distanza, però, viene fuori Milano: Stoytchev chiama un time-out quando i suoi vanno sotto di due lunghezze (14-12) ma il risultato non è quello sperato, perché al rientro in campo i padroni di casa piazzano l’allungo decisivo con Sbertoli al servizio (17-12). Da lì in poi non c’è storia e la Powervolley chiude in scioltezza sul 25-18.

L’avvio del secondo set, invece, è tutto in favore di Verona, che allunga subito sul +6 sfruttando un bel turno in battuta di Spirito (1-7). L’inerzia del parziale è decisamente in favore degli scaligeri, che si trovano avanti di 5 lunghezze e 11-16. Sembra tutto fatto, ma Milano inizia a rosicchiare qualche punto e si porta sul 18-20. Quando l’aggancio sembra ormai dietro l’angolo, Kaziyski e compagni allungano di nuovo sul +4 (19-23) ma la Powervolley non ci sta e completa una super rimonta ribaltando il set e portandoselo a casa col punteggio di 25-23 (decisivo un attacco si Ishikawa sul 23 pari, dove ci sono voluti ben due video-check di fila per stabilire l’esito del colpo).

Nella terza frazione di gioco, di nuovo, è la squadra di Stoytchev a partire lanciatissima e lo fa ancora una volta sfruttando il turno dai nove metri di Spirito (4-10). Milano, così, è costretta nuovamente agli straordinari e a rincorrere l’avversario: prima accorcia sul 9-13, poi arriva al -1 (12-13) e poi aggancia definitivamente gli scaligeri a quota 19 con un attacco di Patry. Lo stesso opposto, poco dopo, mette anche a segno l’ace che vale il sorpasso sul 21-20. A quel punto la Powervolley è davvero su di giri e si porta a casa il set sul 25-23.

Sostieni Volleyball.it