3. GIORNATA
Consar Ravenna – Allianz Milano 0-3 (25-27, 16-25, 20-25)
Consar Ravenna: Saitta, Lavia 13, Cortesia 4, Vernon-Evans 9, Ter Horst 10, Grozdanov 7, Marchini (L), Alonso, Cavuto, Bortolozzo, Kovacic (L), Stefani 1, Recine 1. N.E. Batak. All. Bonitta.
Allianz Milano: Sbertoli 1, Gironi 4, Clevenot 9, Abdel-Aziz 27, Petric 12, Kozamernik 7, Pesaresi (L), Basic. N.E. Weber, Hoffer, Izzo. All. Piazza.
ARBITRI: Cerra, Brancati.
NOTE – durata set: 36′, 25′, 29′; tot: 90′.

RAVENNA – Prova superata: nel momento più difficile dell’inizio della stagione, con la defezione di due centrali, Milano si impone nettamente a Ravenna in tre set e vola a 9 punti in classifica. Una gara straordinaria per i ragazzi di coach Piazza, che vincono per 3-0 tornando subito al successo dopo lo stop della scorsa settimana patito da Civitanova. 

Trascinata da un Nimir straordinario, che vince il suo terzo MVP della stagione su quattro gare giocate, Milano risolve la pratica Consar Ravenna e si riscatta, con un anno di distanza, dalla brutta sconfitta della scorsa stagione. È tutta un’altra storia questo campionato, con le due squadre che nel primo set hanno combattuto alla pari in cui la verve di Nimir ha fatto la differenza con l’opposto olandese a chiudere il parziale con ben 14 punti. La regia di Sbertoli ha permesso ai suoi compagni di giocare con scioltezza. Con Piano ed Alletti ancora out, la rivoluzione tattica di Piazza ha mandato in confusione gli avversari e, sospinta dagli attacchi di Nimir che chiude il match con 27 punti ed il 52% in attacco, prende il largo soprattutto nel secondo set. I 6 ace consecutivi dell’olandese nel secondo set mandano in tilt la retroguardia ravennate, ma è tutta la squadra a girare a ritmo elevato e trovare così un successo meritato, in cui il francese Clevenot si dimostra trascinatore in campo e Kozamernik cecchino infallibile al centro (83% in attacco per lo sloveno). Per Nimir saranno 10 gli ace totali in partita (a -1 dal record in gara di Ngapeth), ma è tutta Powervolley a trovare i giusti meccanismi come un coro che canta all’unisono.

LA GARA  – Primo break in favore di Ravenna che mura Kozamernik (3-1). Altro allungo dei padroni di casa che con Lavia siglano il 5-2. Altro allungo della Consar che va sul +4 sull’attacco out di Petric che non trova il tocco del muro, confermato dal videocheck (9-5). Ci prova Nimir con l’ace del 10-8, con Petric che trova il pallonetto vincente per il -1 (10-9). Milano impatta sul 10-10 con Nimir per il suo secondo ace personale con Bonitta costretto a chiamare time out. È indomabile l’olandese che trova il terzo servizio vincente ed il vantaggio meneghino: 10-11. Nuovo vantaggio Ravenna che ottimizza un contrattacco e trova il 14-13 con Cortesia. Break immediato di Milano che con Nimir trova il mani out del 14-15, che trova il +2 (14-16) con Gironi a muro! Parità Ravenna che blocca a muro Nimir (18-18), con la Consar che trova lo sprint con l’ace di Vernon Evans per il 23-22. Ancora Nimir (13° punto del set) per il 24-24, con Petric a murare Vernon Evans per il 24-25. La chiude Nimir con l’ace del 25-27.  

Super ace di Nimir per l’1-3, con l’olandese che si ripete 3 volte fino all’1-7.  Muro Milano con Sbertoli per l’1-9, con ancora Nimir a trovare il suo 10° ace che vale l’1-10. Clevenot trova il punto del +10 (3-13), con Sbertoli a muro per il 4-15. Nimir è inarrestabile e trova il punto del 6-18, mentre Petric sigla il suo 6° punto personale con il mani out del 9-21. Time out Piazza sul 14-23, ma l’errore di Saitta dai 9 metri concede 9 palle set a Milano. L’errore di Lavia in battuta chiude il set 16-25

Parità in avvio con il muro subito da Nimir per il 4-4. Sprint Ravenna che trova il break dell’11-9 su un servizio velenoso di Ter Host, ma la parità arriva sul contrattacco di Petric (11-11). Pipe di Clevenot per il 13 pari, ma è il doppio errore in attacco di Ravenna a portare Milano sul 13-15. Gironi colpisce per il 14-17, e Nimir mantiene invariata la distanza con il muro su Vernon Evans (15-18). Ravenna trova l’ace proprio di Vernon Evans (17-18) con Piazza a chiamare time out. Milano rimette davanti il muso con Nimir a muro (18-20), con Clevenot che trova un ace fortunoso con il nastro (18-21). Altro ace di Clevenot (18-23), con Petric a trovare il 19-24 e consegnare 5 match point a Milano. Chiude Kozamernik in primo tempo 20-25.

HANNO DETTO

Marco Bonitta (Ravenna) “Voglio ricordare che Milano nello scorso campionato è arrivata quinta ma a pari punti con Modena, in più ha messo dentro un campione d’Europa come Petric e questo la dice lunga. Noi abbiamo provato nel primo set come contro Trento, perdendolo ai vantaggi, ci siamo squagliati nel secondo set ma Abdel ha indossato l’abito del giocatore che può cambiare le partite e ci abbiamo provato anche nel terzo restando in lotta fino alla fine ma purtroppo non siamo riusciti a concretizzare”.

Nimir Abdel Aziz (Milano) “Nessuna partita è facile in questo campionato. Abbiamo vinto 3-0 ma non è stato un successo facile. Abbiamo qualche problema con gli infortuni, stiamo giocando in un modo diverso e stiamo cercando di adattarci. Volevamo fare bene in questa partita dopo la sconfitta con Civitanova e ci siamo riusciti. Adesso si gioca ogni tre giorni e quindi è importante vedere partita dopo partita a quali traguardi possiamo ambire”.