Superlega: Modena battuta e muro, 3-0 ad una ostica Latina

5° GIORNATA
Leo Shoes Modena – Top Volley Latina 3-0 (25-22, 25-14, 28-26)
Leo Shoes Modena: Christenson 6, Anderson 15, Mazzone 4, Zaytsev 14, Bednorz 14, Holt 3, Iannelli (L), Rossini (L), Kaliberda 2, Salsi 0, Pinali 0. N.E. Estrada Mazorra, Truocchio, Bossi. All. Giani.
Top Volley Latina: Sottile 0, Van Garderen 12, Rossi 5, Patry 9, Karlitzek 9, Szwarc 6, Rondoni (L), Cavaccini (L), Peslac 0, Onwuelo 0, Elia 0, Palacios 1. N.E. Rossato. All. Tubertini.
ARBITRI: Luciani, Turtu’.
NOTE – durata set: 28′, 28′, 35′; tot: 91′.

MODENA – E’ una bella Modena quella che ha la meglio in 3-0 su Latina, avversario ostico capace di strappare tre set a Perugia e Lube in avvio di regular season e vincere lottando con l’ambiziosa Monza. 

In un palaPanini con più di 4200 spettatori la Leo Shoes porta a casa il 5° successo consecutivo senza concedere set, un cammino senza macchia che è il miglior viatico in vista dell’immediato proseguo del torneo che metterà gli emiliani contro le big del campionato. 

SESTETTI – Modena parte con Christenson-Zaytsev palleggiatore-opposto, Bednorz e Anderson in posto 4, Holt-Mazzone al centro, libero Rossini. La Top Volley Latina schiera Sottile in regia, Patry opposto, in posto 4 Van Garderen e Karlitzek, Rossi e Szwarc centrali, libero Cavaccini.

PIU’ E MENO – Modena a livello statistico ha la meglio su Latina in tutti i fondamentali: attacco al 49% contro il 40% pontino, 54% di ricezione è positiva e 38% di perfetta contro il 21% e 12% dei laziali, 10 ace a 2 a fronte di 11 errori al servizio per parte, 12 muri a 7. Pari il numero degli errori (20 per parte) ma quando Latina cresce nel gioco, nel 3° set (63% in attacco) altrettanto fa Modena che porta la capacità offensiva al 65% e, soprattutto fa suo il set quasi in autonomia: 24 punti su 28 necessari al 28-26.

LA CHIAVE – Modena Sa alzare il livello appena necessario, capace di non perdersi nel momento chiave del match, annullando anche due set ball agli uomini di Tubertini nel finire del 3° parziale. Sul gioco la differenza sta tutta nella positività della combinazione battuta+muro+difesa. Il servizio va a mille, il muro anche e dove non arriva il gioco a rete ecco Rossini in formato monstre a livello difensivo. Messe nell’armadio le scarpe arancioni scaramantiche – era il colore delle sue calzature dell’anno del triplete – è subito meritatamente MVP.   

LA GARA – Avvio di primo set con le due squadre in equilibrio (8-8) con i pontini che allungano 9-11. Modena resta in scia finché non Il parziale prosegue punto a punto in perfetto equilibrio, poi Modena fa il break con il muro dello statunitense Anderson (19-17). Bednorz fa la voce grossa, Modena chiude il set sul 25-22.

Nel secondo parziale Latina accusa il colpo. La Leo Shoes spnga al servizio e manda in tilt il gioco pontino. 6 i muri, 22% l’attacco di Patry e compagni. E’ subito 6-3 e 9-3 con Anderson dai nove mentri. kaliberda dà respiro a Bednorz , Modena allunga ancora: 16-7. Altro ace di Anderson (3 nel set per lo statunitense) ed è 20-9. Giani fa turnover, il set è in cassaforte nonostante una timida reazione pontina fino al 25-14. 

Laziali che tengono l’inerzia in avvio di terzo set  (1-4). Zaystev punge dai nove metri, ace diretto e ace con l’aiuto del nastro: 12-12. La Top Volley continua a macinare gioco con Sottile che innesca le sue bocche da fuoco ma anche al centro con Szwarc (incisivo) e Rossi (determinante a muro): 15-18 e 18-20. Zaytsev torna vincente al servizio (3° ace nel set): è 20-20. Van Garderen fa allungare Latina (22-23). Rossi mura Anderson (23-24) è set ball: Modena impatta e controsorpassa con Christenson. Il servizio di Patry manda in crisi Zaytsev che riceve nel campo della Top Volley e Szwarc inchioda a terra la free ball: 24-25. Il video check salva Modena sul servizio di Patry: Palla out 26-26. Qui l’uno-due di Modena che vale il 28-26, ultimo punto ace di Anderson.

HANNO DETTO 

Domenico Cavaccini (Top Volley): “C’è rammarico perché abbiamo avuto l’opportunità di vincere il terzo set e prolungare poi la partita giocandocela a viso a aperto. Purtroppo però non è andata così come volevamo ma eravamo consapevoli che non sarebbe stato facile. Nel primo e nel terzo set siamo stati abbastanza ordinati in ricezione, sono stati due parziali positivi: quello che non mi è piaciuto è stato il nostro secondo set, non è stato bello. Alla fine di tutto però noi da questa partita portiamo a casa tante cose positive perché dobbiamo già iniziare a pensare a Ravenna consapevoli che abbiamo giocato un’altra buona partita contro una formazione di altissimo livello”.

Andrea Giani (Leo Shoes Modena): “Abbiamo giocato contro una squadra molto ostica: la cosa che mi rende più felice è aver vinto due set punto a punto dove c’era da lottare su ogni palla. Nel primo set, quando la battuta non ci ha portato i soliti frutti, siamo stati bravi a vincerla con muro e difesa, nel secondo è stata invece la battuta a spaccare il set. Nel terzo siamo stati bravissimi a non mollare e costruirci il recupero negli ultimi punti, facendo dei cambi palla per nulla scontati”.

Micah Christenson (Leo Shoes Modena): “Latina è una squadra forte con giocatori che possono fare la differenza. Matt ha fatto una grande partita soprattutto al servizio. La partita di domenica sarà diversa dalla supercoppa, loro hanno iniziato a giocare con Ghafour e hanno un modello di gioco diverso.”

Matt Anderson (Leo Shoes Modena): “Il nostro sistema è questo, spingere tanto in battuta e giocare bene muro/difesa, se riusciamo a farlo abbiamo ottime chance di vincere contro chiunque”.

Sostieni Volleyball.it