Superlega: Monza balla al PalaPanini. 3-1 ad una Modena senza gioco e idee

Azimut Leo Shoes Modena – Vero Volley Monza 1-3 (22-25, 26-28, 25-20, 18-25)
Azimut Leo Shoes Modena: Keemink 3, Urnaut 19, Anzani 6, Zaytsev 12, Bednorz 10, Holt 7, Benvenuti (L), Rossini (L), Pierotti 0, Lusetti 0, Mazzone 0, Kaliberda 5, Pinali 3. N.E. Van Der Ent. All. Velasco.
Vero Volley Monza: Orduna 2, Dzavoronok 15, Yosifov 10, Buchegger 20, Botto 15, Beretta 10, Giannotti 0, Rizzo (L), Galliani 2, Buti 0. N.E. Arasomwan, Ghafour, Calligaro. All. Soli.
ARBITRI: Rapisarda, Luciani.
NOTE – durata set: 30′, 35′, 30′, 28′; tot: 123′. Spettatori 4.733. Incasso 49.721 euro. MVP: Orduna.

MODENA – La penultima sfida casalinga di regular season regala a Modena una forte amarezza, la peggior sconfitta casalinga della stagione contro una squadra che solo in questa occasione schierava per la prima volta sin dalla prima battuta di avvio la diagonale Orduna – Buchegger, quella che Soli aveva disegnato nei progetti di inizio estate ma che poi un infortunio dell’opposto in maglia austriaca aveva cancellato.

Una sconfitta che pesa, più che per il risultato e la classifica (Milano perde con Trento, resta agli emiliani il 4° posto) per quanto mostrato e messo in campo dalla formazione gialloblù che ancora ad oggi non riesce a trovare una quadra nel gioco e non mostra progressi.

C’è un pizzico di nervosismo di troppo nella squadra di Velasco, ma l’assenza di Chrsistenson non può essere un alibi. A Monza mancava Plotnytsky infortunato e Buchegger era alla prima da titolare dopo un lungo stop, eppure l’attenzione messa in campo dalla squadra di Soli è risultata essere molto differente.

PIU’ E MENO – Per la Vero Volley una vittoria che fa morale e regala a Buchegger buone sensazioni per il suo rientro: 20 punti, 47% in attacco, 2 muri e 2 ace.  Attacco, muro e battuta sono in favore di Monza: 52% a 47%,, 16 muri a 10, 5 ace a 5. Modena ha dalla sua la percentuale di ricezione: 30% prf a 26% 55% positiva e 48%, ma la differenza è minima. Mvp della gara Orduna, bene anche Dzavoronok (64%, 14 su 22 una sola palla negativa in attacco). Si esaltano i centrali Yosifov e Beretta. Il bulgaro piazza 7 muri, Beretta, uno degli ex, chiude con il 79% in attacco (7 su 9, 0 errori) e 3 muri. 9 punti nel solo primo set. Per Modena poche luci: l’unica veramente brillante è quella di un sempre generoso Tine Urnaut, da inizio stagione il più continuo ed efficace. Al di là dei numeri (19 punti, 61% in attacco, 1 sola palla negativa, 25 ricezioni al 52% di positiva, 19 battute un solo errore) Tine è sempre l’ultimo a cedere. Senza di lui questa squadra avrebbe diversi punti in meno in classifica. Finisce ancora in panchina Ivan Zaystev, 12 punti all’attivo, 10 su 22 in attacco (45%) 5 muri subiti, 1 errore, 2 muri, 11 battute, 2 errori. Pinali lo rileva a metà del secondo set. L’opposto ancora non decolla in questa sua stagione modenese.

COSA VI SIETE PERSI – Al di là della bella prestazione corale dei brianzoli e dell’entusiasmo del coach Soli, modenese, un passato come giocatore gialloblù, ha spiccato il debutto in Superlega – a metà del quarto set – del 16enne palleggiatore Matteo Lusetti, classe 2002, 17 anni il prossimo 6 agosto.

Tine Urnaut, il migliore di Modena: 19 punti, 61% in attacco
Tine Urnaut, il migliore di Modena: 19 punti, 61% in attacco

LA PARTITA –  Parte forte Modena (3-0) con Zaytsev ad andare a segno. Monza risponde con Botto (muro su Zaytsev) e Buchegger, 4-2, ma è sempre Modena ad essere avanti con Urnaut e Bednorz, 7-3. Beretta e Dzavoronok avvicinano la Vero Volley, 8-6. Invasione di Dzavoronok, palla out di Buchegger e Modena vola sull’11-7. Con pazienza e grazie all’ottima intensità offensiva di Beretta ed il turno al servizio di Buchegger (anche ace), i monzesi mettono il naso avanti, 13-14. Scatenato Beretta sia in attacco che a muro (su Bednorz), 14-16. Errore al servizio di Bednorz dopo l’invasione monzese e giocata vincente di Buchegger, 16-19. Gli emiliani faticano a trovare continuità al servizio: Monza ringrazia, portandosi poi con il mani fuori di Beretta dal centro sul 19-22. Urnaut non sbaglia, Buchegger fa lo stesso (20-23 Monza). Muro di Urnaut su Dzavoronok e Soli chiama time-out sul 21-23 per i suoi. Beretta devastante in attacco, (21-24). Holt tiene in corsa Modena ma la palla out di Bednorz regala il gioco alla Vero Volley, 22-25.

Parità fino al 4-4, poi Modena scappa complice la battuta out di Botto ed il muro di Holt su Buchegger, 6-4. Botto piazza la pipe del meno uno, Yosifov il pari con il muro su Zaytsev, 8-8 e punto a punto fino all’11-11. Break Modena con il servizio di Anzani, 13-11, ma i lombardi non perdono contatto con gli emiliani grazie a qualche errore in battuta della squadra di casa e le giocate di Yosifov, passano avanti 14-15. Modena torna in vantaggio con Holt e Anzani, subendo successivamente il nuovo sorpasso monzese con Buchegger e Dzavoronok (ace), 17-18. Punto a punto infinito alla ripresa del gioco: Galliani mura Pinali ed annulla il primo set-point Modena. Buchegger risponde a Urnaut (25-25), poi porta avanti la Vero Volley, 25-26, che chiude il gioco con il muro di Yosifov su Pinali, 26-28.

Modena è aggressiva in attacco con Zaytsev a martellare forte, 8-5. Buchegger e Botto guidano la rimonta della Vero Volley, brava a riportarsi sotto gradualmente fino al meno uno, 14-13. Bednorz non sbaglia, Botto gli risponde, ma sempre emiliani avanti di uno con Bednorz, 16-14. Buchegger tiene in corsa Monza, 18-15, Botto idem, portandola al meno due, 20-18. Modena però non cala e con Bednorz, Urnaut e Zaytsev chiude il gioco 25-20.

L’Azimut Leo Shoes parte forte con Holt e Bednorz, 5-2 e Soli chiama time-out. Due muri di Yosifov (Anzani e Zaytsev) valgono però il nuovo vantaggio Vero Volley, 8-9 e Velasco chiama la pausa. Al ritorno in campo pipe di Dzavoronok, 9-11, poi giocata di Botto, di Orduna (muro su Bednorz) e di Buchegger (ace) e Vero Volley che scappa 11-15 con Velasco che chiama time-out. I modenesi faticano a trovare continuità sia in attacco che al servizio, a differenza dei monzesi che, con Dzavoronok, continuano ad allungare, 13-18. Urnaut tenta di dare una scossa ai suoi (15-20) ma Keemink sbaglia al servizio, con la Vero Volley che vola sulle ali dell’entusiasmo con Yosifov (giocata centrale e muro su Zaytsev) e Dzavoronok che piazza la pipe, 16-24. Buchegger chiude il set, 18-25.

Velasco riprende un Keemink, impreciso
Velasco riprende un Keemink, impreciso

HANNO DETTO
Julio Velasco (allenatore Azimut Leo Shoes Modena): “I ragazzi stanno dando tutto quello che hanno, ma sono bloccati, è evidente che c’è qualcosa che davvero non funziona. Abbiamo fatto una settimana importante con la vittoria in Champions e degli ottimi allenamenti, poi in campo non siamo all’altezza e questo non deve più succedere. La prossima gara voglio vedere il sangue negli occhi dei miei ragazzi, ai quali alla fine del match ho stretto la mano perché abbiamo perso tutti, io con loro”.
Jacopo Botto (Vero Volley Monza): “Stasera è andata molto bene direi. Portiamo a casa tre punti preziosissimi in casa di Modena. Forse non molti se lo aspettavano, ma noi ci tenevamo tanto a fare bene dopo la sconfitta in Challenge Cup contro Lisbona. Domani si va in palestra per preparare la sfida di ritorno contro i portoghesi in cui cercheremo di dare il massimo per riscattarci. Dopo la vittoria di stasera dobbiamo riposare e focalizzarci sull’importante match che ci aspetta mercoledì”.

Sostieni Volleyball.it