Superlega: Padova che impresa! 3-0 alla Trento che accusa l’assenza di Kovacevic

QUARTI GARA 2
KIOENE PADOVA – ITAS TRENTINO 3-0
(25-22; 26-24; 25-22)
Kioene Padova: Travica 2, Louati 11, Polo 7, Torres 11, Barnes 9, Volpato 11, Bassanello (L), Lazzaretto 0, Danani La Fuente (L), Cottarelli 0. N.E. Premovic, Sperandio, Cirovic. All. Baldovin.
Itas Trentino: Giannelli 3, Van Garderen 1, Candellaro 3, Vettori 12, Russell 12, Lisinac 6, De Angelis (L), Grebennikov (L), Codarin 1, Nelli 0, Cavuto 2. N.E. Kovacevic, Daldello. All. Lorenzetti.
ARBITRI: Tanasi, Sobrero.
NOTE – Spettatori 3251, incasso 40646, durata set: 31′, 34′, 28′; tot: 93′.

PADOVA – Impresa di Padova, impresa della truppa di coach Baldovin che in Gara 2 dei Quarti di Finale dei Playoff in scena alla Kioene Arena, sfrutta al meglio la giornata sì dei suoi uomini superando nettamente l’Itas Trento dell’ex Nelli, portando la situazione delle vittorie in parità e allungando la serie.

Sfruttando il fattore campo e l’assenza di Kovacevic, al palo per un problema alla schiena, Padova guidata lucidamente dall’MVP Travica, gioca tutte le sue carte e, nonostante una partita combattuta, non lascia nemmeno un set agli ospiti, aggiudicandosi la partita in 3 set.

I PIU’ E I MENO – Le percentuali parlano di una partita non perfetta dal punto di vista tecnico, ma combattuta quasi alla pari: troppe battute sbagliate da ambo le parti (18 errori e 4 ace per Padova, 15 errori e 3 ace per Trento) e stesso numero di muri (7 di cui 3 per Polo). La differenza a favore di Padova la fanno sia la ricezione (50% la positiva contro il 38% dei trentini) e soprattutto l’attacco, con i padovani che registrano il 47%, contro il 39% dei trentini. Punti ben distribuiti da entrambe le parti: 12 per Russel e Vettori, 11 per Louati, Volpato e Torres.

COSA VI SIETE PERSI – Cartellini come piovessero: gli animi si scaldano sul finire di secondo set, quando un attacco di Polo visionato al video-check viene giudicato out dal primo arbitro invece di essere rigiocato, perché il pallone è coperto dal piede del giocatore: 22-23 per Trento, time out e al rientro le continue proteste di Travica gli valgono un giallo, con tanto di applausi ironici del capitano. Inizio di secondo set e sul 4-3 le scintille si accendono sotto rete tra Volpato e Giannelli che, dopo la veloce punto del centrale, si prendono a male parole e vengono trattenuti e portati via a forza dai compagni. Tanasi assegna un rosso a testa.

SESTETTI IN CAMPO – La Kioene Padova schiera nel sestetto di partenza la diagonale Travica-Torres, Volpato e Polo al centro, di banda Louati e Barnes ed il libero Danani.
L’Itas di Lorenzetti, costretto a rinunciare a Kovacevic, scende in campo con Giannelli e Vettori, affiancati da Lisinac e Candellaro al centro, gli schiacciatori Russell e Van Garderen, il libero Grebennikov.

CRONACA – L’incontro comincia con un muro di Trento, poi Padova mette il break del sorpasso con Louati e Torres per il 5-3. Trento impatta a quota 6 e per qualche scambio si procede punto a punto, poi la Kioene allunga 11-8 con Volpato e mantiene il margine per gran parte del set, fino a quando Vettori impatta a quota 20. Due tocchi poco puliti di Giannelli scatenano le proteste di Padova, che però riesce a rimanere lucida e con il trittico di Louati, Polo e Barnes si aggiudica il set.

Nella seconda frazione il primo allungo lo mette la Kioene riuscendo a portarsi sul 5-3, grazie anche all’attacco out di Van Garderen, e, nonostante la momentanea parità ottenuta da Vettori (8-8) i veneti allungano ancora spingendo in battuta (ace di Barnes) e alzando il muro con Louati (12-9). Nella fase centrale Trento si riporta in scia, con Travica che si affida a Polo per tenere avanti i bianconeri; Padova però è troppo fallosa al servizio e l’Itas ne approfitta pareggiando proprio grazie ad un ace di Russel (17-17). Due attacchi pregevoli di Louati ed i veneti sono di nuovo a +2, ma gli errori si pagano e l’Itas Trentino sorpassa 22-23, con una palla contestatissima, che procura un giallo a Travica per proteste. La Kioene si scatena e dal 23-24, ribalta la situazione con Volpato e si prende il set con l’ace di Torres.

Nel terzo set è ancora Padova a prender il largo grazie agli ace di Volpato (8-4), ma Vettori guida i suoi fino al 9-8. La Kioene con Torres e Louati si riporta a distanza 12-8, costringendo Lorenzetti ad esaurire i time out a sua disposizione. Russell si risveglia e riporta sotto i trentini, che impattano a quota 15. Quando gli errori di Trento danno un altro break di vantaggio ai padroni di casa (21-18), Lorenzetti sostituisce Vettori con Nelli. Russell chiude dei bei colpi in attacco e tiene da solo i trentini in gioco, ma non basta e la coppia Volpato/Louati chiude set e partita.

HANNO DETTO

Valerio Baldovin  (coach Kioene Padova): “I ragazzi hanno giocato un’ottima partita e di sicuro il fattore campo ha dato il suo contributo. Siamo stati bravi ad approfittare della mancanza di un giocatore del calibro di Kovacevic ma non era comunque semplice. Trento ora vorrà dare il massimo per chiudere la serie a Gara 3 ma sono orgoglioso del modo con cui i ragazzi hanno affrontato questo match davanti a un pubblico straordinario”.

Angelo Lorenzetti (coach Itas Trentino): “Pur non giocando bene stasera siamo arrivati in tutti set molto vicini a Padova in termini di punteggio. Abbiamo sprecato qualche occasione ed abbiamo subito una serie di break che potevamo evitare. Per questi motivi credo si debba guardare ciò che abbiamo fatto e non quello che non abbiamo fatto. Sapevamo che i playoff sono impegnativi: già contro Monza abbiamo notato che qualcosa nel nostro gioco si era incastrato. Dobbiamo però lavorare per fare meglio di questa sera”.

Sostieni Volleyball.it