Superlega: Piacenza scatto d’orgoglio… 3-2 al Padova dopo quasi 3 ore di gioco. Kooy+Hernandez 62 punti

9. GIORNATA
GAS SALES PIACENZA – KIOENE PADOVA 3-2 (25-22, 29-31, 28-26, 28-30, 15-11)
Gas Sales Piacenza: Cavanna 0, Kooy 32, Krsmanovic 13, Nelli 20, Berger 12, Stankovic 15, Fanuli (L), Yudin 0, Scanferla (L), Paris 0, Botto 2. N.E. Fei, Tondo, Copelli. All. Gardini.
Kioene Padova: Travica 4, Ishikawa 19, Polo 8, Hernandez Ramos 30, Randazzo 9, Volpato 12, Bassanello (L), Casaro 1, Barnes 0, Danani La Fuente (L). N.E. Fusaro, Canella, Gottardo, Cottarelli. All. Baldovin.
ARBITRI: Zavater, Cesare.
NOTE – durata set: 28′, 39′, 33′, 40′, 18′; tot: 158′.

La classifica

PIACENZA – Una maratona, tre parziali ai vantaggi, la superserata di Kooy (32 punti), il ritorno di Nelli, le battute di Ishikawa ed Hernandez (30 punti complessivi per l’opposto). Al temine di una gara in cui la differenza l’hanno fatta la precisione nei momenti chiave e la  tenuta, la Gas Sales Piacenza conquista due punti d’oro in chiave salvezza, sorpasso a Latina. Padova, che ha il merito di non  aver mai mollato, muove la classifica e aggancia Milano.

Una cosa è certa: chi si presenta al PalaBanca a seguire la Gas Sales non si annoia. Con Padova arriva un successo al tie break al termine di una partita infinita: due ore e 40 di battaglia e di emozioni che regalano ai biancorossi la terza vittoria al tie break su quattro tentativi stagionali.

La sorpresa sgradita in casa piacentina è lo stop di Alessandro Fei, infortunatosi a un ginocchio in allenamento e indisponibile probabilmente per una decina di giorni. Quella gradita invece è il rientro di Gabriele Nelli, fermo dal confronto con Vibo Valentia che riparte alla grande con due ace consecutivi. Al suo fianco è in serata anche l’altro “recuperato”, Dragan Stankovic, che chiude il primo set con tre muri e il 100 per cento in attacco. Nella prima frazione i biancorossi partono bene e si mantengono avanti per l’intero parziale, grazie anche a un Kooy immarcabile che mette a terra 7 palloni, rispondendo per le rime a un Ishikawa ispirato che però si ferma a 5.

Avanti 1-0 i biancorossi ripartono da dove avevano finito, con gli attacchi di uno scatenato Kooy e di un positivo Nelli. Però Padova stavolta resta attaccata e per la prima volta mette la testa avanti con il muro su Krsmanovic del 7-6. Si procede spalla a spalla fino a quando Berger non conclude un’azione infinita con una grandissima doppia difesa biancorossa per il 17-16 e subito dopo Krsmanovic trova l’ace. Dovrebbe essere la svolta del secondo parziale, che sembra prendere la strada di Piacenza quando Kooy ferma Hernandez a muro e un imprendibile Stankovic mette a terra tutto quanto passa sopra la rete per il 23-20. I due ace consecutivi di Ishikawa portano tutto in parità (23-23). Randazzo trova il set ball col mani out del 23-24 e il finale è un testa a testa che si conclude 29-31 con il punto di Ishikawa l’attacco out di Nelli.

Nel terzo set Berger è protagonista delle prime battute e sul suo 7-3. La Kioene recupera fino al 13-13 con ace di Travica. Il servizio vincente di Hernandez costringe coach Gardini a chiedere pausa (17-18) ma i padroni di casa sono bravi a cambiare inerzia sfruttando anche le ottime difese di Scanferla (22-20). Padova ci crede e con il doppio punto di Hernandez, la Kioene trova il set ball sul 23-24. A questo punto emerge tutto il carattere della Gas Sales che proprio nel momento più difficile tira fuori gli artigli e trova il muro decisivo di Kooy su Hernandez per il 28-26.

Nel quarto set Padova passa avanti 1-3 ma spreca facendosi subito rimontare (5-3). La Kioene si affida nuovamente ai colpi del suo opposto e il cubano trova il 14-14. E’ un continuo testa a testa fino al 23 pari. Ishikawa trova la diagonale del 23-24. Al rientro dal time out Piacenza ribalta la situazione con Stankovic a beccare l’ace del 25-24. Prosegue a lungo fino a quando l’ace di Hernandez e l’attacco out di Nelli mandano le squadre al tie break (28-30). nel finale di set la Gas Sales ha a disposizione anche quattro match point ma non riesce a sfruttarli cadendo sotto i colpi di un Hernandez che sviluppa una battaglia personale con Kooy. I due bomber terminano la frazione con 10 punti a testa.

Il quinto e ultimo set vede subito la Gas Sales insidiosa al servizio con Cavanna, costringendo Padova a ricostruzioni difficili (4-1). Al cambio campo Piacenza è avanti 8-5 e l’uomo in più per i padroni di casa è Berger (10-6). La Kioene si riavvicina con Randazzo (12-10) ma il match ball passa per Krsmanovic (14-11). Il muro di quest’ultimo su Polo chiude il match 15-11.

HANNO DETTO

Dragan Stankovic (Gas Sales Piacenza): “Per noi è sempre importante vincere, potevamo però portare a casa i tre punti per come abbiamo giocato e per questo siamo un po’ dispiaciuti. Non siamo ancora costanti fino alla fine: durante la partita ci è capitato di avere alcuni punti di vantaggio e di non riuscire a chiudere a nostro favore il set. Ora bisogna pensare subito alla prossima gara che ci aspetta”.

Valerio Baldovin (coach Kioene Padova): “Piacenza è un’ottima squadra con grandi giocatori, per cui questo è un punto tutto guadagnato. Questo match avremmo potuto anche perderlo senza portare a casa nulla, ma ancora una volta abbiamo lottato. Ovvio che gare come questa portano via energie, ma dobbiamo sempre puntare a migliorarci. In alcune situazioni di contrattacco non siamo stati brillanti e questo spesso ci ha condizionato”.

Sostieni Volleyball.it