MODENA – Numeri e curiosità in pillole sulla decisiva Gara 3 della serie dei quarti di finale playoff tra trentini e emiliani.

Itas TRENTINO – Gas Sales Bluenergy PIACENZA

  • 150 i muri realizzati nella storia della sfida, 92 per Trento e 58 per Piacenza.
  • Con i 33 punti realizzati in Gara 2 Aaron Russell ha raggiunto Srecko Lisinac (15 punti domenica) in vetta alla classifica dei bomber della sfida (117).
  • L’ultima volta che Trento ha perso una gara di spareggio nei quarti di finale scudetto risale alla stagione 2006/07. Allora fu Cuneo ad imporsi nella decisiva Gara 3 (3-2 in terra piemontesi). In seguito vittorie contro Molfetta (2015/16), Verona (2017/18) e Padova (2018/19), tutte e tre ottenute tr ale mura amiche.
  • Con i 4 ace messi a referto in Gara 2 Alessandro Michieletto è salito a quota 15 in stagione nei Trento-Piacenza, più del doppio di qualsiasi altro atleta delle due squadre (Kaziyski è a 7).
  • Nelle due gare della serie Marko Podrascanin ha messo a terra 16 dei 20 attacchi tentati (80%) senza errori né murate subite. In Gara 2 fu addirittura 10/11 (91%).
  • Francesco Recine è l’unico attaccante di palla alta di Piacenza a non aver commesso errori in attacco nella serie (33 palloni attaccati).
  • Con il riconoscimento di MVP ricevuto al termine di Gara 2 Aaron Russell è diventato il primo giocatore nella storia della sfida ad essere premiato sia con la maglia di Trento che con quella di Piacenza.
  • La sfida del Pala Banca di domenica scorsa ha fatto registrare diversi record di stagione per Piacenza: gara più lunga (2 ore e 28 minuti), gara con più punti totali (124), gara con più punti diretti (103, record assoluto nelle competizioni italiane per il 2021/22), gara con più ace (13) e gara con più attacchi vincenti (80).