Superlega: Pillole semifinali Gara 3. De Giorgi cerca il bis, Zaytsev si supera, Kovacevic unica certezza. Perugia verso i 400 ace

Il tecnico della Lube è già uscito vincente dall’impianto trentino al termine di una Gara 3 di semifinale 9 anni fa, l’opposto di Modena è reduce dalla gara più prolifica in carriera nei playoff. Lo schiacciatore serbo unico giocatore di Trento sempre in doppia cifra, agli umbri manca una sola battuta vincente per il traguardo.

MODENA – Numeri e curiosità in pillole sulle sfide di gara 3 delle semifinali scudetto in programma questa sera a Trento e Perugia.

Sir Safety Conad PERUGIA – Azimut MODENA (serie 1-1)

  • Perugia non perde due gare consecutive nei playoff dalla stagione 2015/16 quando fu proprio Modena a battere in tre gare consecutive gli umbri nella serie di Finale.
  • 3 i muri per Gianluca Galassi in Gara 2, massimo in carriera nei playoff per il giovane centrale.
  • Grazie ai 5 ace realizzati venerdì scorso Wilfredo Leon mantiene una media perfetta di un ace a set in questa serie di semifinale (9 in totale).
  • I 27 punti messi a referto da Aleksandar Atanasijevic al Pala Panini rappresentano la miglior prestazione dell’opposto serbo nelle ultime 30 partite di playoff da lui disputate. Per trovare una prestazione più prolifica bisogna risalire a Gara 1 delle semifinali 2015/16 (30 punti).
  • A Perugia manca un solo ace per raggiungere l’incredibile cifra di 400 in tutte le competizioni in stagione (399).
  • Con la vittoria in Gara 2 Modena si è aggiudicata almeno un incontro di semifinale playoff in ognuna delle ultime 5 stagioni. 
  • Il set decisivo per la vittoria di martedì sera è stato il 50° conquistato da Modena nei precedenti.
  • I 30 punti messi a referto da Ivan Zaytsev rappresentano il nuovo record personale per l’opposto in una gara di playoff. Battuto il precedente primato di 28 relativo a Gara 1 dei quarti della stagione 2013/14 (Lube-Verona 3-2). Inoltre il premio di MVP ricevuto a fine gara è il primo in assoluto per lui nei Modena-Perugia.
  • 4 i muri in Gara 2 per Daniele Mazzone che in un solo colpo ha raddoppiato il totale di quelli messi a segno nelle prime tre gare di questi playoff (2, uno per ogni gara dei quarti).

Itas TRENTINO – Cucine Lube CIVITANOVA (serie 0-2)

  • Trento ha sempre vinto almeno una gara in ognuna delle serie di semifinale disputate nella sua storia (11 serie oltre all’attuale).
  • Liberi in difficoltà in Gara 2. Jenia Grebennikov ha fatto registrare la peggior prestazione in assoluto della sua stagione per quanto riguarda le ricezioni perfette (6%), dall’altro lato della rete Fabio Balaso ha chiuso addirittura con lo 0%.
  • Con i 3 muri di Gara 2 Davide Candellaro è arrivato a quota 9 in 18 set per una media di 0,50 a set nei playoff, la più alta in carriera. Il centrale di Trento ha inoltre staccato Simon come miglior muratore stagionale della sfida con 15 muri a fronte dei 13 del cubano.
  • Uros Kovacevic è l’unico giocatore di Trento ad aver realizzato almeno 10 punti in ognuna delle gare da lui giocate in questi playoff (4 su 5). Grazie ai 18 di Gara 2 è inoltre arrivato a 150 nei Trento-Lube (40 lo scorso anno, 110 in questa stagione).
  • La Lube ha vinto le ultime 4 sfide di Gara 3 disputate nelle semifinali; l’ultima sconfitta risale alla stagione 2012/13 (Piacenza-Lube 3-1).
  • Ai marchigiani mancano 4 ace e 7 muri per raggiungere rispettivamente quota 350 (346) e 450 (443) in stagione contando tutte le competizioni. In Gara 2 sono stati 7 gli ace e 6 i muri.
  • I 3 ace messi a referto in Gara 2 da Yoandy Leal sono i primi per lui in questi playoff.
  • Ferdinando De Giorgi ha già guidato la Lube alla vittoria di una Gara 3 delle semifinali a Trento: nella stagione 2009/2010 finì 3-0 per i marchigiani che però persero la serie 1-3.

Sostieni Volleyball.it