Superlega: Quanto picchia Monza! Boom boom Lagumdzija-Sedlacek, Modena ko

Il Vero Volley di coach Soli vince al PalaPanini grazie all'apporto degli attacchi del 21enne opposto turco di origine bosniaca. Vero ago della bilancia del match, Modena aspetta ancora Vettori

1014
Lagumdzija, top scorer contro Modena

1. GIORNATA
Leo Shoes Modena – Vero Volley Monza 1-3 (20-25, 25-23, 23-25, 22-25)
Leo Shoes Modena: Christenson 3, Lavia 13, Stankovic 11, Karlitzek 14, Petric 11, Mazzone 3, Sanguinetti (L), Iannelli (L), Sala, Vettori, Grebennikov (L), Bossi. N.E. Lusetti, Estrada Mazorra. All. Giani.
Vero Volley Monza: Orduna 2, Dzavoronok 11, Galassi 2, Lagumdzija 23, Sedlacek 21, Holt 14, Brunetti (L), Beretta 5, Calligaro 0, Federici (L). N.E. Falgari, Ramirez Pita. All. Soli.
ARBITRI: Giardini, Braico.
NOTE – durata set: 29′, 32′, 33′, 31′; tot: 125′. Spettatori 1.216. Incasso: 9.527 euro. MVP: Lagumdzija

MODENA – Non accadeva dalla prima giornata della stagione 2009/10 che Modena perdesse nella prima giornata di campionato. Da quel Trenkwalder Modena – Cucine Lube Macerata a Leo Shoes Modena – Vero Volley Monza son trascorsi undici anni e ci ha pensato un modenese, il tecnico Fabio Soli, allenatore del club brianzolo a far rivivere quel piccolo trauma al club emiliano. Un risultato per una bella Vero Volley più che meritato, che solo la mancanza di esperienza di taluni elementi ha fatto sì che il successo arrivasse solo al 4° set e non prima. Per Modena tanta discontinuità, ma soprattutto si sente la mancanza di una mano pesante. Aspettando Vettori, con la speranza per Giani e c. che possa esserlo, Modena perde la sfida con una delle avversarie dirette per il 4°-6° posto.

SESTETTI – Annunciati, Modena con Christenson in regia, Karlitzek ancora opposto; Lavia e Petric schiacciatori, Mazzone e Stankovic al centro, Grebennikov libero. Monza parte con Orduna in regia, Lagumdzija opposto, Dzavoronok e Sedlacek schiacciatori, Galassi e Holt centrali, Federici libero.

PIU’E MENO – E’ la gara di Adis Lagumdzija. L’opposto di origine bosniaca con passaporto turco è giovane ma posto due di vecchio stampo. Attaccante pesante che picchia al servizio, mette le mani a muro e schiaccia con potenza. Il bomber di Monza mette a segno 23 punti, 50% in attacco, 1 solo errore, 3 muri fatti, 3 subiti, 2 ace. Insieme a lui Soli può contare sul croato Marko Sedlacek (21 punti, 4 a muro, 1 ace, 16 attacchi) e anche sull’ex Holt. Il centrale statunitense attacca al 90%, fa 3 muri e 2 ace (14 punti totali). Monza spicca per 17 muri all’attivo (5 di Modena). Se non fosse per i 35 errori in favore di Modena sarebbe stato 0-3. Modena? Con Karlitzek opposto (14 punti) la squadra è e resta leggerina. Il miglior gialloblù è Stankovic 73% in attacco, 8 su 11, 3 ace.

LA PARTITA – Primo set a Monza. Il Vero Volley tiene il pallino del set sin dalle battute iniziali (6-8) via via allungando il vantaggio 13-16, 17-21 fino al 20-25. La differenza Monza la fa in attacco e a muro. 5 i block di squadra dei brianzoli, 52% in attacco per Lagumdzjia e soci contro il più “leggero” 34% di Modena. L’oppostone di Soli si fa sentire: 8 punti personali.

Secondo set in equilibrio (10-10) con Modena a inseguire. Beretta dà il via ad un nuovo allungo brianzolo: muro su Lavia (11-13). Momento chiave: Sedlacek in ricostruzione smarca Lagumdzija da posto 2 senza muro, l’opposto di origine bosniaca ma passaporto turco chiude a rete il possibile 13-17. Qui i biancorossi sembrano accusare quel tanto da permettere a Modena – che inserisce Bossi per Mazzone – di impattare sul 17-17 (ace di Stankovic su Dzavoronok) e prendere per mano il set: Karlitzek firma l’ace del 21-18. Un ace di Holt su Grebennikov e due bombe di Lagumdzija (8 punti per lui anche in questo seti) valgono il -1 (24-23). Chiude però il servizio out di Calligaro entrato proprio per battere dai nove metri. Troppi i 12 errori di Monza.

Inerzia ed entusiasmo tutto modenese: 5-2. Lagumdzija firma il 6-6. Si tira in battuta, gara che va a folate. Avanti prima l’una, poi l’altra. Si esaltano Karlitzek e Holt al servizio ma anche Grebennikov che letteralmente vola a difendere: 15-15. Orduna mura a uno Lavia (16-17), Sedlacek (9 punti nel set) trova l’ace su Petric (16-18). Ancora errori di una Monza poco cinica: 21-21. Invade Karlitzek: 21-23. Petric rigioca di fino con una palletta e chiude il gap: 23-23. Sedlacek attacca e mura 23-25.

Ancora equilibrio, dopo un iniziale buon abbrivio di Modena nel quarto set. Lagumdzija e Sedlacek impattano sull’8-8. Ancora Monza: 10-12 con Sedlacek e 11-14 con il muro di Beretta. Monza diventa fallosa, Modena si rifà sotto: 18-19. Entra ancora Vettori in prima linea ma è la squadra di Soli che fa il match: allungando 18-21 e poi sfruttando al meglio gli errori di Modena al servizio: ben 3 in questo finale con Mazzone, Karlitzek e quello finale di Petric.

HANNO DETTO

Andrea Giani (allenatore Leo Shoes Modena): “Abbiamo faticato a trovare il ritmo in attacco, non ci siamo accesi: anche sulla ricezione molto buona siamo stati poco efficienti, le partite si vincono con l’attacco e dobbiamo lavorare su questo. Siamo bravi a costruirci tante occasioni con le difese e i recuperi, però dobbiamo sfruttarle meglio e mettere giù la palla, migliorando sia le scelte di attacco sia i colpi”.

Maxwell Holt
(Vero Volley Monza): “Venire al PalaPanini qualche mese dopo aver giocato con la maglia di Modena è stato davvero emozionante. La nostra squadra ha saputo giocare una grande pallavolo, soprattutto nei momenti importanti. Possiamo fare ancora molto di più sulle palle facili, ma stiamo giocando a un ritmo molto elevato. Siamo un gruppo giovane che può crescere tanto. Quello che stiamo facendo tutte le settimane si vede in partita. Avanti così”.

Sostieni Volleyball.it