Superlega: Trento torna in vetta. Vincono anche Verona e Latina

Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia – Itas Trentino 0-3 (23-25, 16-25, 18-25)
Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia: Zhukouski 1, Skrimov 9, Mengozzi 4, Al Hachdadi 12, Barreto Silva 1, Vitelli 5, Cappio (L), Marsili 0, Lopez 2, Marra (L), Strohbach 5. N.E. Presta, Domagala. All. Valentini.
Itas Trentino: Giannelli 4, Kovacevic 11, Lisinac 9, Vettori 8, Russell 12, Candellaro 4, De Angelis (L), Grebennikov (L), Van Garderen 0, Cavuto 0, Codarin 0. N.E. Nelli, Daldello. All. Lorenzetti.
ARBITRI: Piana, Brancati.
NOTE – durata set: 28′, 24′, 23′; tot: 75′.
Spettatori 1225
Mvp Lisinac

VIBO VALENTIA – I Campioni del Mondo dell’Itas Trentino espugnano il PalaValentia con il punteggio di 0-3 e mantengono la vetta della classifica della SuperLega Credem Banca. Ma, soprattutto, la compagine di coach Lorenzetti si conferma un autentico rullo compressore: i tre punti conquistati in Calabria significano ventesima vittoria consecutiva ottenuta tra Campionato, CEV Cup e Mondiale per Club. Un ruolino di marcia incredibile che la Tonno Callipo ha provato a scalfire disputando un grandissimo primo set dove per lunghi tratti ha messo alle corde i pluridecorati campioni gialloblù.
È stato dapprima Skrimov ad infiammare il PalaValentia con due ace consecutivi, poi i giallorossi si sono portati due volte avanti 15-13 e 17-15 costringendo coach Lorenzetti a chiamare a raccolta i suoi. Finale di primo set punto a punto dove ad essere premiata sul filo del rasoio è stata Trento con il punteggio di 23-25. La partita della Tonno Callipo è finita lì: da quel finale di primo set i ragazzi di coach Valentini non sono più riusciti a mantenere quell’intensità di gioco e per Trento (aggressiva in battuta con 10 ace realizzati) è stato un gioco da ragazzi proseguire il match. Con un sontuoso Grebennikov (eccezionale il libero transalpino sia nei fondamentali di seconda linea che nella ricostruzione delle palle sporche), e poi i vari Lisinac, Russell (80% in attacco) e Kovacevic (64% in attacco), ben innescati da Giannelli, hanno trovato terreno fertile. Di fronte una Tonno Callipo che ha provato a resistere con coach Valentini che più volte ha provato a mutare lo scacchiere tecnico-tattico dei suoi senza però trovare il bandolo della matassa. Ai giallorossi non è bastato un ottimo 58% in attacco. Mvp del match è stato votato il centrale serbo Lisinac autore di 9 punti (50% in attacco, 3 muri e 2 ace).

HANNO DETTO
Stefano Mengozzi
(Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia): “Nel primo set abbiamo avuto l’occasione per andare avanti, potevamo essere più cinici. Da quel momento lì ci siamo un po’ spenti. Loro sono i Campioni del Mondo che hanno nella battuta un loro punto di forza. Ora con Ravenna dobbiamo preparare bene la partita e dobbiamo essere bravi noi a far sì che sia una gara diversa”.
Davide Candellaro (Itas Trentino): “In trasferta dobbiamo migliorare l’approccio alla partita. È stato importante vincere il primo set, poi ci siamo sciolti e abbiamo preso le misure sfruttando la nostra battuta. Stiamo lavorando per far sì che questo nostro periodo di forma duri il più a lungo possibile”.


Calzedonia Verona – BCC Castellana Grotte 3-1 (25-21, 24-26, 25-18, 25-20)
Calzedonia Verona: Spirito 2, Manavinezhad 13, Solé 12, Boyer 24, Kaziyski 16, Alletti 6, Giuliani (L), De Pandis (L), Birarelli 0, Magalini 0. N.E. Pinelli, Marretta, Sharifi. All. Grbic.
BCC Castellana Grotte: Falaschi 0, Wlodarczyk 13, De Togni 7, Kruzhkov 0, Mirzajanpourmouziraji 18, Zingel 7, Pace (L), Cavaccini (L), Zanatta Buiatti 10, Agrusti 0, Quartarone 0, Scopelliti 0. N.E. Studzinski Rodrigues. All. Di pinto.
ARBITRI: Gnani, Moratti.
NOTE – durata set: 28′, 29′, 25′, 25′; tot: 107′.
Spettatori 3212
MVP Boyer

VERONA – Partita combattuta e avvincente, quella andata in scena all’Agsm Forum. Castellana Grotte si rivela ancora una volta un avversario ostico per i gialloblù, che portano a casa altri tre punti importantissimi. La partita inizia subito in modo tirato, fra le due formazioni. Con Kaziyski, Calzedonia prova a prendere il largo, ma con due ace di Mirza e Wlodarczyk Castellana è sempre lì, dal 9-9 al 17-17 è un batti e ribatti, con scambi anche molto lunghi e logoranti prima del 25-21 scaligeri.
Nel secondo set, prende coraggio Castellana, in difesa lavora bene e la gran schiacciata di Mirzajanpour porta sul 19-21. Mani-out e schiacciata di Kaziyski, il match è di nuovo punto a punto. Set point di nuovo nelle mani della Calzedonia, ma i pugliesi fanno una buona difesa, poi murano e chiudono 24-26.
La Calzedonia Verona assorbe il colpo e nel terzo set reagisce con forza, conduce il parziale con personalità, creando difficoltà in difesa a Castellana. Solé, Kaziyski e Boyer continuano a bombardare gli avversari, difficile per Zanatta e compagni tenere il ritmo.
Infine, l’ultimo set viene condotto sempre punto a punto. Creare uno strappo si rivela complicato, perché i pugliesi difendono con le unghie, il confronto serrato prosegue fino ai punti finali, quando Calzedonia mette in campo tutta la sua grinta e con Solé e Boyer trova punti decisivi. Mani-out e poi ace di Kaziyski, e il match ball è dei gialloblù.
Spettatori: 3212

HANNO DETTO
Nikola Grbic (allenatore Calzedonia Verona): “Abbiamo caricato molto questa settimana, sapevamo quindi che non saremmo stati brillantissimi e velocissimi, la pericolosità di questo appuntamento era di non essere al 100%, ma sono arrivati tre punti importanti. Appena abbiamo mollato abbiamo perso un set. Questo è davvero il Campionato più bello del mondo, non puoi mollare un attimo, tutti ti possono mettere in difficoltà”.
Aidan Zingel (BCC Castellana Grotte): “Non mi aspettavo tanta emozione tornando qui a Verona. Siamo rimasti in partita fino alla fine, è positivo perché altre volte abbiamo mollato all’ultimo, invece è stata una lotta. Chiaro, contro Verona si fa sempre fatica, ma la prestazione è stata positiva. Peccato non prendere punti, ma l’avversario di oggi è uno di quelli che lotta per le posizioni alte”.


Emma Villas Siena – Top Volley Latina 2-3 (23-25, 25-20, 24-26, 25-17, 12-15)
Emma Villas Siena: Marouflakrani 3, Ishikawa 17, Cortesia 13, Hernandez Ramos 24, Maruotti 3, Van De Voorde 8, Caldelli (L), Giovi (L), Savani 9, Gladyr 0, Mattei 0. N.E. Vedovotto, Spadavecchia. All. Zanini.
Top Volley Latina: Sottile 1, Palacios 12, Barone 10, Stern T. 7, Ngapeth 9, Gitto 10, Caccioppola (L), Santucci (L), Parodi 17, Gavenda 12, Huang 0, Stern Z. 1. N.E. Rossi. All. Tubertini.
ARBITRI: Goitre, Saltalippi.
NOTE – durata set: 29′, 30′, 33′, 27′, 20′; tot: 139′.
Spettatori 1.664
Mvp Parodi

SIENA – La Top Volley Latina vince il match al tie break al PalaEstra contro la Emma Villas Siena. I laziali conquistano il primo ed il terzo set, poi subiscono per due volte la rimonta dei senesi. Si arriva al quinto parziale. Al tie break tuttavia la squadra di coach Tubertini vince 12-15 e conquista in questo modo 2 punti importantissimi per la propria classifica. L’mvp del match è Simone Parodi, autore dell’ultimo punto e di 17 punti complessivi in questa gara. A Siena non sono sufficienti i 24 punti messi a referto da Fernando Hernandez e i 17 di Yuki Ishikawa. Una vittoria che vale doppio per Latina che allunga sulla zona retrocessione inguaiando Siena.

HANNO DETTO
Cristian Savani (Emma Villas Siena): “Poteva andare anche peggio di così. Noi dobbiamo cercare di fare punti con tutti. Stasera c’è stata una bella reazione da parte del team, a tratti abbiamo fatto vedere un buon gioco e a tratti no, ci è mancato un pizzico di continuità. Non faremo tragedie perché abbiamo perso con Latina, sicuramente sarebbe stato meglio vincere. Il mio ingresso in campo? È andata meglio del previsto, sono bastati due allenamenti per trovare l’intesa con Saeid Marouf. Ringrazio lo staff medico biancoblù, grazie a loro mi sento già in buone condizioni”.
Simone Parodi (Top Volley Latina): “Siamo venuti qua per fare punti, loro sono una buonissima squadra e molto attrezzata. Siamo stati bravissimi con l’atteggiamento, siamo contenti per la gara che abbiamo fatto. Siena oggi ha giocato meglio rispetto al match di andata, abbiamo affrontato una buona Emma Villas e abbiamo conquistato punti importantissimi. La classifica ancora non la guardo, pensiamo a giocare bene e alla fine si tireranno le somme”.