Superlega: Vincono anche Civitanova (in vetta) e Cisterna il derby salvezza su Sora

MODENA – Completano il quadro della 7. giornata di ritorno le vittorie di Cisterna nel derby salvezza con Sora e Civitanova su Ravenna.

Top Volley Cisterna – Globo Banca Popolare del Frusinate Sora 3-1 (25-15, 25-23, 24-26, 25-18)
Top Volley Cisterna: Sottile 5, Van Garderen 15, Szwarc 12, Patry 23, Palacios 16, Rossi 5, Rondoni (L), Cavaccini (L), Peslac 0, Karlitzek 2, Elia 1. N.E. Rossato, Onwuelo. All. Tubertini.
Globo Banca Popolare del Frusinate Sora: Radke 2, De Barros Ferreira 13, Caneschi 6, Miskevich 4, Grozdanov 13, Di Martino 10, Mauti (L), Sorgente (L), Fey 0, Alfieri 0, Van Tilburg 12, Scopelliti 0. N.E. Battaglia. All. Colucci.
ARBITRI: Goitre, Vagni.
NOTE – durata set: 24′, 33′, 35′, 28′; tot: 120′. Spettatori: 1.012. MVP: Cavaccini.

La Top Volley Cisterna sconfigge la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora 3-1 e conquista l’ottava vittoria consecutiva nei derby laziali con i volsci. I pontini, con questo quarto risultato positivo stagionale, salgono a quota 12 punti nella classifica di Superlega e continuano la rincorsa salvezza. Decisiva la reazione dei padroni di casa che, dopo aver vinto i primi due set (2-0), subiscono il ritorno di Sora (2-1) ma nel quarto reagiscono chiudendo 25-18.

L’avvio di match della Top Volley Cisterna è come al solito a mille all’ora e il primo set è tutto dei pontini che s’impongono 25-15. Mai in discussione il parziale: Patry va al servizio e piazza un break di quattro punti con due aces di fila (16-7) ed è lo strappo decisivo del set che poi vede anche Palacios molto concreto (22-13), mentre Sora si dimostra fallosa dalla linea dei nove metri (cinque errori). Di sottile il tocco decisivo. I pontini chiudono con un attacco migliore (68% contro il 56% di Sora), una ricezione più precisa (82% a 40%) e quattro ace a zero. Più equilibrato il secondo parziale ma la Top Volley Cisterna lo porta a casa 25-23. Sora arriva fino al 23 a 20 ma Grozdanov e Scopellitti sbagliano la battuta e la Top Volley ringrazia con Alberto Elia che chiude 25-23. I pontini archiviano il parziale con sei muri punto e tantissime palle toccate mentre Sora sbaglia quattro servizi. Nel terzo spicchio di gara la Top Volley concede a Sora la possibilità di riaprire il match e cede 24-26 dopo essere stata costantemente avanti (6-1, 11-16 e 13-8) ma Sora ricuce lo svantaggio e inizia a mettere moltissima pressione con la battuta così dal 20-17 si passa al 23-23 e fino al 24-26 che fa sorridere i volsci, più precisi in attacco (54% contro 44%) e più efficaci a muro (tre a zero). Obbligati a vincere da 3, Patry e compagni danno tutto e chiudono 25-18 davanti a un pubblico sempre in piedi nel finale anche di fronte ai quattro match point consecutivi annullati da Sora. Con un grande Cavaccini, tornato ai livelli di inizio stagione tanto da meritarsi il premio come MVP, la Top Volley è avanti 9-5e allunga sul 19-11 con Palacios al servizio. Sul 24-15 servono altri cinque scambi per domare Sora e pensare al prossimo match contro Padova.

HANNO DETTO
Domenico Cavaccini (Top Volley Cisterna): “Siamo felicissimi per la vittoria, ci voleva in questa fase delicata. Dovevamo giocare prima contro le nostre paure e poi contro i nostri avversari. Quando è così è sempre difficile. Mi è piaciuta la reazione nel quarto set, abbiamo dato una grande risposta”.
Simone Roscini (secondo allenatore Globo Banca Popolare del Frusinate Sora): “Peccato per il secondo set, parziale in cui siamo riusciti a recuperare lo svantaggio, ma abbiamo perso 25-23. Eravamo rientrati in partita e potevamo gestire meglio quel momento perché saremmo arrivati sull’1-1 e forse la gara avrebbe potuto prendere una piega diversa. Cisterna ci ha messo grandissima pressione con la battuta”.

Cucine Lube Civitanova – Consar Ravenna 3-0 (25-21, 25-23, 25-19)
Cucine Lube Civitanova: Mossa De Rezende 1, Juantorena 11, Anzani 2, Rychlicki 11, Kovar 9, Simon 16, Diamantini 2, Balaso (L), Bieniek 3. N.E. D’Hulst, Marchisio, Massari. All. De Giorgi.
Consar Ravenna: Saitta 0, Lavia 12, Cortesia 5, Vernon-Evans 3, Ter Horst 7, Grozdanov 8, Marchini (L), Kovacic (L), Stefani 7, Batak 1, Alonso 0, Cavuto 0, Recine 0. N.E. Bortolozzo. All. Bonitta.
ARBITRI: Curto, Caretti.
NOTE – durata set: 28′, 28′, 29′; tot: 85′. Spettatori: 2.976. Incasso: 29.412 euro. MVP: Simon.

La Cucine Lube Civitanova rialza subito la testa in campionato, sbarazzandosi della Consar Ravenna con un secco 3-0 nella settima di ritorno della Regular Season di SuperLega Credem Banca (25-21, 25-23, 25-19), andata in scena all’Eurosuole Forum di Civitanova Marche davanti a 2976 spettatori. Marchigiani con Leal ancora a riposo e Kovar in campo, la novità rispetto alle ultime uscite si registra al centro, dove torna Anzani a far coppia con Simon. Il servizio e il solito ottimo Balaso sono le armi che consentono ai padroni di casa di raddrizzare una situazione difficile nel parziale d’apertura. Gli ace in serie di Rychlicki prima e Simon poi valgono la parità a quota 13 (dal -3), dopo una buonissima partenza della squadra di Bonitta, con Ter Horst trascinatore. Quindi l’ace di Kovar che mette la Lube per la prima volta col muso davanti sul 20-19. Il gran lavoro in seconda linea di Balaso, successivamente consente a Bruno di impostare i contrattacchi della fuga decisiva. Il 25-21 matura con un muro vincente di Bieniek, subentrato nel frattempo ad Anzani e subito protagonista. Al ritorno in campo alza subito il muro la Cucine Lube, mettendo il set inizialmente in discesa: 9-5 dopo i blocchi vincenti di Simon e Bruno (13-7), dopo quello di Juantorena su Kernan, che poco dopo lascia il campo (con Saitta) alla diagonale d’attacco Batak-Stefani. Con questa mossa Bonitta prova a scuotere i suoi, riuscendo nell’intento: Ravenna tiene botta nonostante le fiammate di Simon (17-14), ritrovando addirittura la parità sul 22-22 (muro su Kovar), ma si arrende 23-25 davanti allo strapotere fisico e tecnico del cubano (6 punti, 80% in attacco, 1 ace e 1 muro), che schianta a terra il primo tempo del 24-23 e la successiva palla corta dai nove metri che beffa la ricezione ravennate, fissando il 25-23. Il terzo set è un monologo della Cucine Lube, con Simon ancora protagonista: suo il titolo di Mvp della gara (con 16 punti e addirittura il 91% di efficacia in attacco, più 4 ace e 2 muri), che conferma capitan Juantorena e compagni in vetta a braccetto con Perugia.

HANNO DETTO
Fabio Balaso (Cucine Lube Civitanova) : “Dopo la brutta sconfitta di Modena era fondamentale ritrovare immediatamente la vittoria da tre punti, quindi obiettivo centrato. Si tratta di un successo salutare per la classifica, dato che la lotta per il primo posto è decisamente aperta, ma anche per il morale. Ora testa alla partita di Champions League che tra pochi giorni ci vedrà di scena a Trento”.
Marco Bonitta (allenatore Consar Ravenna): “Sapevamo che qui a Civitanova ci aspettava una partita molto difficile, e siamo quindi scesi in campo con l’obiettivo di tenere botta agli avversari. Ci siamo riusciti in maniera molto concreta nei primi due set, non nel terzo dove ho voluto dare spazio anche a chi aveva giocato meno. Usciamo a testa alta e va bene così, guardiamo avanti fiduciosi”.

 

Sostieni Volleyball.it