Tokyo2020: Brasile si conquista la terza finale. Comodo 3-0 alla Korea

474

SEMIOFINALE
BRASILE – KOREA 3-0 (25-16, 25-16, 25-16) – il tabellino

TOKYO – Anche la seconda semifinale dei Giochi femminili si chiude con un rotondo 3-0, è il Brasile di Zé Roberto che centra la sua terza finale olimpica femminile, dopo gli ori di Pechino 2008 e Londra 2012, al termine di una semifinale non complicata con la Korea di Lavarini, già bella sorpresa di queste semifinali. Il problema dello stop a Tandara per la positività ad un controllo antidoping risalente a Luglio non ha inciso nel morale della squadra verdeoro scesa in campo concentrata e determinata. Korea troppo fallosa in attacco per impensierire.

FORMAZIONE – Il Brasile presenta la stessa formazione del resto dei giochi, con un solo cambio obbligato: Montibeller per la sospesa Tandara, già rientrata in Brasile. Macris, in regia, l’opposta è la posto 2 di Novara, centrali Gattaz e Ana Carolina, Fe Garay e Gabi in 4, Camila Brait libero. Korea con  Yeum Hye Seon in regia, Kim Heejin opposta, Kim Su Ji e Yang Hyo Jin centrali, Kim Yeon Koung e Park Jeongah schiacciatrici, Oh Jiyoung libero.

PIU‘ – Tutto verdeoro questo capitolo con Fé Garay punto di riferimento di Macris. Gabi 12 punti. 15 i muri verdeoro (3 quelli coreani), 4 gli ace, 11 gli errori verdeoro contro i 16 delle asiatiche.

MENO – Rispetto al 3-0 del Brasile nel girone preliminare oggi alla Korea è mancata anche Kim. Nella prima sfida con le brasiliane aveva chiuso con un 12/19 in attacco e una efficienza del 52.63, oggi in semifinale 10/27, 22.22 di efficienza…

LA PARTITA – Primo set a senso unico sin dagli inizio: 5-2. La cronologia del parziale dice: 10-5, 18-12, 21-14, 25-16 finale. Asiatiche mai in partita nonostante una buona prova in difesa (14!) attacco che non incide (12/36). Rosamaria e Fe Garay subito in partita.
Secondo set che fino al 10-10 vede maggior equilibrio, poi il break decisivo: 15-10 verdeoro. Kim spinge: 16-14, poi il set si chiude con un 23-14… Fino al secondo 25-16.
Brasile che decide di prendere in mano il parziale da subito: 4-1. E’ il set in cui Macris cambia il suo gioco aprendo a Gabi (spettacolari gli attacchi in pipe con il muro koreano che salta a vuoto sui centrali) e Fe Garay. Rosamaria 0/5 non incide. E’ 10-5, 15-8, 20-10, 25-16, una sequenza che racconta un parziale senza storia con la Korea che affonda nell’efficienza in attacco.

Sostieni Volleyball.it