Tokyo2020: Focus su Italia-Polonia, qual è la condizione di Ivan Zaytsev? Poco servito in avvio di gara, perché?

1862

TOKYO – La partita con la Polonia ha fatto sorgere dei dubbi sulla condizione di Ivan Zaytsev, dubbi che nascono dallo scarso coinvolgimento sin dall’avvio della partita dell’opposto azzurro. Quasi che fosse una indicazione decisa a tavolino quella di non sovraccaricare il posto 2 che ai più invece pare giocatore per caratteristiche bisognoso di attaccare palloni in quantità per carburare e entrare a pieno nello sviluppo del gioco.

Tralasciando un dato che crediamo possa essere condiviso, che la Polonia attuale è in questo ciclo storico squadra più quotata della nostra e che forse se Heynen potesse scegliere giocatori azzurri da inserire nel proprio roster probabilmente punterebbe lo sguardo solo su Giannelli, e che quindi le cause della sconfitta con i bi campioni del mondo non sono attribuibili solo alla prestazione di Zaytsev, la domanda sul perché di questo suo scarso coinvolgimento è un tema.
Se è un problema di condizione (ginocchio? altro?) questo viene ai più taciuto e quindi non è valutabile né elemento di valutazione complessiva, ma se – con la Polonia – fosse stato un problema di scelte di gioco?
La conduzione della gara di Riccardo Sbertoli è andata proprio in quella direzione, risparmiare Ivan. Diktat studiato a tavolino o un avvio non voluto?

1° set Polonia – Italia
La distribuzione Italia in avvio
palla: attacco Anzani al centro (dopo ricezione sporca) difesa
palla: attacco Anzani difesa
palla: contrattacco rigiocata con Juantorena da posto 6 è 2-1
palla: contrattacco da posto 4 di Michieletto in palleggio
palla: contrattacco rigiocata con Michieletto da 4: 2-2
palla: contrattacco Galassi da 3, 2-3
palla: Zaystev da 2, difeso (1° pallone per l’opposto azzurro)
battuta out di Zaytsev: 4-4
palla: rice non positiva (su battuta di Kurek), Michieletto appoggia in palleggio, difeso
palla: Michieletto diagonale da posto 4, difesa da Leon
10° palla: Michieletto parallela da posto 4: 8-5
11°
palla: alzata dagli 8 metri a Juantorena in posto 4. Difesa da Leon
12°
palla: contrattacco alzato in 4 a Juantorena, difeso
13° palla: alzata obbligata a una mano a centro rete ad Anzani: 10-7
14°
palla: a Zaytsev da posto 4, mani out: 11-8
15°
palla: alzata dietro di Sbertoli da centro campo per Zaystev da 2: 12-10
16° palla: Sbertoli dai 4 metri alza in 4 a Michieletto, murato: 14-10
battuta di Zaytsev rigiocata punto dalla Polonia
17° palla: Michieletto mani out da 4
18° palla: contrattacco con Juantorena da 4, 17-15
19° palla: mani out di Juantorena da posto 2: 19-17
20° palla: alzata dietro a Zaytsev da posto 2, murata da Leon: 21-17
21° palla: alzata dietro a Zaytsev da posto 2, murata, rigiocata dopo copertura
22° palla alzata da Colaci in bagher da 6 in posto 2, attacco diagonale di Zaytsev: 21-18
23° palla a Michieletto in 4, diagonale: 23-19
24° palla: a Galassi spostato quasi in 4: 24-20

L’opposto azzurro ha attaccato il primo pallone solo alla 7. palla giocata da Sbertoli nel set; il primo punto è arrivato alla seconda occasione, però solo al 14° pallone giocato dagli azzurri.  Parziale chiuso con 3 palloni vincenti su 7, 0 su 2 al servizio.

Di contro la Polonia, con Fabian Drzyzga in regia ha distribuito da subito scaldando i suoi due princilpali terminali di attacco Leon e Kurek, ben presto con il braccio “caldo” e fiducia:

La distribuzione della Polonia sin dall’avvio di 1° set
palla: attacco, pipe di Leon, 1-0
palla: contrattacco Leon da posto 4, 2-0
palla: attacco di Leon da 4, difeso
palla: contrattacco Kurek da 2, difeso
palla: (riceve Leon) primo tempo di Bieniek difeso
palla: primo tempo di Bieniek difeso
palla: contrattacco giocato su Leon, 3-3
palla: contrattacco in pallonetto lungo di Leon, out. 3-4
palla: contrattacco diagonale di Leon da 4. 5-4
10° palla: contrattacco parallelo da 1 di Kurek. 6-4
ace Kurek 7-4
11° palla ricostruzione, contrattacco con Kurek in mani out da posto 1. 8-4
12° palla alzata ad una mano a posto 4 per Leon: 9-5
13° palla appoggio di Sliwka in palleggio.
14° palla: alzata in ricostruzione da Leon, alta a Kurek. Murato: 9-5
15° palla: primo tempo spostato a Bieniek. 12-8
16° palla: pallonetto di Leon da 4, difeso
17° palla: attacco Nowakowski. 15-11
18° palla: Leon da 4, pallonetto out nei 3 metri: 15-13
19° palla: Kurek da 2, difeso
20° palla: contrattacco Leon da 4, mani out. 16-13.
– ace Leon: 17-13
– battuta in rete di Leon: 17-14
21° palla: primo tempo a Nowakowski, difeso
22° palla: alzata a Kurek in posto 1: diagonale. 18-15
23° palla: alzata a una mano obbligata a Bieniek, mani out. 19-16
24° palla: alzata dietro in 2 a Kurek, diagonale vincente, 22-18
25° palla: a Nowakowski in 3: 24-19
26° palla a Leon campanile in 4, diagonale vincente: 25-20.

 

 

Sostieni Volleyball.it