Tokyo2020: La Serbia chiude al 3° posto. 3-0 ad una felice Korea di Lavarini, Boskovic ne fa 33

894

FINALE 3° POSTO
KOREA – SERBIA 0-3 (18-25, 15-25, 15-25)
KOREA: Kim Su Ji, Yeum Hye S., Kim Yeon Koung 11, Yang Hyo Jin 5, Kim Heejn 8, Park J. 7, Oh (L); Ah H., Jeong, Pyo 1.  N.e.: Lee S., Park E.. All. Lavarini.
SERBIA: Ognjenovic 4, Busa 5, Popovic 8, Boskovic 33, Milenkovic 2, Rasic 6, Popovic (L); Mirkovic, Blagojevic. N.e.:  Aleksic, Mihajlovic, Bjelica. All. Terzic.
Arbitri: Rapisarda (ITA), Rolf (USA).
Note: Durata set  25’, 24’, 25’.  Toh 1.14.
KOREA: attacchi 25/89, muri 2, ace 5/49, errori avversari 16.
SERBIA: attacchi 44/79, muri 7, ace 7/74, errori avversari 17.

TOKYO – I 33 punti di Tijana Boskovic hanno contribuito alla vittoria della Serbia sulla Corea per 3-0 (25-18, 25-15, 25-15) per andare a vincere la medaglia di bronzo nei Giochi femminili a Tokyo 2020.
Per l’oppsota serba una prestazione con 25 attacchi vincenti, 6 ace e 2 muri, mentre Kim Yeon-Koung è riuscito realizzare solo 11 punti per la Corea.
Per la Serbia il numero di medaglie olimpiche sale a due, dopo l’argento a Rio 2016 ecco la medaglia di bronzo a Tokyo 2020.

LA PARTITA – Uno serie di errori di servizio da entrambe le squadre seguito da uno scambio di attacchi ha mantenuto il punteggio in equilibrio nel primo set, fino ad una serie di ace consecutivi di Kim Heejin che ha cambiato il ritmo della Corea: 8-6. Kim Yeon-Koung ha spinto avanti ancora la Korea insieme ad un errore di Boskovic in attacco: 13-10.
Boskovic però ha cambiato passo con tre punti consecutivi che hanno cambiato il senso del parziale e acceso la Serbia: parziale di 6-0 per le ragazze di Terzic supportato anche da Milena Rasic: 23-17. Boskovic chiude il set 25-18 con un muro, il suo 14° punto nel set.
Nel secondo set, Boskovic ha mantenuto alto il ritmo di attacco della Serbia. Su parte con un immediato 14-7. La Corea ci prova in attacco ma non trova soluzioni per fermare l’opposto serbo. Boskovic continua a fare punti e chiude in attacco anche il secondo set 25-15.
Terzo set a senso unico. Con cinque punti di Rasic (quattro punti in attacchi e un muro) la squadra è arricata agevolmente al match point, fino all’errore in attacco della corea per la medaglia di bronzo della Serbia sul 25-15.

Sostieni Volleyball.it