Tokyo2020: Le dichiarazioni post gara. Mazzanti, Malinov, Danesi e Sylla

1830

TOKYO – Le dichiarazioni post gara dopo il successo sulla Turchia.

DAVIDE MAZZANTI: “Siamo soddisfatti di aver ottenuto la seconda vittoria, nonostante ci sono stati dei momenti in cui abbiamo faticato a stare dentro la partita. Siamo partiti fortissimo, poi invece non siamo riusciti a continuare a divertirci e quando questo capita ne risentiamo. La nostra battuta non ha funzionato sempre al massimo e la Turchia con palla sulla testa è un grosso problema. Dopo aver vinto il terzo set, nel quarto ci siamo liberati e abbiamo espresso il nostro meglio tutto insieme. Oggi abbiamo incontrato una delle squadre più in ritmo del momento e volevamo vedere come avremmo risposto, alla fine le cose sono andate bene. La nostra scelta è stata quella di presentarci in palla fisicamente all’Olimpiade, d’altro canto abbiamo poco ritmo e lo dobbiamo acquisire giorno per giorno, i test provanti per sa lire di livello non sono mancati e non mancheranno”.

OFELIA MALINOV: “Siamo contentissime, è una vittoria fondamentale per noi, anche perché la Turchia è una delle squadre che in questo momento sta giocando un’ottima pallavolo. Noi siamo state brave a metterle sotto e ancora di più a venirne fuori quando lo hanno fatto loro. Quando ci esprimiamo al 100% penso si veda in campo, adesso dobbiamo concentrarci sul mantenere sempre questo livello. Penso un po’ ci manchi il ritmo partita, ma sono convinta che lo troveremo. Essere qui alle Olimpiadi è un sogno, me le voglio godere, dando sempre il massimo in ogni gara. Questo è un gruppo che quando si diverte è capace di mettere ancora una qualità migliore in campo: è la nostra forza e dobbiamo ricordarcene, senza incupirci”.

ANNA DANESI: “Una buona partita in generale, come successo con la Russia. Non penso ci sia un singolo che sta emergendo in particolare, ma è il nostro collettivo che sta facendo la differenza. Sono sicura, comunque, che possiamo esprimere una pallavolo ancora migliore, fosse per noi giocheremo ogni giorno, senza riposi. Forse a inizio match abbiamo aspettato troppo il loro gioco, ma alla lunga è venuto fuori il nostro. La Turchia gioca una pallavolo molto veloce, però siamo state ordinate a muro e i risultati si sono visti. Nel tempo libero cerchiamo di svagarci e divertirci, d’altronde con un gruppo come questo è impossibile non farlo”.

MYRIAM SYLLA: “Una bella vittoria, avevamo visto la partita che avevano disputato contro la Cina e sapevamo che sarebbe stata molto dura. La Turchia è un po’ come noi, quando entra in palla si infuoca. Noi siamo state brave a gettare acqua, difendendo qualche palla in più e toccando tanto a muro. Abbiamo avuto delle difficoltà, però tenendo duro siamo riuscite a portare a casa questo importantissimo risultato. Non sono entrata la prima gara, ma ho fatto il mio esordio oggi, anche se forse ero più emozionata contro la Russia. Quando è toccato a me non ho pensato di essere alle Olimpiadi e le mie compagne sono state fantastiche a darmi una mano”.

Sostieni Volleyball.it