Tokyo2020: Tillie perde i Giochi… Questa era la sua ultima estate in nazionale dopo 8 anni

1018
Laurent Tillie

FRANCIA – Sull’Equipe di oggi Guillaume Degoulet intervista il Ct della Francia Laurent Tillie.

Il tecnico è tornato sulla sua decisione di lasciare la panchina dei transalpini alla fine del suo contratto, alla fine di agosto, anche se avrebbe voluto annunciare la sua partenza “molto più tardi”.

Intervista rilasciata prima della notizia del rinvio delle Olimpiadi di Tokyo2020.

Il 10 marzo, abbiamo appreso che avevi deciso di lasciare “Les Bleus” il 31 agosto, alla fine del contratto come allenatore. Perché questa scelta inaspettata? “Questa è una decisione ben ponderata. Ho vissuto otto anni davvero straordinari, anche se non è sempre stato facile. I giocatori mi hanno dato molto durante questo lungo viaggio. Ma mi è costato un sacco di energia. E per proseguire, avrei dovuto dare molto di più. Onestamente, mi sarebbe piaciuto proseguire per Parigi2024, che è un obiettivo eccezionale, ma avevo paura di non avere abbastanza forza e ‘ossigeno’ da condividere con il gruppo”.

Sente un po’ di stanchezza? “Un po’, sì. E poi, otto anni con lo stesso allenatore, questo è molto anche per i giocatori. Chiedi a loro. La stanchezza è umana. Ti stanchi di sentire sempre la stessa cosa. Era meglio fermarsi”.

Non era possibile rinnovarsi?  “Mi sento come se avessi suonato ogni corda. Ho cercato di rinnovarmi al massimo ma, nonostante tutto, c’è la necessità di aggiornare la cornice, vale a dire lo staff, perché il quadro della squadra di Francia di 2024 è già lì, sul posto. La nostra capacità in questi otto anni è di essere stati in grado di conciliare i risultati e il rinnovamento delle generazioni. Non abbiamo vinto ogni volta, giusto. Ma oggi abbiamo bisogno di un nuovo respiro, di una visione e di una gestione diverse, anche con la Federazione. Non volevo soffocare le cose con la mia presenza”.

Finire sul podio olimpico di Tokyo, se i giochi si svolgeranno in tempo, sarebbe un’apoteosi? “Solo il fatto di partecipare una seconda volta di fila alle Olimpiadi è una grande risultato. Non stabilisco obiettivi, anche se rimango ambizioso. Voglio solo che tutti diano il loro meglio per andarsene senza rimpianti”.

Quando sei entrato in carica nel 2012 avevi detto che non volevi rimanere al lungo. “Assolutamente. Pensavo di restare solo quattro anni. Ma i giocatori mi hanno fatto cambiare idea. Il rinnovamento della parola e del metodo sono essenziali per mantenere la motivazione”.

Volevi fermarti prima? Pensiamo ai Campionati del Mondo 2018, in Bulgaria, dove hai vissuto momenti delicati. “Sì, esatto. Ci ho pensato a volte. I primi quattro anni sono stati facili mentre stavamo crescendo (5° a Euro 2013, 4° al Mondiale 2014, vincitori di Europeo 2015). Fino ai Giochi di Rio nel 2016, quando ci abbiamo sbattuto la faccia (9°). Poi, l’Europeo 2017 (9°) e il Mondiale 2018 (7°) non erano così importanti, sapevo che sarebbe stato difficile mantenere lo stesso livello di motivazione. Ciò che veramente importava era l’Europeo 2019 (4°) e il 2020 con le Olimpiadi di Tokyo”.

Nel 2012, hai ereditato una selezione eliminata da tutte le competizioni internazionali. Lì la lascerai qualificata per tutto: l’Europeo 2021, il Mondiale 2022 e le Olimpiadi 2024. Sei orgoglio di questo? “È abbastanza buono, non è vero? Ma il mio vero orgoglio è che i giocatori avevano sempre la convinzione che tutto fosse possibile. Ci hanno sempre creduto, come a gennaio durante la qualificazione olimpica a Berlino”.

Chi le subentrerà? Ci saranno molti candidati… “La scelta è difficile e non mia. Non voglio dire niente”.

Il tuo successore dovrebbe avere il supporto dei giocatori? “Certo, ma non devono decidere. Ci vuole qualcuno che abbia abbastanza personalità ed esperienza per imporre il suo stile, necessariamente diverso dal mio”.

Hai firmato per quattro anni con il club di Osaka, i Panasonic Panthers. Perché Il Giappone?  “Perché dopo aver deciso di chiudere con la Nazionale, sono stato sopraffatto dalla nostalgia. Quando è arrivata quella proposta a lungo termine, mi ha illuminato. Ogni volta che andavo in Giappone, ero solleticato da questa cultura. Ad ogni modo, dopo la selezione, avevo bisogno di un cambiamento radicale. Volevo lasciare l’Europa, immergermi in un mondo completamente diverso e imbattermi in altre modalità operative”.

E se i giochi fossero spostati, cosa succederebbe? “Sarebbe complicato per me. Se le Olimpiadi si svolgessero nell’anno, il Presidente della Federazione francese, Eric Tanguy, mi ha assicurato che sarebbe toccato a me. Il Panasonic dovrebbe essere d’accordo, ovviamente ma penso che sarebbe fattibile. In caso di rinvio al 2021, allora toccherebbe al mio successore”

Sostieni Volleyball.it