Trento: Diego Mosna mura le avance di mercato per Giannelli. “Mondo della pallavolo a valutazioni esagerate”

L'abbraccio tra patron Mosna e Giannelli
L'abbraccio tra patron Mosna e Giannelli

TRENTODiego Mosna, presidente di Trento, interviene sulle voci di mercato e sul vortice dell’aumento costi del volley mercato con un post su Facebook,

 

di Diego Mosna

I primi mesi dell’anno, per la pallavolo italiana e mondiale, sono tradizionalmente quelli in cui le Società iniziano a programmare la stagione successiva e a guardarsi attorno, scatenando inevitabilmente tante voci, talvolta anche incontrollate, di mercato.

A tal proposito mi preme precisare quanto segue:

– E’ normale che qualsiasi avversaria sogni di poter avere nel proprio organico Simone Giannelli; è un giocatore di altissimo livello ma negli ultimi mesi il suo nome è stato associato a Civitanova e Perugia senza che Trentino Volley l’abbia mai messo sul mercato.

Ribadisco quindi con forza che non è nostra intenzione privarci del nostro Capitano, elemento fondamentale per Trentino Volley non solo per il suo indiscutibile valore di atleta ma anche per l’uomo che è diventato negli ultimi dieci anni crescendo con addosso la nostra maglia. La ritengo fra le pedine più importanti per continuare a costruire un futuro di alto livello.

– Credo che la smania di voler creare roster sempre più competitivi stia portando il mondo della pallavolo a valutazioni esagerate e ad una corsa al rialzo rispetto alle offerte da presentare a giocatori sicuramente di grande peso specifico ma non tali da giustificare certe cifre.

– Il mercato è in continua evoluzione anche per Trentino Volley ed è normale che la nostra Società si stia guardando attorno e muovendo, fortunatamente con meno ansia e foga delle dirette concorrenti.

L’auspicio è che queste mie considerazioni portino ad una riflessione generale, prima di non poter più venir meno ad una spirale di costi che a mio giudizio sta diventando davvero abnorme.

In ogni caso, buona pallavolo a tutti

 

Sostieni Volleyball.it