Treviso: Caso Ghirada, intervengono il vice presidente Bilato e il presidente regionale Maso

1460
Il Vice Presidente federale Adriano Bilato (sx) con Michele De Conti, ex Segretario Generale della Sisley Treviso, oggi presidente del Comitato Fipav Treviso/Belluno

TREVISO – In merito alla decisione della società Verde Sport di ridurre drasticamente gli spazi concessi, in Ghirada, al Volley Treviso – (leggi qui), riportiamo il pensiero del vice-presidente nazionale Fipav Adriano Bilato e del presidente regionale Fipav Veneto, Roberto Maso.

“Come posso essere d’accordo con una decisione del genere? – dice il vice presidente nazionale Fipav, Adriano Bilato -, Treviso nonostante non abbia più la serie A sta facendo un lavoro straordinario a livello giovanile. Il fatto di non avere più una propria “casa” penalizza soprattutto questi ragazzi, la maggior parte dei quali viene proprio dal territorio trevigiano. Come Fipav non possiamo fare altro che continuare ad incitare il Volley Treviso a fare il proprio lavoro così come è stato fatto fino ad ora ed esprimere tutto il nostro rammarico per la decisione di precludere la Ghirada a questa società”.

“Treviso rappresenta una parte importante della storia e della pallavolo veneta e italiana – dice il presidente regionale Fipav, Roberto Maso -, pur non avendo più una squadra in SuperLega, questa Società ha continuato a lavorare e a investire nel settore giovanile conquistando titoli nazionali e fornendo giocatori di interesse nazionale in tutte le categorie. La scelta di Verde Sport penalizza, oltre al Volley Treviso a cui va tutta la nostra solidarietà, tutta la pallavolo veneta”.

Sostieni Volleyball.it